Cerca nel quotidiano:


Porta a Porta a Magenta e Strozzi-Gazometro

In vista dell’avvio del nuovo servizio, Aamps organizza un incontro pubblico per la cittadinanza e l’info-point. Il nuovo servizio arriva a coprire il 73% del territorio comunale

venerdì 28 settembre 2018 17:00

Mediagallery

In occasione dell’estensione del servizio PAP anche nella zona Gazometro-Strozzi, previsto per lunedì 15 ottobre, Aamps sarà a disposizione dei cittadini di questo rione per illustrare le principali novità della raccolta differenziata e fornire tutte le informazioni necessarie per il corretto conferimento dei rifiuti. Come di consueto, saranno in programma un incontro pubblico e l’info-point itinerante: in entrambe le occasioni sarà distribuito materiale informativo dagli operatori dell’azienda che saranno a  disposizione dei cittadini per fornire dettagli, chiarire dubbi e sensibilizzarli all’importanza di un’evoluzione in chiave green che a breve coinvolgerà tutta la città. Ecco il calendario degli eventi organizzati per questa settimana:

Incontro pubblico venerdì 5 ottobre 2018, dalle 17.00 alle 19.00, presso la Parrocchia San Ferdinando, in piazza Anita Garibaldi 1

Infopoint sabato 6 ottobre 2018, dalle 9.00 alle 13.00, in piazza del Luogo Pio (angolo piazza Anita Garibaldi).

Per ulteriori informazioni sulle modalità di svolgimento dell’incontro pubblico, degli inopoint e più in generale sul nuovo servizio PAP: numero verde 800-031.266 (dal lunedì sabato dalle 8:30 alle 13:00 e dalle 14:30 alle 17:00), [email protected], facebook/twitter/mobile APP (“Aamps Livorno”).

PAP a Magenta e Strozzi – Da lunedì 1° ottobre la raccolta dei rifiuti “Porta a porta” di Aamps coprirà anche la zona “Magenta” (in foto piazza della Vittoria già piazza Magenta). Il nuovo servizio sarà dunque esteso ad altri 4.794 cittadini, arrivando così a coprire il 73% del territorio comunale, in attesa che nelle prossime settimane sia esteso alle aree “Gazometro – Strozzi” (15 ottobre) e al centro cittadino (novembre). Il Porta a Porta nel quartiere  “Vittoria” coinvolgerà anche 181 attività commerciali.
Così come già definito per i rioni di Livorno precedentemente coinvolti nel Porta a Porta, anche nel quartiere “Vittoria” il ritiro dei rifiuti avverrà secondo i giorni stabiliti dal calendario di raccolta. I cittadini dovranno esporre i sacchi, i contenitori e i mastelli destinati alla raccolta dei diversi tipi di rifiuti riciclabili e non – carta e cartone, vetro, multi-materiale leggero, organico, indifferenziato – negli spazi condominiali appositamente adibiti o sul suolo pubblico nelle immediate vicinanze dei condomini entro le 6.30 del giorno definito per le varie tipologie (l’organico viene ritirato due volte alla settimana). Gli operatori di Aamps ritireranno i rifiuti presso ogni singolo condominio entro le 8 dello stesso giorno. Le utenze non domestiche avranno servizi addizionali a seconda della categoria d’esercizio.
Il Pap nel quartiere “Magenta” riguarderà le seguenti vie: piazza della Vittoria, via Gramsci, via Bonaini, via Battisti, via del Collegio, via del Fagiano, via delle Grazie, via dell’Origine, via Chiusa, via Poggiali, via Borsi, via Bonomo, via Giusti, via Cambini, via Micali, via Demi, via Gori, via Paoli, via Salvini, via De Tivoli, via Vivoli, vicolo della Pergola.

