Cerca nel quotidiano:


Rimosse 16,8 tonnellate di rifiuti fra Calafuria, Calignaia e Cala del Leone

Accordo Comune, Aamps e MareVivo. I volontari: "Le maggiori difficoltà alla Cala del Leone, dove abbiamo riscontrato la presenza di bivacchi, e a Calignaia con i cinghiali"

venerdì 12 ottobre 2018 15:20

Mediagallery

Si è concluso il servizio straordinario di pulizia del litorale di Calafuria e delle spiagge di Calignaia e Cala del Leone, garantito nel periodo estivo dall’associazione ambientalista MareVivo in forza di un accordo con Comune di Livorno e Aamps siglato nel maggio scorso. Al termine della stagione, segnata da quattro raccolte a settimana per 14 settimane, sono arrivate alla municipalizzata comunale 16,8 tonnellate di rifiuti differenziati, prelevati sul litorale dai volontari di MareVivo e trasportati via mare fino allo spazio interno al porto dove Aamps ha provveduto al carico finale nei propri mezzi. “Siamo soddisfatti di questa operazione che ci ha consentito di mantenere puliti i tratti di litorale impossibili da raggiungere con un servizio di raccolta via terra – spiega l’assessore comunale all’ambiente Giuseppe Vece – I numeri della raccolta ci raccontano l’efficienza del servizio e quanto ancora sia necessario migliorare nel percorso di riduzione dei rifiuti, anche quando andiamo al mare. Con il solo utilizzo delle borracce, riempite ad esempio alle fontanelle installate con ASA, si potrebbero evitare bottiglie e tappi di plastica che, senza interventi come quello da noi realizzato con MareVivo, finirebbero in mare, inquinandolo e sporcandolo per decenni”. “Questo progetto si è rivelato molto efficace – sottolinea il Direttore generale di Aamps, Paola Petrone – perché grazie al contributo dell’associazione, i cui membri sono riusciti ad arrivare in zone altrimenti difficilmente raggiungibili, abbiamo evitato che plastiche altamente inquinanti finissero in mare”. “Per tre mesi ogni mattina, tra le 6 e le 8, ci siamo recati con i nostri gommoni sulle spiagge del Romito per ripulirle dai rifiuti abbandonati – raccontano i volontari– Le maggiori difficoltà le abbiamo trovate alla Cala del Leone, dove abbiamo riscontrato la presenza di bivacchi creati da campeggiatori abusivi, che abbiamo poi segnalato, e a Calignaia dove abbiamo dovuto fare i conti con i cinghiali che sventravano i sacchetti con residui di cibo lasciati da bagnanti irrispettosi dell’ambiente”.

Riproduzione riservata ©

2 commenti

 
  1. # EnricoQ

    Ma è tanto difficile portarsi via la propria spazzatura? Che popolo incivile siamo. Purtroppo.

  2. # peter

    Chiaramente tutto questo credo abbia un costo per l’associazione Mare Vivo, quindi vista l’incivilta dei frequentatori delle scogliere dirrei di far pagare il parcheggio a tutti, scooter compresi. E di stonare i ricavi per la pulizia della costa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dichiaro di aver letto, ai sensi dell'art. 13 D.Lgs 196/2003 e degli art. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679, l'Informativa sulla Privacy e di autorizzare il trattamento dei miei dati personali.
Il commento e il nick name da lei inseriti potranno essere pubblicati solo previa lettura da parte della redazione. La redazione si riserva il diritto di non pubblicare o pubblicare moderandolo sia il commento che il nick name. Se acconsente prema il bottone qui sotto “commenta l’articolo”.