Cerca nel quotidiano:


Ricerca dispersi, quattro giorni di esercitazioni per i vigili del fuoco

Le quattro giornate hanno visto i vigili del fuoco di Livorno impegnati in interventi simulati di ricerca persona dispersa in luoghi impervi a Populonia e Poggio Pelato

Sabato 30 Ottobre 2021 — 12:55

Si sono concluse il 29 ottobre le quattro giornate di esercitazione che hanno visto i vigili del fuoco del Comando di Livorno impegnati in interventi simulati di ricerca persona dispersa in luoghi impervi. Le quattro giornate, facenti parte della esercitazione nazionale per posti di comando e manovre operative in campo, sono valse anche a testare la capacità di risposta della loro colonna mobile regionale in caso di interventi complessi. Le attività di ricerca, soccorso e salvataggio si sono svolte nel territorio di Populonia nel comune di Piombino e a Poggio Pelato nel comune di Rosignano M.mo. Dopo l’allarme giunto alla sala operativa relativo a due persone adulte che hanno perso l’orientamento durante una giornata di ricerca funghi,  la macchina dei soccorsi si è attivata e numerose sono state le forze in campo e le specializzazioni dei Vigili del Fuoco, provenienti da tutto il territorio regionale, per fronteggiare questa tipologia di intervento: nuclei operativi TAS (topografia applicata al soccorso), i SAPR con i droni per la ricerca dall’alto, le squadre cinofili, il nucleo Dedalo (strumento per localizzare cellulari anche in assenza di copertura della rete) e squadre di ricerca a terra. E’ stata simulata anche l’attivazione del Piano Prefettizio per la ricerca persona in luoghi impervi, che, sotto il coordinamento dei Vigili del Fuoco, prevede l’utilizzo di squadre di ricerca del sistema di volontariato della protezione civile. Si è trattato quindi di esercitazioni totalmente realistiche che hanno messo insieme il sistema dei Vigili del Fuoco e delle associazioni della Protezione Civile, in particolare la Croce Rossa Italiana che ha partecipato alle operazioni in corso mettendo a disposizione numerose unità di volontari e le loro specializzazioni (cinofili, droni e il mezzo ambulanza). L’obiettivo è stato quello di migliorare la catena del soccorso e far crescere l’esperienza di operatori e volontari che si trovano quotidianamente a svolgere operazioni di pronto intervento in situazioni particolari e complesse.

Riproduzione riservata ©

CERCHI VISIBILITÀ? CONTATTACI: 1,1 MILIONI DI PAGINE VISTE AL MESE E OLTRE 60.000 ISCRITTI SUI SOCIAL. PER PREVENTIVI HTTPS://WWW.QUILIVORNO.IT/RICHIESTA-PREVENTIVO-BANNER/ OPPURE [email protected]

GRAZIE!