Cerca nel quotidiano:


Restyling alla Terrazza. Nogarin: “Lavori non a regola d’arte”. Sopralluogo di Aurigi

L'assessore ai lavori pubblici: "Alcune criticità, per le quali chiederemo conto all'impresa, sono abbastanza tangibili ed evidenti"

mercoledì 24 ottobre 2018 12:32

Mediagallery

Sono in corso d’opera, da qualche giorno ormai, i lavori di ristrutturazione della Terrazza Mascagni. Lavori che però hanno destato qualche quesito e qualche perplessità da parte della stessa amministrazione comunale. E’ infatti proprio il primo cittadino, Filippo Nogarin, che tramite la sua pagina Facebook sottolinea: “I lavori alla Terrazza Mascagni devono essere fatti a regola d’arte. Stando al sopralluogo fatto da Alessandro Aurigi possiamo dire che non è così. Questo è un luogo splendido, uno dei simboli della nostra città e va trattato con il rispetto che merita”.
E’ stato proprio l’assessore Aurigi, infatti, a scendere in campo in prima persona per “toccare con mano” quanto stesse accadendo. “Lunedì 22 ottobre ho effettuato un sopralluogo alla Terrazza Mascagni per verificare la qualità dei lavori in corso – spiega Aurigi in una video-intervista postata sulla pagina Facebook del sindaco di Livorno – Lavori per cui, lo ricordo, questa amministrazione ha investito oltre 600mila euro dei livornesi che devono essere spesi, dunque, in maniera appropriata. Devo dire con tutta onestà che ci sono delle situazioni che meritano un approfondimento. Alcune criticità che sono abbastanza evidenti e tangibili per le quali chiederemo conto all’impresa. Abbiamo dato mandato ai nostri uffici tecnici di avviare un confronto con l’impresa per capire ed individuare quali sono le criticità che non sono le differenza cromatiche dovute alla scelta di un materiale più resistente da un lato e soprattutto dall’azione esercitata dagli agenti atmosferici per oltre 20 anni sulle parti originali. Ci sono invece delle problematiche reali legate in particolare alla posa di certi elementi e alle loro dimensioni. Tutto questo – chiosa l’assessore ai lavori pubblici – deve essere naturalmente valutato ed esaminato in maniera puntuale insieme alla ditta esecutrice con un unico obiettivo: completare questi lavori con un livello di qualità massimo che deve essere rapportato alla bellezza della Terrazza Mascagni che è la nostra cartolina di benvenuto, il nostro biglietto da visita più bello e che vogliamo venga preservato al massimo”.

Riproduzione riservata ©

4 commenti

 
  1. # Nerd

    Anche se molti livornesi non lo hanno capito, la terrazza Mascagni non è realizzata in travertino, granito o bianco di Carrara ma è costituita da elementi in materiale cementizio precompresso e vibrato in uno stampino. La resa visiva è egualmente bella ma c’è da tener conto che la permeabilità di questi materiali, l’azione continua degli agenti atmosferici e chi più ne ha più ne metta altera inevitabilmente il colore dei manufatti e porta alla naturale corrosione degli stessi. Credo che riguardo al colore c’è ben poco da fare se non aggiungere un pigmento al calcestruzzo ancora fresco, ma anche trovare la miscelazione giusta per avvicinarsi al colore delle parti esistenti non è cosa facile. Sarebbe invece opportuno arricchire l’impasto con delle resine che rendono impermeabili i materialie che ne accrescono la robustezza e la durata nel tempo.

    1. # Gibi

      Il problema non è il colore….. ma dei parapetti o cimase che hanno un raggio di curvatura diverso e formano un andamento “ad onda”.

  2. # CLAUDIO

    Suggerirei cortesemente all’assessore Alessandro Aurigi di andare a i controllare anche le riparazioni stradali che vengono effettuate nella nostra città la maggior parte delle quali eseguite certamente non a regola d’arte. Oltre ad essere esteticamente orribili, vedi ad esempio il viale Italia,spesso sono francamente pericolose per i mezzi a due ruote. Mi auguro che il Comune metta quanto prima la parola fine a questa incresciosa situazione soprattutto per salvaguardare la salute di tutti noi.
    cordiali saluti

  3. # JOY

    LA TERRAZZA MASCAGNI E’ PRATICAMENTE TUTTA AL BUOI ECCETTO LA PARTE INIZIALE (LATO GAZEBO)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dichiaro di aver letto, ai sensi dell'art. 13 D.Lgs 196/2003 e degli art. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679, l'Informativa sulla Privacy e di autorizzare il trattamento dei miei dati personali.
Il commento e il nick name da lei inseriti potranno essere pubblicati solo previa lettura da parte della redazione. La redazione si riserva il diritto di non pubblicare o pubblicare moderandolo sia il commento che il nick name. Se acconsente prema il bottone qui sotto “commenta l’articolo”.

Passa alla versione desktop Torna alla versione responsive