Cerca nel quotidiano:


“RipuLIamoci”, 50 ragazzi in campo contro la sporcizia del Romito

Nata da tre amici, stufi di andare al mare e vedere i resti di cartacce e spazzatura lasciati dagli incivili, l'idea ha da subito attirato l’attenzione di tanti volontari accorsi ad aiutarli

Mercoledì 17 Giugno 2020 — 15:40

di Filippo Ciapini

Mediagallery

Dopo le Vaschette e Punta Pacchiano, partirà la mattina di venerdì 19 giugno il primo evento ufficiale di CleanUp che si occuperà di “bonificare” la zona di Calignaia

Pulire, raccogliere e…sensibilizzare. Sono questi gli obiettivi dell’ associazione no profit Cleanup che da qualche settimana a questa parte fa del litorale livornese il punto nevralgico delle proprie operazioni. Nata dall’idea di tre amici, stufi di andare al mare e vedere i resti di cartacce e spazzatura lasciati dagli incivili, hanno da subito attirato l’attenzione di tanti volontari, accorsi ad aiutarli. È nata per caso, ci siamo accorti che è pieno di rifiuti lungo tutto il Romito e non solo – ci ha detto uno dei tre referenti di CleanUp Nicola Terreni – Abbiamo patrimoni che in pochi si vantano di avere e noi cittadini siamo i primi a lasciarli in condizioni pessime, non va assolutamente bene”. Un’iniziativa che ha attirato l’attenzione del Comune, che presto patrocinerà il tutto fornendo i veicoli di Aamps per la rimozione e smaltimento dei sacchi raccolti da giovani volontari e di altre organizzazioni come Sons of The Ocean e AcchiappaRifiuti. E’ così che dopo le Vaschette e Punta Pacchiano, partirà la mattina di venerdì 19 giugno il primo evento ufficiale di CleanUp che si occuperà di “bonificare” la zona di Calignaia. “Vedere gente che arriva senza minimamente conoscerci ti fa capire che comunque una larga parte di persone tiene alla pulizia dell’ambiente e della nostra costa – ha aggiunto e concluso Terreni – Adesso non basta più prendere il proprio sporco e portarlo via, bisogna avere il coraggio rimproverare con polso fermo chiunque non rispetti l’ambiente e lasci il degrado”.

Riproduzione riservata ©

5 commenti

 
  1. # lev

    Lo so ragazzi, dirvi bravi non basta…pero’ per ora posso dirvi solo bravi! e magari du’ “storcidiollo” a chi sporca la nostra costa non fanno mai male! 🙂

  2. # mind

    oltre al mare c’è anche un problema entro terra, segnalo ad esempio, già segnalato tra l’altro dal tirreno qualche mese fa la discarica a cielo aperto presente in prossimità del Cisternino Pian Di Rota ai piedi del meraviglioso acquedotto Leopoldino in prossimità di una casetta ANAS oggi diventata residenza di ignoti………

    1. # Terreni f

      La situazione dei rifiuti abbandonati nei cespugli del Romito è nota a tutti da decenni e la causa è soprattutto da ricondurre al mancato controllo del territorio da parte degli enti competenti, i quali da sempre lamentano carenze di personale- la pulizia dovrebbe essere effettuata e programmata ogni anno, prima dell’estate, da ditta specializzata – i volontari sono e restano comunque dei volontari che possono dare un contributo alla causa e niente più – la costa durante l’estate va controllata, magari con l’aiuto delle guardie ambientali e vanno anche posizionati sulla strada dei contenitori in numero sufficiente per la raccolta della differenziata –
      P.s. il senso civico non si compra nella macelleria, o ce l’hai dentro di te, oppure crei questo problema

  3. # bimbone

    bravi de…..il problema è che purtroppo ci sono sempre più persone in giro che se ne fregano di tutto e tutti e continueranno a fare come hanno fatto fino ad ora; bisognerebbe cambiare l’animo delle persone….rendendole tutte più consapevoli, coscienti e rispettose del prossimo e di ciò che ci circonda…
    dobbiamo soltanto sperare che comportamenti corretti come per esempio il vostro….creino nuove generazioni con idee sane e rispetto per l’ambiente che ci circonda.

  4. # Cristina

    Bravi ragazzi,siete un esempio per chi, da incivile continua a deturpare l’ambiente. Spero che il vostro impegno sia imitato da tanti. Grazie di cuore