La raccolta avverrà secondo questo calendario:

martedì: multi-materiale leggero (plastica, alluminio, tetrapak)
mercoledì: vetro e organico
giovedì: indifferenziato
sabato: carta e organico

ASSESSORE VECE (Foto Simone Lanari)

L’incontro tra Vece e cittadini –  L’assessore all’ambiente Giuseppe Vece ha incontrato ieri i residenti del quartiere Magenta-Vittoria, in relazione all’avvio del servizio porta a porta nell’area, previsto il 2 ottobre. “Ringrazio gli organizzatori dell’incontro che mi hanno dato modo di ascoltare con interesse  le richieste dei cittadini – ha commentato l’assessore Vece – Ho fatto il punto con Aamps per trovare soluzioni condivise, in particolare sull’orario di esposizione e ritiro e la possibilità di autorizzare i sacchi al posto dei mastelli, due punti che trovavano d’accordo la maggior parte dei residenti. Posso già da ora assicurare che tutti gli utenti che richiederanno i sacchi al posto dei mastelli li otterranno – precisa Vece – e il ritiro sarà svolto la mattina presto, con l’obiettivo d’aver finito la raccolta prima delle 8, in modo da lasciare libere le strade”.

“Comprendendo il disagio di un cambio di abitudini e con questi accorgimenti mi auguro di averlo ridotto – aggiunge l’assessore all’ambiente – ma mi preme ricordare che l’obiettivo principale resta quello di ridurre il volume di rifiuti, puntando al riutilizzo e al recupero dove possibile, e con quanto ci resta in casa imparare a fare una differenziata capace di garantirci una Livorno più pulita e un’economia circolare cittadina in grado anche di far ridurre la tari e dare più lavoro. Il porta a porta è l’unico metodo in grado di avviare questo percorso”.

“Ci sono famiglie in Toscana che hanno unito al porta a porta delle scelte virtuose di riduzione dei rifiuti, scegliendo ad esempio lo sfuso e evitando i prodotti usa e getta, e sono state capaci così di arrivare a produrre solo 90 kg di rifiuti a persona l’anno, mentre la media è cinque volte tanto – conclude Giuseppe Vece -. Dobbiamo puntare a questi obiettivi e l’introduzione in tutta la città del porta a porta è il primo passo per accelerare questo cambiamento di approccio, ormai sostenuto da tutte le istituzioni nazionali europee e internazionali. Il porta a porta non è una scelta imposta da sopportare con pazienza, ma un segno di civiltà da realizzare con motivazione”

Per agevolare i cittadini di questi quartieri nello svolgere correttamente la raccolta differenziata “Porta a Porta” e assimilare l’importante cambio di abitudine, Aamps continuerà a essere presente sul territorio nelle settimane successive all’avvio del nuovo servizio con info-point e iniziative ad hoc per distribuire materiale e fornire ai cittadini tutte le informazioni e i suggerimenti per svolgere contribuire al meglio alla pulizia e al decoro della città, partecipando attivamente a un servizio già avviato nelle città italiane più all’avanguardia dal punto di vista dell’igiene urbana.

Per ulteriori informazioni sul PAP: numero verde 800-031.266 (dal lunedì sabato dalle 8:30 alle 13:00 e dalle 14:30 alle 17:00), [email protected], facebook/twitter/mobile APP (“Aamps Livorno”).

Riproduzione riservata ©

36 commenti

 
  1. # fabio

    festa grande per i topi e i gatti randagi..

    1. # Acciaio

      Caro Fabio te non hai capito il concetto di…….economia circolare.

      1. # Deb

        No mi sa che sei te e tutte le istituzioni che non capite il concetto di economia circolare…un concetto che senza basi solide ed un programma intelligente rischia di aprire le porte a discariche abusive ed illeciti che avranno l’effetto Contrario a quello che la tanto acclamata PAP dice di voler raggiungere.
        Mi viene da piangere a pensare a tutti i gabbiani che banchetteranno alle nostre spalle su rifiuti comodamente adagiati sui marciapiedi. Ma sopratutto credete davvero che entrò le 8 faranno sparire tutto..beh c’e Odore di ingenuità oltre che di immondizzia a Livorno!!

