Cerca nel quotidiano:


Protesta shock. Il mondo delle partite Iva scende in piazza

Un sit in ben organizzato, messo in piedi dal mondo dei commercianti, dei baristi, dei ristoratori, degli artisti, degli agenti di commercio e di viaggio

Giovedì 7 Gennaio 2021 — 22:14

Mediagallery

In tanti hanno tenuto in mano dei manifesti funebri che annunciavano la scomparsa di molti settori a causa di questa crisi che, dovuta all'emergenza sanitaria in corso, sta mettendo in ginocchio molte categorie

“Ci avete tolto il lavoro, ci avete tolto la dignità“, “Tu ci chiudi, tu ci paghi” e tanti altri slogan nonché cartelloni funebri che annunciano la morte della ristorazione, dello spettacolo, delle palestre, delle Partite Iva in generale (clicca sul link in fondo all’articolo per guardare la fotogallery a cura di Lorenzo Amore Bianco).
Tra i tanti striscioni anche quello del gruppo “IncaXXppiati”, il gruppo livornese di agenti di commercio, settore horeca, che insieme ad Api ha organizzato il sit-in per rivendicare le urgenti necessità dei settori più colpiti da questa crisi.
Una protesta shock e ben organizzata, messa in piedi dal mondo dei commercianti, dei baristi, dei ristoratori, degli insegnanti di fitness, degli artisti, degli agenti di commercio e di viaggio. L’appuntamento era alle 15 di giovedì 7 gennaio in piazza della Repubblica e qui si sono ritrovati in molti per dire ancora una volta: “Così non ci stiamo, ci state portando alla morte e alla chiusura”. Ed ecco che in piazza compare un vero e proprio patibolo dove due manichini rappresentanti le categorie in protesta erano impiccati con un cappio.  In tanti hanno tenuto in mano dei manifesti funebri che annunciavano la scomparsa di molti settori a causa di questa crisi che, dovuta all’emergenza sanitaria in corso, sta mettendo in ginocchio molte categorie e tantissimi livornesi e non solo.

Riproduzione riservata ©