Cerca nel quotidiano:

Condividi:

Partorisce in casa con l’aiuto del babbo e del figlio di 11 anni

Giovedì 18 Agosto 2022 — 19:47

Nelle foto la famiglia di Stefano, che ringraziamo per l'invio delle foto, e Stefano con il figlio più grande Daniel e l'ultima arrivata Aurora Sofia

Parto in casa a Rosignano Marittimo (non succedeva dal 2016). Il babbo e il più grande dei fratelli assistono la mamma e fanno nascere Aurora Sofia: "E' successo tutto in una manciata di minuti". Il sindaco di Rosignano Marittimo si unisce alla famiglia nel festeggiare il lieto evento

Sorride Stefano al telefono con QuiLivorno.it il 18 agosto: “Mia moglie mi ha dato un cazzotto per svegliarmi, pensate che io stavo dormendo in quel momento”. Poi torna serio: “E’ successo tutto in una manciata di minuti tanto che quando mia figlia è nata il fratello più grande, Daniel, 11 anni, era al telefono con il 118″. Ma ripercorriamo la storia dall’inizio.
Erano le 6,20 circa di Ferragosto quando la moglie di Stefano sveglia (come sappiamo) il marito dicendogli di avvertire delle contrazioni. Stefano immediatamente chiama la sorella per dirle di venire a casa a guardare gli altri figli poiché loro sarebbero dovuti correre in ospedale, poco dopo però la donna rompe le acque. Stefano chiama il 118: “Venite, sta nascendo mia figlia, fate presto”. Neanche il tempo di riattaccare che la piccola Aurora Sofia ha iniziato ad uscire: “Quando le ho visto i capelli e la testolina – continua il babbo – ho capito però che non c’era più tempo per aspettare e ho detto a mia moglie di spingere, vicino a lei c’era nostro figlio più grande Daniel al quale ho detto quindi di richiamare il 118. Quando Aurora Sofia è nata Daniel era ancora in linea con l’operatrice. A quel punto ho chiesto a Daniel di passarmi il telefono, l’operatrice mi ha chiesto se era tutto ok e di avvolgere la neonata in un lenzuolo. Io così ho fatto e poi l’ho passata alla mamma. Nel frattempo le ho soffiato nel visino per farla piangere. Daniel? Dopo sì era contento dato che ha contribuito a far nascere la sua sorellina. All’inizio un po’ meno, sono stati momenti un po’ drammatici. Se ho avuto paura? Tanta, fortunatamente alla fine è andato tutto bene”. Mamma e figlia sono poi state trasportate all’ospedale di Cecina da dove sono state dimesse nella giornata del 17 agosto. Era dal 2016, fa sapere il Comune di Rosignano in una nota inviata il 18 agosto, che un bambino non nasceva in casa nel Comune di Rosignano Marittimo e in quella occasione la partoriente ha potuto contare su un supporto medico. Il sindaco di Rosignano Marittimo Daniele Donati a nome di tutta la comunità di Rosignano dà il benvenuto ad Aurora Sofia. “Fortunatamente tutto è andato bene e ci uniamo alla famiglia nel festeggiare il lieto evento!”.

Condividi:

Riproduzione riservata ©