  2. # Sistavameglioquandosistavapeggio

    Indietro di 40 anni…raccolta con i sacchetti…c’e’ solo da vergognarsi

  3. # fabio1

    Tanto per dirne una:
    ” l’obiettivo d’aver finito la raccolta prima delle 8″ Bene. così gran parte dei bussoli rimarrà in strada ben oltre le 8,00 perchè chi va a lavorare, accompagna i bimbi a scuola, etc, solitamente, esce molto prima di casa delle ore 8,00.
    Oppure devo attendere che passi l’operatore; correre su in casa a lasciare i bussoli (magari al terzo piano senza ascensore) e correre di nuovo per prendere la macchina (chissà dove è stata parcheggiata la sera prima) e correre per andare a lavoro.
    Continuano a fare riunioni con la popolazione. le domande e richieste sono le stesse di quelli che già fanno la differenziata da tempo: non cambia nulla. imperterriti continuano con questo sistema di raccolta.

  4. # Fabio

    scusate ma a me pare una barzelletta, ma per chi esce di casa prima delle 06.30 e torna a casa dopo le 17.00(quando riesce a trovare subito parcheggio), i bidoni adibiti allo smaltimento rifiuti può lasciarli in strada o chiede un permesso dal lavoro per tornare a casa, sistemare il dovuto e poi tornare a lavoro?
    La mia domanda potrebbe sembrare ironica ma non lo è…

    1. # via micali

      Ci hanno dato la possibilità di non usare i mastelli (bidoni) ma di lasciare solo i sacchetti. Questo per la zona Magenta origine

      1. # maria elena

        SE SI POSSONO AVERE I SACCHETTI AL POSTO DEI BIDONI PERCHE’ NON LI DANNO A TUTTI???
        A ME NON PIACE PROPRIO DOVER RIPORTARE IN CASA I MASTELLI TUTTI SUDICI E A VOLTE ANCHE PISCIOSI DI CANE E ALTRE PIACEVOLEZZE DEL MARCIAPIEDE SEMPRE SPORCO!!!

        SACCHETTI PER TUTTI!!!!!

  5. # Alessandro bientinesi

    Buonasera, vorrei fare notare che in zona via condotti vecchi il ritiro dell’umido di mercoledì è ancora in strada, estendere la differenziata va bene, ma si deve garantire la puntualità dei ritiri.

  6. # magro

    mi dispiace, con il lavoro che faccio non sono in grado di buttare la spazzatura quando vi pare a voi. ma nemmeno ci provo. alle prossime elezioni qualsiasi partito metterà nel suo programma elettorale di togliere il porta a porta io lo voto.

    1. # luca di ardenza

      Sono con te!!

  7. # Vincenzo di B.

    Il problema di Piazza Magenta è il riciclo? siamo a posto. La Piazza Magenta (lato Origine ) è diventata un luogo di sbranamento da cani per i proprietari di auto che si permettano di parcheggiare in quella zona.

  8. # Stefano

    Iniziate alle 6:30????? 😂😂😂😂 rido per non piangere

  9. # chero

    che differenza cè tra i bidoncini che ci hanno consegnato e i mastelli? cioè, cosa sono i mastelli????

  10. # Ioannis

    L’assessore VECE può dire quello che vuole, anche che s è coperto il 100 %. Ma le cose stanno diversamente. La Città è diventa una pattumiera a cielo aperto. Non vi è strada ove non vi siano buste d’immondizzia abbandonate da giorni. Tutto questo per la delizia dei topi e gabbiani che fanno festa. Assessore si faccia un giro per la città. Potrà constatare quanto schifo c’è a giro. Per non parlare del servizio che non funziona. Operatori Aamps che saltano la raccolta e bisogna avere un santo in paradiso per far sì che avvenga una raccolta straordinaria. Leisig. Assessore ne è a conoscenza dei disservizi Aamps? Lei parla solo stando seduto dietro una scrivania. È vergognoso come è gestita questa differenziata porta a porta.

  11. # poverini noi!!

    certo mettere i rifiuti entro le 6.30 fuori …devi rimettere la sveglia alle 6.00!!!! Acqua vento o febbre che sia altrimenti ti tieni la spazzatura in casa…. Complimenti!!!! Per gli anziani poi…. magari senza ascensori , costretti a fare le scale più volte al giorno ,alle 6,30 non credo possano uscire a far la spesa o altre commissioni!!!!
    premetto che sono a favore della raccolta differenziata, ma non così!!!

