Cerca nel quotidiano:


Recuperati tre giovani falchi pescatori

L'operazione ha previsto di raggiungere il nido posto su un traliccio abbandonato all'interno del padule (alto 15 metri), di catturare i "pulli" per portarli a terra dove sarebbero stati inanellati e provvisti di Gps per la futura localizzazione migratoria

mercoledì 17 Luglio 2019 11:59

Mediagallery

Alcuni uomini del comando provinciale dei vigili del fuoco di Livorno, su richiesta del Parco Nazionale Arcipelago Toscano, hanno preso parte alle operazioni di recupero di tre giovani falchi pescatori all’interno dell’Oasi naturalistica, gestita dal Wwf, degli Orti del Bottagone a Piombino (clicca sul link in fondo all’articolo per guardare lo spettacolare video del recupero da parte dei vigili del fuoco).
La nidificazione di questo rapace rappresenta un evento di assoluta rarità, in quanto esistono solo 5 casi documentati del genere sull’intero territorio nazionale e tutti concentrati in area della Maremma Toscana.
L’operazione ha previsto di raggiungere il nido posto su un traliccio abbandonato all’interno del padule (alto 15 metri), di catturare i “pulli” per portarli a terra dove sarebbero stati inanellati e provvisti di Gps per la futura localizzazione migratoria.
Successivamente sarebbero stati ricollocati nel nido per essere accuditi, in attesa di spiccare il volo, dalla coppia di falchi genitori. I vigili del fuoco, con operatori qualificati Saf (speleo, alpino, fluviale) ed utilizzando attrezzature e tecniche specifiche, hanno raggiunto la sommità del traliccio, portando brillantemente a termine la delicata operazione.

Riproduzione riservata ©

2 commenti

 
  1. # Patrizia Rosellini

    Vorrei farvi presenrte che, in base a quanto appreso da un mio conoscente residente a Padova, pare che i falchi vengano impiegati per mandare via i gabbiani !
    Quindi tenetelo presente, vista la presenza massiccia di gabbiani in città…

  2. # menorifiutiingiro

    I gabbiani in città si moltiplicano solo perchè trovano da mangiare in abbondanza altrimenti si autolimiterebbero nella riproduzione dei pulli ma visto le coppie che nidificano ci vorrebbe qualche centinaio di falchi !

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dichiaro di aver letto, ai sensi dell'art. 13 D.Lgs 196/2003 e degli art. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679, l'Informativa sulla Privacy e di autorizzare il trattamento dei miei dati personali.
Il commento e il nick name da lei inseriti potranno essere pubblicati solo previa lettura da parte della redazione. La redazione si riserva il diritto di non pubblicare o pubblicare moderandolo sia il commento che il nick name. Se acconsente prema il bottone qui sotto “commenta l’articolo”.