Cerca nel quotidiano:


Rimborsi sui corsi di formazione: ecco come fare

Lunedì 4 Luglio 2016 — 14:36

C’è tempo fino al 10 luglio (ma sono previste anche altre scadenze bimestrali nei prossimi mesi) per chi vuole fare domanda per ottenere i rimborsi (totali o parziali) sui corsi di formazione fatti per uscire dalla disoccupazione. All’interno del progetto Por Fse 2014-2020, la Regione Toscana offre infatti i cosiddetti “voucher formativi per ricollocamento nel lavoro”, i rimborsi vanno da un minimo di 250 euro fino a 3 mila.
Ecco riportato in modo integrale il comunicato della Regione Toscana, consultabile integralmente a questo link: 
http://www.regione.toscana.it/-/por-fse-2014-2020-voucher-formativi-per-ricollocamento-nel-lavoro

Scadenza e presentazione domande. Solo online a partire dal 30 giugno con scadenze bimestrale entro e non oltre le 12 del giorno di scadenza (scadenza posticipata al giorno lavorativo successivo).
Prima scadenza il 10 luglio, scadenza successive: 10 settembre, 10 novembre, 10 gennaio, 10 marzo, 10 maggio.

Destinatari del bando. Possono presentare domanda soggetti che:
a) siano disoccupati percettori di Assegno sociale per l’Impiego (NASPI), di cui al decreto legislativo 4 marzo 2015 n. 22, la cui durata di disoccupazione eccede i quattro mesi (art. 23 D. lgs 150/2015);
b) sono residenti o domiciliati in un comune della Toscana, se cittadini non comunitari, in possesso di regolare permesso di soggiorno che consente attività lavorativa.
c) hanno compiuto i 18 anni di età.
d) hanno un reddito ISEE inferiore a € 50.000,01

Dotazione finanziaria. Ai fini dell’attuazione del presente avviso sono destinati per il voucher formativo di ricollocazione € 3.900.000,00 a valere sul Por Fse 2014-2020 asse C “Istruzione e Formazione”, Obiettivo specifico C.3.1 – Accrescimento delle competenze della forza lavoro e agevolare la mobilità, l’inserimento/reinserimento lavorativo; Attività C.3.1.1.B) “formazione per l’inserimento lavorativo, in particolare a livello territoriale e a carattere ricorrente”

E’ possibile fare domanda di voucher formativo individuale di ricollocazione, per la frequenza di percorsi professionalizzanti che abbiano ottenuto il riconoscimento della Regione Toscana, realizzati da Agenzie formative accreditate ai sensi della DGR 968/07 (come integrata dalla DGR 910/09), appartenenti ad una delle seguenti tipologie:
a. corsi finalizzati al rilascio di Qualifica professionale riguardanti Profili professionali o Figure professionali appartenenti ai Repertori Regionali;
b. percorsi finalizzati alla Certificazione delle Competenze aventi ad oggetto una o più Aree di Attività (AdA) del Repertorio Regionale delle Figure Professionali;
c. corsi dovuti per legge ( ad eccezione dei corsi relativi alla sicurezza e pronto soccorso)

L’importo massimo finanziabile per ciascun voucher formativo individuale di ricollocazione varia in base alla tipologia di corso scelto, come segue:
a. corso di qualifica € 3.000,00
b. certificazione di unità competenze € 450,00
c. corsi Dovuti per legge € 250,00

La domanda di voucher di ricollocazione, corredata degli allegati specificati nell’avviso, presentata in marca di bollo da € 16,00, deve essere trasmessa con modalità telematica al Settore gestione, rendicontazione e controlli per gli ambiti territoriali di Grosseto, Livorno, tramite piattaforma web, collegandosi, dopo aver inserito nel lettore smart-card del pc, la propria carta sanitaria toscana/carta nazionale dei servizi, alla pagina https://web.rete.toscana.it/fse3 e selezionando tra le funzioni per il cittadino “Presentazione Formulario on-line per Interventi Individuali”.
Per tutte le comunicazioni relative al procedimento viene utilizzato il sistema APACI.

Per problemi tecnici connessi all’uso della piattaforma web chiamare il numero telefonico 800199727
Una volta eseguita la compilazione del formulario online, occorre allegare (in formato zip), sempre dalla citata piattaforma web, i seguenti documenti (elencati nell’articolo 11 del testo integrale del bando), dopo averli compilati, firmati e quindi scannerizzati, per la domanda di finanziamento.
a. domanda di candidatura (allegato 2 del decreto 4266/2016)
b. atto unilaterale di impegno (allegato 3)
c. copia del documento di identità in corso di validità corredato di firma estesa e leggibile
La graduatoria approvata con decreto dirigenziale sarà pubblicata su questa pagina web e sul Burt è altresì inviata ai competenti Uffici territoriali regionali per la formazione e ai Centri per l’Impiego .
La pubblicazione della graduatoria sul sito web della Regione e sul BURT vale come notifica per tutti i soggetti richiedenti. Non saranno effettuate comunicazioni individuali.

Per conoscere tutti i dettagli del bando necessari per presentare correttamente la domanda consultare integralmente il testo del bando e i suoi allegati

Per saperne di più scrivere a [email protected]

Riproduzione riservata ©