    1. # Via micali

      Puoi metterli fuori prima di andare a letto

      1. # Fabio1

        ma se lasci le buste tutta la notte, sono dei regali agli animali

      2. # luca di ardenza

        Si, ma se provocano danni a terzi, te li paghi. L’Aamps ha stipulato un’assicurazione per gli eventuali danni provocati dai bidoni solo per le ore che indicano loro, in questo caso dalle 6,30 alle 8,00. Fuori da questo orario la responsabilità è solo ed esclusivamente dell’utente.

  12. # Stefano

    Nell’indifferziato vanno anche i pannolini di mio figlio e l’AAMPS ritirerà solo una volta a settimana.
    Penserete mica che li tenga in casa mia!?
    Sono più che favorevole alla raccolta differenziata ma la frequenza del ritiro è illogica.
    Abbiamo tanti spazzini che potremmo mandarne a casa la metà.
    Perché non li facciamo lavorare??

  13. # marco62

    Questo tipo di raccolta è semplicemente un ritorno al passato spazzatura a terra come negli anni 50. Perché non prendere esempio una volta ogni tanto dai Pisani che hanno realizzato una raccolta intelligente con i cassoni a tessera?

    1. # Mr Robot

      Non è vero , a Pisa funziona come a Livorno.
      Solo centro storico ( che loro hanno) hanno alcuni bidoni interrati, ma sono pochi.
      Poi Tirrenia ha i bidoni con tessera ma sono numeri di utenti differenti dalle città.
      Per il resto sacchi che volano in tutta Pisa, ritiro a orari non rispettati, bidincini a giro.. ect.. proprio come qui.. e loro hanno iniziato molto prima di noi.
      Occorre cambio di mentalità, pazienza perché anche aamps si organizzi, e pensare che se ci saranno meno rifiuti o maggior riciclo, forse i nostri figli o nipoti potranno sopravvivere…

      1. # marco62

        A Robot a Pisa lo hai scritto anche te hanno comunque iniziato un percorso diverso, a Tirrenia con la tessera è semplicemente volontà di effettuare un servizio al cittadino e se i numeri nostri sono maggiori vuol dire che l’aamps si deve attrezzare altrimenti non si parte con un pap che è semplicemente ridicolo e ti faccio notare che ogniuno di noi mangia tutti i giorni e produce rifiuto organico tutti i giorni e non due volte alla settimana….. quando passano. Comunque questa non è una organizzazione che sta funzionando avete voglia di difendere l’indifendibile.

        1. # roberto

          Per la precisione. A Pisa, nella parte di città servita dal porta a porta, l’organico lo ritirano 3 volte alla settimana

  14. # Devil

    Sul viale Italia li mettiamo la sera precedente, funziona bene,. I topi e i gabbiani c’erano prima sui cassonetti e facevano paura, tanto erano minacciosi, ora sono scomparsi.
    Il negativo sono tre troglodita stranieri, che buttano l immondizia per strada sotto casa dei vicini, o nei cestini (il budello di su ma).

  15. # Ery81

    La richiesta fatta all’assessore era semplicissima,mettere anche in zona Vittoria i cassonetti”intelligenti”…. Con questi nuovi accordi(come dice lui)presi con Aamps,non risolvi assolutamente le problematiche che sono state esposte…. spazi insufficienti ad accogliere contenitori/sacchi,sudiciume e disagio per molti cittadini per lo più anziani(molti che vivono da soli) impossibilitati a scendere a orari stabiliti,spazzatura che sta in casa a giorni(tipi di spazzatura che dopo un giorno puzza da morire,figurati dopo tre giorni o sette nel caso indifferenziato..)

  16. # frabarzz

    Abito in zona Ardenza dove la differenziata è partita da mesi.La puntualità e frequenza dei passaggi promessa da aamps è pura fantasia

  17. # Giovanna

    Dicono che la raccolta partirà da Lunedì ma ancora( e oggi è sabato) qui in via Cambini non ci hanno consegnato niente. Ho chiamato Aamps e mi hanno detto che devo chiamare l’amministrazione di condominio… si comincia bene!!!
    In ogni caso i miei mastelli rimarranno tutto il giorno sul marciapiede perché io vado al lavoro la mattina alle 8 e torno la sera. Mi toccherà riprenderli la sera con chissà quante pisciate di cane sopra e rimettermeli in casa perché non ho terrazzo.

