Cerca nel quotidiano:


Plexiglass, mascherina e QR code a breve. Allo Chalet sarà così

Il locale riapre martedì 19 maggio ma verosimilmente, causa maltempo, la riapertura vera sarà mercoledì 20. Gel, percorsi dedicati per muoversi e distanza

Lunedì 18 Maggio 2020 — 18:02

Mediagallery

Uno dei due direttori dello Chalet, Stefano Cresti: "Abbiamo, fortunatamente, tanto spazio a disposizione sia dentro che fuori, in particolare, e vogliamo sfruttarlo al massimo. Non solo per le colazioni ma anche per il ristorante"

invitiamo ristoratori e baristi che volessero raccontarci come hanno riorganizzato il proprio locale a scrivere a [email protected]

Fila fuori e 2, al massimo 3, persone per volta all’interno. In futuro, neanche troppo lontano, il QR code da leggere con lo smartphone per ordinare. Cambia la colazione in uno dei più prestigiosi e più grandi locali di Livorno. Parliamo dello Chalet della Rotonda. La proprietà, affiancata dai direttori Stefano Cresti e Luca Giacobazzi, ha lavorato per riadattare gli spazi in base alle norme previste dal DPCM. Il locale riapre martedì 19 maggio ma verosimilmente, causa maltempo, la riapertura vera sarà mercoledì 20. Si entrerà da una parte (lato cancello mare) e si uscirà dall’altra. Come detto, al massimo 3 per ordinare cappuccino e pezzo. Indossando la mascherina, chiaramente. Uno schermo-contatore all’esterno indicherà il proprio turno dopodiché si potrà scegliere se consumare “velocemente” a dei tavolini oppure sedersi nei tavolini della piazza che, stante la misura di 2 metri tra un tavolo e l’altro, potrà contenere fino ad un massimo di circa 100 persone. Raggiunto il limite si dovrà attendere che qualcuno esca per poter entrare. Nei giorni di maggiore affluenza previsto un controllo dell’accesso da parte del personale. Il banco vedrà, come da disposizioni, plexiglass divisori fra il personale e il cliente. I percorsi per muoversi nel locale saranno dedicati. L’accesso al bagno ne avrà uno tutto suo. Si entrerà da una parte e si uscirà dall’altra. “Abbiamo studiato i vari percorsi – commenta Cresti – in modo da azzerare il rischio incrocio fra persone. Abbiamo, fortunatamente, tanto spazio a disposizione sia dentro che fuori, in particolare, e vogliamo sfruttarlo al massimo. Non solo per le colazioni ma anche per il ristorante. Basti dire che abbiamo fatto in modo che anche allo stesso tavolo fra un commensale e l’altro ci sia una distanza di più di un 1 metro”. Ed è proprio scegliendo di andare al ristorante dello Chalet che si avrà una delle novità più importanti. A breve, forse non il fine settimana del 23-24 ma quello dopo, il cliente potrà leggere il menu dal cellulare scansionando il QR code che troverà al tavolino. “Questo per evitare il più possibile il contatto fra il personale e il cliente”. In futuro, il QR code servirà anche per consultare il menu del bar e per il take away al ristorante. Infine, da ricordare mascherina obbligatoria per i clienti, tranne quando si è seduti. Mascherina e guanti per camerieri. Gel igienizzante all’ingresso dello Chalet e dislocati nei punti di maggiore afflusso.

Riproduzione riservata ©