Cerca nel quotidiano:


Orti Sociali “dirottati” da Antignano a Coteto

Nogarin: "Questo deve fare un'amministrazione 5 stelle: ascoltare i cittadini e lavorare con loro per trovare le soluzioni più adatte ad ogni singolo problema"

Venerdì 30 Settembre 2016 — 10:39

Mediagallery

Non sarà più realizzato l’orto urbano in via Caduti nei Lager Nazisti ad Antignano; l’intervento è stato dirottato su via Bedarida, nel quartiere di Coteto, un’altra area di verde pubblico, anch’essa censita dagli uffici comunali e ritenuta idonea ad ospitare la presenza di orti sociali nell’ambito del progetto regionale “Centomila orti in Toscana”.
Lo ha deciso la Giunta Municipale che ha ritenuto opportuno dare mandato agli uffici di verificare la fattibilità tecnica di un trasferimento del progetto in una zona alternativa a fronte delle richieste del Comitato dei Cittadini costituitosi per dire no alla realizzazione dei 50 orti sociali nell’area di Antignano.
“Avevamo pensato di realizzare 50 orti sociali in via Caduti dei lager nazisti ad Antignano – spiega il sindaco su facebook – Prima di iniziare i lavori abbiamo aperto un dialogo con i residenti del quartiere, abbiamo raccolto le loro osservazioni e abbiamo deciso di cambiare area, dirottando questi 50 orti urbani a Coteto. Questo deve fare un’amministrazione 5 stelle: ascoltare i cittadini e lavorare con loro per trovare le soluzioni più adatte ad ogni singolo problema.  Alle scelte calate dall’alto noi preferiamo la condivisione”.

“Non vorrei che questa decisione possa figurare come un dietro front dell’Amministrazione per la pura protesta dei residenti” – tiene a precisare l’assessore Alessandro Aurigi – “Ciò che ci ha convinto nel scegliere un’area alternativa sono state piuttosto le richieste e le legittime problematiche sollevate dallo stesso Comitato con cui ci siamo incontrati”.
Il Comitato infatti ha sottolineato che l’area verde individuata è già un punto di aggregazione e di ritrovo per tante famiglie e bambini di Antignano e non solo; realizzarvi orti sociali significherebbe limitarne un uso che la cittadinanza già fa.
“Questo utilizzo da parte dei cittadini ed il conseguente esito sull’approfondimento tecnico operato dagli uffici, ci ha pertanto indotto a guardare ad una area alternativa – aggiunge l’assessore – la via Bedarida, nel quartiere di Coteto. Inoltre, lo stesso Comitato si è offerto a presentare un progetto di riqualificazione dell’area antignanese completamente autofinanziato, perché l’area possa essere pienamente fruibile e diventare spazio urbano di iniziative di quartiere”.
“Si è quindi innescato – conclude l’assessore – un meccanismo virtuoso di ascolto e di cittadinanza attiva che cerchiamo di diffondere su tutto il territorio: da un lato la forte volontà di ascoltare la voce del cittadino, le sue legittime richieste e bisogni, dall’altro il “diritto-dovere” del cittadino di sentirsi parte integrante della comunità ed operare per arricchire la stessa comunità”.
Ora il compito passa agli uffici tecnici comunali che “ricalibreranno” il progetto dell’agricoltura sociale per adattarlo alle caratteristiche dell’area verde di via Bedarida. Anche qui saranno realizzati 50 orti (probabile che l’area possa contenerne anche qualcuno in più) e la possibilità anche – cosa che non era presente nel progetto di Antignano – di realizzare un’area attrezzata per il ritrovo degli ortisti, oltre ad un percorso dedicato alle essenze della macchia mediterranea. Per procedere al progetto preliminare variato, gli uffici tecnici sono ora in attesa della conferma formale della variazione da parte di Ente Terre Regionali Toscane.

Riproduzione riservata ©

Cerchi visibilità? Contattaci: 1,1 milioni di pagine viste al mese e oltre 54.800 iscritti a Fb. Per preventivi https://www.quilivorno.it/richiesta-preventivo-banner/ oppure [email protected]

GRAZIE!


1 commento

 
  1. # Elisa

    Così anche li diventa un letamaio come quelli in via Goito. Perché non venite a vedere.