  18. # Elly

    Per quanto riguarda i pannolini dei bambini (indifferenziata) nel mio condominio una mamma ha richiesto e ottenuto un ritiro in più durante la settimana..provate ad informarvi se è sempre possibile

  19. # Beppe

    Non entro in polemiche, e non ce l’ho con il Comune, ma mi piacerebbe una svolta vedere i numeri, sapere quanto costa la differenziata a livello europeo, chi ci guadagna e quanto. Al momento dolo l’Inghilterra ha capito che di deve tornare al vetro con cauzione è resa obbligatoria. Noi lo facevamo da sempre poi abbiamo voluto fare gli Americani con l’uso e getta, fingendo di non sapere che gli Americani i rifiuti li mandavano in Italia per recuperarne materie prime ( cellulosa,paraffine,oli,metalli,ecc). Se abbiamo tanti rifiuti è solo perché c’è chi ci guadagna , e non poco. Per favore, chi li ha porti i numeri, poi si può anche parlare di educazione al riciclo.

  20. # Alfredo

    Vorei sapere con precisione che fine fanno le plastiche della raccolta differenziata in quanto raccolte come adesso sono inutilizzabili eccetto che per finire nell’ inceneritore.

    1. # fabio1

      in generale per tutto ciò che differenziamo non sappiamo che fine fa. solo per i tappi di plastica (differenziata non richiesta) abbiamo dei riscontri.

  21. # Maria

    MA DOPO LA DIFFERENZIATA, DOMANDA AVREMO QUALCHE SCONTO O TUTTO COME PRIMA?????…PERCHè SE MI è PERMESSO DIRLO PER STRADA TANTO SPORCO, CANI CHE ORINANO SUI SACCHETTI, GABBIANI CHE LI APRONO E CON IL VENTO SI TROVANO IN OGNI LUOGO………..

  22. # Zonaest

    Pensate ai gabbiani. Gli stupidi invece che faranno casino, butteranno tutto all’aria.. A me chi mi assicura su questo?! Informo che AAMPS, non è mai stato chiaro in materia e non rende pubblico il giro di assicurazioni in favore del cittadino. Al posto dei cassonetti attuali bastava mettere quelli colorati, grossi, che ci sono anche alla leccia per esempio. E risolvevi la questione. Invece le problematiche vengono affrontate sempre con la solita superficialità.

  23. # Ioannis

    Sig. VECE non si faccia grande a parole. Ma si è reso conto in che schifo sono le strade? Si faccia un giro.

  24. # Italo

    Abito in Coteto , la raccolta differenziata è partita da quasi 3 anni, ma in via molise, dove ci sono botteghe di fornaio e di frutta e verdura, questa raccolta non viene rispettata, la spazzatura non viene divisa ma viene mescolata tutta insieme. Peggio ancora tracima dai cassonetti e rimane sparsa in terra. La raccolta porta a porta è un fallimento perchè non ci sono controlli e verifiche aggiustative da parte di AAMPS.I proprietari dei negozi se ne fregano altamente della sporcizia che producono sull’area antistante i cassonetti tracimanti, preda di gabbiani, piccioni, tarponi e piattole ad ogni ora del giorno e della notte, tanto non ci abitano. AAMPS da parte sua se ne frega nonostante che i propri dipendenti abbiano denunciato questa totale mancanza di igiene. Così le cose vanno avanti nell’indifferenza del Comune di livorno , facendo finta di niente, come se non accadessero, pur di non fermare il processo di raccolta da estendere a tutta la città, senza tener di conto dei suggerimenti di chi protesta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dichiaro di aver letto, ai sensi dell'art. 13 D.Lgs 196/2003 e degli art. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679, l'Informativa sulla Privacy e di autorizzare il trattamento dei miei dati personali.
Il commento e il nick name da lei inseriti potranno essere pubblicati solo previa lettura da parte della redazione. La redazione si riserva il diritto di non pubblicare o pubblicare moderandolo sia il commento che il nick name. Se acconsente prema il bottone qui sotto “commenta l’articolo”.

Passa alla versione desktop Torna alla versione responsive