Cerca nel quotidiano:

Condividi:

Riaperto al traffico lo svincolo Fi-Pi-Li di via Quaglierini

Giovedì 18 Giugno 2020 — 15:40

Il costo complessivo dei lavori ammonta a 3 milioni 370mila euro; 2 milioni e 250mila euro provengono dalla Regione e il restante dalla Provincia di Livorno

Presenti alla riapertura l'assessore regionale Ceccarelli, il sindaco Salvetti, il consigliere regionale Pd Gazzetti, il presidente dell’Autorità portuale Corsini e il rappresentante della Provincia di Livorno, Giovanni Biasci

E’ stata riaperta giovedì 18 giugno la rampa di uscita della Fi-Pi-Li di via Quaglierini nel comune di Livorno (foto tratta dal profilo Fb del sindaco). Non nasconde la propria soddisfazione l’assessore a infrastrutture e trasporti Vincenzo Ceccarelli. “Finalmente siamo riusciti a giungere al termine di questo intervento complesso. Nel corso di questi anni si è reso necessario realizzare una viabilità provvisoria per cercare di ridurre al minimo i disagi, cercando al tempo stesso di portare avanti i lavori”. Come è noto, la frana di via Quaglierini risale a circa 13 anni fa ed è divenuta questione di competenza regionale dal 2016. La Regione si subito adoperata per accelerare la soluzione dei problemi ereditati dalla precedente gestione e per adeguare le procedure di gara al nuovo codice degli appalti, pi volte modificato. I lavori per il ripristino della frana, al km 79+865 della sgc Fi-Pi-Li, nel Comune di Livorno sono stati aggiudicati a ottobre 2018 ad un raggruppamento temporaneo di  imprese con sede legale a Pomarance (Pi). La consegna definitiva dei lavori risale al 7 gennaio 2019 e, nonostante l’emergenza sanitaria, il raggruppamento temporaneo di imprese che ha ottenuto l’appalto, è riuscito a proseguire nelle attività di cantiere e a portare avanti le lavorazioni con alcune difficoltà per l’approvvigionamento dei materiali da costruzione (calcestruzzo, acciaio, barriere di sicurezza stradali, segnaletica verticale ed orizzontale). “Adesso i lavori sono conclusi – aggiunge Ceccarelli – e viene definitivamente aperta la bretella di uscita dello svincolo di Livorno  Porto della sgc Fi-Pi-Li e la consegneremo alla Provincia di Livorno, in qualità di ente proprietario di via Quaglierini, e alla Città Metropolitana di Firenze, quale ente gestore della Sgc. Rimangono da concludere i lavori sulla carreggiata nord della Sgc, all’altezza dello svincolo. Abbiamo deciso di dare priorità alla conclusione dei lavori su via Quaglierini, rispetto a quelli sulla carreggiata della Sgc, per ridurre i disagi agli utenti per gli spostamenti da e per la costa durante la stagione balneare, necessità che nel periodo estivo dello  scorso anno ha comportato la realizzazione di una viabilità provvisoria all’interno del cantiere rimasta attiva durante i mesi di luglio ed agosto”. Ricordiamo infine che il costo complessivo dei lavori ammonta a 3 milioni 370 mila euro; 2 milioni e 250 mila euro provengono dalla Regione, il restante dalla Provincia di Livorno. All’incontro con la stampa è intervenuto anche il sindaco di Livorno, Luca Salvetti, che ha evidenziato la doppia importanza che questa riapertura riveste per Livorno e per l’intera Toscana: “Con la praticabilità dello svincolo diviene finalmente più semplice raggiungere per tutti i toscani la zona di Livorno nord, Calambrone e Tirrenia, con tutto ciò che questo comporta a livello di viabilità generale. Sarà comunque importante, questa viabilità, anche per motivi legati allo sviluppo economico dell’area, permettendo un più facile e veloce accesso alla darsena Toscana e in prospettiva alla darsena Europa”. “Anche noi siamo molto soddisfatti di questa inaugurazione”, ha commentato il presidente dell’Autorità portuale, Stefano Corsini, che ha evidenziato il ruolo strategico della viabilità per “il pieno sviluppo del porto di Livorno”. Sono intervenuti anche il consigliere regionale Francesco Gazzetti, che sul territorio molto si è impegnato per fare in modo che la rampa fosse riaperta alla viabilità e il rappresentante della Provincia di Livorno, Giovanni Biasci, con delega alle Infrastrutture

Condividi:

Riproduzione riservata ©