Cerca nel quotidiano:

Condividi:

Pro Loco, inaugurata la nuova sede

Domenica 16 Ottobre 2022 — 10:04

Obiettivo raggiunto grazie alla concessione dei locali da parte dell’amministrazione comunale e dalla caparbietà della presidente dell’ente, Ombretta Bachini

La struttura, in via Del Monte D'Oro, 5, ha come obiettivo quello di diventare un punto di attrazione per la popolazione attraverso l'organizzazione di mostre ed eventi. L'assessore Rocco Garufo: "Una strada che consente di camminare con un passo diverso sul fronte del turismo"

di Giulia Bellaveglia

La Pro Loco Livorno compie 10 anni. E festeggia l’importante traguardo con un super regalo: una nuova sede in via Del Monte D’oro, 5 (alle porte del quartiere della Venezia). Il tutto reso possibile grazie dalla concessione dei locali da parte dell’amministrazione comunale e dalla caparbietà della presidente dell’ente, Ombretta Bachini. “Sono molto emozionata – dice – Dieci anni vissuti come in una famiglia. Un arco di tempo in cui la strada è stata lunga, complicata e piena di rapporti da dover allacciare. Ci piacerebbe che questi spazi diventassero qualcosa di vissuto dalla popolazione, magari attraverso mostre o incontri. Obiettivo per il futuro è quello di creare un gruppo giovani”.
Ad accogliere i tantissimi presenti nelle stanze, le fotografie di Andrea Dani, i modellini di Dario Cipriani, qualche “reperto” del Cacciucco Pride e un grande pannello con le foto degli eventi messi in piedi grazie ai volontari della struttura. “Un grande risultato – commenta l’assessore al commercio e al turismo Rocco Garufo – nato da un percorso messo in piedi durante il Covid che, come ben sappiamo, ha ostacolato soprattutto l’organizzazione degli eventi. Nonostante questo siamo riusciti a farlo e Pro Loco ha valorizzato la città sotto tantissimi punti di vista. La sede principale è un giusto riconoscimento non solo per il lavoro svolto, ma per consentire a questa realtà di svolgere anche formazione e Servizio Civile. Un percorso lungo, difficile e faticoso, fatto talvolta anche di incomprensioni, una cosa del tutto normale se si ragiona per costruire qualcosa. Oggi, abbiamo sicuramente imboccato una strada che consente di camminare con un passo diverso sul fronte del turismo”.
Molto sentito è il ricordo di Mario Lupi che, nel 2012, decise di intraprendere per primo questa avventura. “Sono stato il primo presidente e Ombretta era già l’anima del gruppo – racconta -. La persona che qui ha investito tutto, ecco perché passarle il testimone è stato del tutto naturale, l’unica che avrebbe potuto farlo. Quella di oggi è indubbiamente una svolta che consente di guardare oltre”.

Condividi:

Riproduzione riservata ©