Cerca nel quotidiano:


Qualità della vita: balzo in avanti di Livorno che scala 22 posizioni

Il sindaco Salvetti: "Siamo sulla via giusta. Il termometro reale rimane la gente per strada, le sensazioni e le percezioni che hanno le persone che vivono la città e il territorio"

Lunedì 15 Novembre 2021 — 08:04

Mediagallery

Come ogni anno arriva puntuale la classifica stilata dal quotidiano Italia Oggi in collaborazione con l’Università La Sapienza di Roma sulla “qualità della vita” delle province italiane. Balzo in avanti in questo 2021 per la provincia livornese che, secondo i dati comunicati in questo reportage, scala ben 22 posizioni qualificandosi 47esima su 107 rispetto alla 69esima posizione dello scorso anno. Un risultato che gratifica quindi quanto di buono stiamo vivendo sul nostro territorio in attesa dell’altra classifica della qualità della vita, quella de “Il Sole 24 Ore” attesa nelle prossime settimane.
Lo studio e la redazione della relativa graduatoria, come negli anni passati, continua a essere caratterizzato da nove dimensioni d’analisi (affari e lavoro, ambiente, sicurezza sociale, istruzione formazione capitale umano, popolazione, reddito e ricchezza, reati e sicurezza, sistema salute e tempo libero), articolate in 16 sottodimensioni e un elevato numero di indicatori di base, 85, consentendo di indagare in maniera approfondita i molteplici aspetti attraverso cui la qualità della
vita si manifesta sul territorio.
“In questi cinque anni di mandato, questa amministrazione cittadina si troverà di fronte almeno ad una quindicina di classifiche da commentare, in media tre all’anno – ha spiegato il sindaco Salvetti interpellato dalla redazione di QuiLivorno.it per un commento sulla graduatoria che premia Livorno e la sua provincia – A fronte di questo ritengo che sia inutile esaltarsi quando le cose vanno bene e inutile prendersela se queste classifiche indicano dei cambiamenti peggiorativi, proprio perché ci sono molte componenti che le determinano. Detto questo, un balzo di 22 posizioni fa certamente piacere e vuol dire che siamo sulla strada giusta. Aggiungo che comunque il termometro reale rimane la gente per strada, le sensazioni e le percezioni che hanno le persone che vivono la città e il territorio. Per me rimane fondamentale al di là di tutte le classifiche. Sensazioni e percezioni positive senza dubbio. Mi preoccuperebbe trovare più gente delusa e scontenta per strada a fronte di classifiche fantastiche. La cartina tornasole sono i cittadini.

Riproduzione riservata ©

CERCHI VISIBILITÀ? CONTATTACI: 1,1 MILIONI DI PAGINE VISTE AL MESE E OLTRE 60.000 ISCRITTI SUI SOCIAL. PER PREVENTIVI HTTPS://WWW.QUILIVORNO.IT/RICHIESTA-PREVENTIVO-BANNER/ OPPURE [email protected]

GRAZIE!