Cerca nel quotidiano:

Condividi:

Presunto avvelenamento, ricostruito il percorso del cane: “Nessuna esca trovata”

Sabato 14 Gennaio 2023 — 08:54

La polizia municipale rintraccia la proprietaria e ricostruisce il percorso del cane purtroppo deceduto: "Non è certo se si sia trattato di avvelenamento in quanto non è noto il punto o se il cane abbia ingerito qualcosa. Nessuna esca è stata trovata sul percorso"

A seguito di una segnalazione del 12 gennaio pomeriggio ricevuta dalla Centrale Operativa da un cittadino è stata inviata una pattuglia della Polizia Municipale nel parco di via Goito. Il cittadino ha spiegato di aver avuto notizie dai conoscenti-frequentatori dell’aree di sgambatura di via Beppe Orlandi che il cane di una signora, dopo essere stato in quelle aree, si era sentito male e gli stessi temevano la presenza di bocconi con sospetto di avvelenamento. I presenti nel parco hanno confermato di aver saputo della notizia del cane e uno di loro ha contattato la detentrice. Purtroppo il cane era deceduto. La signora ha poi riferito agli agenti che il giorno precedente aveva portato il suo cane nell’area di sgambatura di via Beppe Orlandi (quella dove sono presenti gli alberi); dopo, transitando sul marciapiede, aveva raggiunto la villa Mimbelli, aveva attraversato il parco per giungere in via delle Case Rosse e aveva poi attraversato il parco delle Case Rosse per giungere nella via Goito e poi era tornata indietro. Di seguito il cane si era sentito male, era stato portato dal veterinario e purtroppo nel tardi pomeriggio era poi deceduto.
“Non è certo – spiega in un comunicato la municipale – se si sia trattato di avvelenamento in quanto non è noto il punto o se il cane abbia ingerito qualcosa. Nessuna esca è stata trovata sul percorso”.  La polizia municipale ha avvertito l’ufficio tutela animali per l’attivazione delle Associazioni Animaliste, l’ufficio Ambiente e l’ufficio Parchi per la bonifica generale dei luoghi.

Condividi:

Riproduzione riservata ©