Cerca nel quotidiano:


Palazzo del Picchetto, via allo sgombero

E' iniziata il 7 maggio l'operazione di sgombero del Palazzo del Picchetto in piazza Guerrazzi. Presenti forze dell'ordine con il questore, sindaco, vicesindaco e assessore al sociale

Martedì 7 Maggio 2019 — 16:02

Mediagallery

E’ iniziata il 7 maggio l’operazione di sgombero e successivo sequestro preventivo del Palazzo del Picchetto in piazza Guerrazzi di proprietà dell’Agenzia del Demanio e, come si specifica in un comunicato della Prefettura, occupato abusivamente da oltre un centinaio di persone. L’area è stata delimitata dalle transenne con le camionette anti sommossa della polizia su entrambi i lati. Traffico bloccato in via Grande per alcune ore. Consentito l’accesso solo ai residenti e ai giornalisti. Sul posto anche sindaco Nogarin, vicesindaco Sorgente, assessore al sociale Apolloni e questore (guarda la video-intervista). “E’ una operazione ordinata dalla Procura – ha spiegato il primo cittadino – che la città attendeva da tempo a seguito dei numerosi comitati per la sicurezza e ordine pubblico. Ci stavamo lavorando da 6 mesi. Come Comune abbiamo svolto un’opera di coordinamento fra i vari soggetti in campo”.
Lo stesso Comune, specifica la Prefettura, ha assunto l’impegno di provvedere alla provvisoria sistemazione degli occupanti in associazioni o alberghi. Il Palazzo – come informa la questura con un comunicato stampa – era finito più volte al centro di fatti di cronaca per violenze e risse, ma anche reati legati allo spaccio di stupefacenti che spesso avevano allarmato i residenti.
“L’operazione di sequestro va intesa non tanto per l’occupazione abusiva – ha spiegato il questore Suraci ai microfoni di Quilivorno.it – quanto perché all’interno venivano commessi alcuni reati. La squadra mobile, la digos e la questura, hanno raccolto una serie di elementi che hanno portato l’autorità giudiziaria ad emettere questo provvedimento”.

Riproduzione riservata ©

36 commenti

 
  1. # ELENA

    FINALMENTE RIPRENDIAMO LA Dignità DI QUESTA Città…IN MANO NOSTRA.

  2. # ug8onogarINOsono8

    hanno avuto 5 anni e lo fanno adesso a ridosso elezioni…

    1. # peter

      Il picchetto è proprietà del demanio, il quale chiede al tribunale l’esecuzione di sfratto, visto come vanno le cose nei tribunali si faccia due conti. A me per sfrattare un moroso tra un cavolo e l’altro ho dovuto aspettare quasi 3 anni.

      1. # ug8onogarINOsono8

        un moroso non un abusivo non mi pare uguale

    2. # Mutevole

      Hanno dovuto per via della circolare di Salvini sulle occupazioni abusive.

      1. # Lydo

        L’unica circolare di Salvini è quella per la sagra del baccello…

        1. # ug8onogarINOsono8

          te sai tutto eh?

      2. # ug8onogarINOsono8

        e sulle altre abusive tutto tace?

      3. # Massimo

        Domani a Roma liberano il palazzo occupato abusivamente da casapaund……forse!

        1. # Gianni

          Col cavolo che lo faranno ..

    3. # israel hands

      Lei è proprio sicuro che sia il comune che ha concesso la forza pubblica per la liberazione dell’immobile?

  3. # Marco

    RIDARE LA CITTÀ ALLA GENTE PER BENE NON È UN FAVORE MA UN OBBLIGO DELLE ISTITUZIONI.

    1. # ug8onogarINOsono8

      e sulle altre abusive tutto tace?

    2. # marco

      Grande, ben detto

  4. # Dante

    Ottimo

  5. # ELISABETTA CECCOPIERI

    Voglio vedere dove mettono tutte queste persone.E l’ex ASILO di Via Cambini?Quando lo liberano?

  6. # Gildo

    Si, ma perché ha permesso negli anni tale data ccupazione abusiva??? 🤔

  7. # Elisa

    Aspetta la banda…

  8. # MARCO

    DOPO LE ELEZIONI DEL SINDACO…..A SECONDO DI CHI VINCERA’……IL PICCHETTO SARA’ SOLO IL PRIMO DI TANTI PALAZZI CHE SARANNO PRESI D’ASSALTO DA TUTTA QUELLA GENTE ………VEDREMO GENTE VEDREMO

    1. # Plinio

      Era ora!

  9. # floyd

    Bene.

