Cerca nel quotidiano:


Palamito di 9 km intorno alla Gorgona. Sequestrati oltre 100 chili di pesce

Il prodotto sequestrato dalla guardia costiera, dopo l’autorizzazione sanitaria del servizio veterinario dell’Usl di Livorno, sarà donato ad enti di beneficenza

Venerdì 27 Ottobre 2017 — 13:10

Mediagallery

Sono 9 i chilometri di lunghezza di un “palamito o palangaro ad ami” scoperto e fatto rimuovere nelle acque protette di Gorgona dalla guardia costiera di Livorno. I militari sono intervenuti sul posto con una motovedetta, a seguito di una segnalazione della polizia penitenziaria, trovando l’isola completamente circondata dall’attrezzo da pesca. Dal numero di matricola segnato sulle una boette, si risaliva ad un peschereccio catanese attualmente di stanza a Viareggio per la campagna di pesca del pesce spada.
Questo motopesca, in qualche modo era venuto a conoscenza dei fatti, ancor prima di essere rintracciato, ha quindi provveduto a a lanciare una chiamata via radio per denunciare la perdita dell’attrezzatura.
Alla chiamata ha subito la sala operativa della capitaneria di porto che ha ordinato al comandante del motopesca di recarsi sul posto del ritrovamento e seguire le disposizioni della motovedetta.
E’ stato così imposto, sotto stretta sorveglianza degli uomini della guardia costiera, il recupero a bordo del palamito. Oltre 3 ore sono state impiegate dall’equipaggio per la completa rimozione di svariate migliaia di ami, tutti innescati e calati intorno all’isola, comprese le zone di mare più protette destinate a parco. Oltre 100 kg, il pescato catturato.
Sono stati  pertanto sottoposti a sequestro penale un tonno rosso e un pesce spada, specie ittiche per le quali le norme nazionali ed internazionali prevedono stringenti regole per la loro cattura, nonché una grossa cernia bruna del peso di oltre 15 kg, di notevolissimo pregio sotto l’aspetto biologico marino, uno scorfano ed una lampuga.
Un bottino per certi aspetti fortunatamente limitato in relazione alle potenzialità di un’attrezzatura, armata con migliaia di ami, che qualora non fatta rimuovere dalla guardia costiera avrebbe determinato un considerevole impatto sulle risorse e conseguente notevole pregiudizio per l’ecosistema marino, in una zona altamente protetta da un punto di vista ambientale.

L'ATTREZZATURA DA PESCA SEQUESTRATA DALLA GUARDIA COSTIERA

L’ATTREZZATURA DA PESCA SEQUESTRATA DALLA GUARDIA COSTIERA

Guardia costiera che, sentita l’autorità giudiziaria di Livorno, sta ora svolgendo indagini al fine di verificare in particolare se le dichiarazioni del comandante del peschereccio, un messinese di 53 anni residente a Lido di Camaiore, sulla perdita dell’attrezzatura siano veritiere, ovvero non siano state soltanto un tentativo per sollevarsi dalle responsabilità del fatto illecito. Fatto per il quale le norme in materia ambientale sulla protezione delle aree destinate a parco prevedono sanzioni a carattere penale. Il prodotto sequestrato, dopo l’autorizzazione sanitaria del servizio veterinario dell’Usl di Livorno, sarà donato ad enti di beneficenza.

Riproduzione riservata ©

7 commenti

 
  1. # lev

    Toh l’hanno perso…era li’ a poppa e improvvisamente non cera piu’…Probabilmente stavolta gli e’ andata male…

  2. # pasquale

    questi sono coloro che fanno danni al sistema, no i pescasportivi.

    1. # lev

      Non generalizzerei….in Sardegna mi sono trovato a discutere con un sub che aveva in carniere quattro cernie di 15 cm…la scusa era che non aveva trovato altro…

      1. # Morchia

        Quello non è un pescasportivo, è un bracconiere (di cernie se ne possono prendere al massimo 1 al giorno e 15 cm è sotto la taglia minima). Il confronto va fatto tra pescasportivi corretti e professionisti corretti. L’impatto dei secondi rispetto ai primi è comunque devastante

  3. # Daniele

    venite a fare qui i controlli dove?? A Catania muoiono decine di spadini al giorno. calcolate per le barche..fatevi 4 calcoli …vergogna italiana..e poi non parliamo dei tonnetti …

  4. # Paolo

    Continuate,continuate a depredare il mare fregandosene delle regole:ma quando un giorno non ci sarà più pesce non chiedete allo Stato!

    1. # Morchia

      No guarda questi stanno già chiedendo da anni e ottengono pure. Gasolio a prezzi ridotti, incentivi per la rottamazione delle barche, riduzione delle sanzioni (come dire, io devo infrangere le regole quindi non mi puoi aumentare le sanzioni); stanno per tassare i pescasportivi per devolvere gli introiti al sostentamento della pesca professionale, fate voi! Vi ricordate poco tempo fa la manifestazione contro l’aumento delle sanzioni? E che il governo è quindi tornato indietro?