  10. # pippo

    Ora si guarda quanto ci mettono a sgombrare gli abusivi al grattacielo della cigna….perché sono abusivi anche loro…..

  11. # Carlo53

    Come mai proprio ora che ci sono le elezioni?

  12. # Marco

    Sono quasi commosso… da chi vive a ridosso del Picchetto un grande grazie a tutti! Non mi frega niente se fatto in vista delle elezioni, fate tutti politica spicciola. L’importante è che sia stato fatto!
    Quello che mi preoccupa è solo il modo di tenerlo sgombro e di renderlo subito alla città. Adesso ci vogliono progetti per riqualificarlo altrimenti tra due settimane sono di nuovo tutti dentro.
    Spero che arrivino risposte a questo quesito.

  13. # daniela

    Il centro della città deve essere ripulito, sorvegliato ed adeguatamente illuminato! Siamo stufi!
    Dopo le 20.00 ci sono solo sbandati e si ha paura ad andare a casa, noi persone perbene. Deve finire!

  14. # Alfredo

    “L’operazione di sequestro va intesa non tanto per l’occupazione abusiva” “quanto perché all’interno venivano commessi alcuni reati” … ah be’ allora se stavano buoni e calmi ci potevano abitare con acqua e luce gratis, NO tari, per chissà quanti anni ancora!

  15. # Fabro

    È possibile che per avere la legalità in città si debba aspettare secoli
    C’è da liberare la torre della cigna, il palazzo Enel scali d’Azeglio, sede ex atl, USL di via e. Rossi ecc ecc
    Quando potremo avere una città non occupata i politici che ci chiedono il voto si esprimano su questi argomenti.

  16. # Lorenzo

    Visto che ad oggi la presente amministrazione non ha avuto nessuna proposta in merito, sarebbe interessante sapere dai candidati a Sindaco, cosa avrebbero da proporre all’agenzia del demanio, per il recupero e la destinazione del Palazzo del Picchetto.
    E dei beni pubblici anche Comunali, tutt’ora occupati, quali iniziative intendono programmare?

  17. # Cicci

    Nogarin si è svegliato a fine mandato..che tristezza……

  18. # indignata

    Perchè il palazzo Maurogordato??????

  19. # luciano gazzarri

    ho letto tutti i commenti, ma non ne trovo uno che vada al nocciolo della questione, le 90 famiglie sono state ricollocate, che cosa vuol dire ?? sono in albergo , serviti e riveriti a spese nostre ? mentre gli onesti cittadini rispettosi di tutte le regole pagano anche l’aria che respirano. E poi anche coloro che delinquevano saranno serviti e riveriti oppure li hanno messi in carcere ( ci credo poco ) ??

  20. # marat

    Una buona notizia,inaccettabile era l’inerzia.Finalmente un atto di responsabilità (tardivo) che scuote questa noiosissima campagna elettorale. Ora si provveda alla ricollocazione provvisoria dei residenti e al trasferimento dei molti non residenti che si erano introdotti nella struttura per commettere reati.Chi parla di operazione elettorale è in mala fede.

  21. # adriano

    finalmente………….basta degrado .

  22. # Maricruz

    “Per i peccatori pagano i giusti” li abitavamo tante famiglie bambini BAMBINI PICCOLI NESSUNO CONOSCE LA NOSTRA STORIA 😭😭😭,ho il mio bambino di 1 anno , oggi sono partita presto con il mio bambino in ospedale stella maris a calambrone perche ho un bambino malato e ci devo andare tutti i giorni e quando siamo tornati ci troviamo tutto questo non abbimo potuto prendere nessun pannolino nienteeee!!! E molto triste e disperante per tutte le madri brave che vivevano li che ci alzavamo presto per pulire le scale di quel palazzo ma quei drogati sporcavano tutto per colpa di quei drogati… mandano via tutto noi e adesso dove vado ho un futuro incerto per questo prima di parlare male pensa di non gioire del dolore degli altri..

  23. # Brutus

    De hanno fatto bene. Ma ora li ricollocano a spese di chi? Erano abusivi e ora trovano anche la maniera di stare a gratis da qualche altra parte?

  24. # Brutus

    Le dico una cosa proprio tanto sinceramente: essere una ragazza madre e aspettare una vita la casa popolare per poi morire é molto peggio. Pagarsi un affitto con una famiglia e due bambini piccoli e un lavoro precario sapendo che che se ti sfrattano non vai ad occupare la casa di nessuno è molto peggio. Questa è la vita di tanta gente che ha sempre lavorato pagato le tasse e ha zero diritti. Gente rimane in fila e aspetta il proprio turno che mai arriverà. Gente invece salta la fila e poi piange se va a finire così.