Cerca nel quotidiano:


Riscaldamento, le info utili per l’accensione

Venerdì 28 Ottobre 2016 — 10:59

Mediagallery

In prossimità della stagione invernale, per una corretta e puntuale informazione ai cittadini sulle modalità di accensione degli impianti di riscaldamento, ecco qui una breve guida con tutte le informazioni necessarie.  A Livorno si possono attivare gli impianti di riscaldamento dal 1° novembre fino al 15 aprile per un massimo di 12 ore giornaliere. La decisione dell’attivazione del riscaldamento è demandata direttamente al proprietario, all’amministratore o al terzo responsabile dell’impianto.
In tale periodo dell’anno, nel caso in cui dovessero verificarsi particolari situazioni climatiche, gli impianti di riscaldamento possono essere accesi per ulteriori 6 ore giornaliere (arrivando dunque a 18 ore complessive), ma solo con una specifica ordinanza del Sindaco. Al di fuori del periodo 1° novembre – 15 aprile, in caso di temperature particolarmente rigide, è possibile accendere gli impianti fino ad un massimo di 6 ore giornaliere, senza necessaria ordinanza del Sindaco. La decisione è demandata direttamente al proprietario, all’amministratore o al terzo responsabile dell’impianto. Il Comune ha intanto predisposto il piano di accensione degli impianti degli edifici pubblici di sua competenza (nidi, scuole d’infanzia, scuole primarie e secondarie di secondo grado, RSA, musei, biblioteche, impianti sportivi, uffici, ecc.). La determina prevede che a partire da giovedì 3 novembre siano accessi tutti gli impianti di riscaldamento con avvio scaglionato nelle scuole già da mercoledì 2 novembre fino a sabato 8 aprile 2017, fatte salve condizioni climatiche particolari ed eccezionali tali da giustificare un diverso termine finale.

Riproduzione riservata ©

22 commenti

 
  1. # Fox65

    Io l’accendo quando mi pare…pago e faccio cosa voglio …anche 24 ore no stop

    1. # LabroniDOC

      Boia Fox te si che sei un vero ribelle……….

      1. # Fox65

        Te invece devi esse ganzo abbestia

    2. # Auvic

      E’ questo il ragionamento che sta alla base di molti problemi della società odierna.
      Il bene pubblico, la salvaguardia dell’ambiente e il risparmio energetico non vi tangono. Pago e faccio cosa voglio, indipendentemente dal fatto che il mio comportamento possa nuocere terzi, in modo diretto oppure indiretto.
      Io veramente sono scorata.

      1. # Fox65

        Caro auvic prima di chiacchierare a vanvera rifletti…purtroppo per te io ho deciso di usare un auto a gpl in città e la macchina diesel per le vacanze (sempre poche). Utilizzo a casa solo lampade a led e faccio la differenziata ho elettrodomestici in tripla A e nel mio piccolo contribuisco a rispettare l’ambiente ma nessuno può dirmi quanto e quando fare le cose che mi fanno stare bene con il caldo come con il freddo.
        Guardiamo invece gli sprechi di chi ci dice come comportarci visto che nelle scuole i riscaldamenti si accendono quando ormai gli studenti hanno i ghiaccioli al naso e si spengono quando gia da 2 mesi vanno a mezzemaniche.
        Hai perso l’occasione per stare zitto

      2. # Dunia

        Hai proprio ragione.

    3. # yeppi

      Bravo tanto il Comune che dovrebbe controllare la correttezza e il rispetto delle regole non ci pensa nemmeno di lontano a verificare…. neanche se lo segnali….
      Nel mio condominio, nonostante le mie rimostranze, hanno già acceso da 20 giorni con 25 gradi di temperatura esterna…

      1. # irene

        anche io ho il centralizzato ma si paga quello che consumi

      2. # yuppi

        Bastava fare una diffida all’amministratore esonerandosi dal pagamento del consumo gas facendo la lettura del contatore in data 1 novenbre !

    4. # AnToNIO

      giusto!!!!

    5. # PIRATA

      A prescindere pago o non pago non tutte le case sono uguali dipende dai materiali e dalla posizione io stavo in una casa che come si abbassava la temperatura hai voglia di accendere e di aumentare gli elementi pagavo un sacco e ci si sbibbolava dal freddo!!!!

  2. # Olmo

    In merito al tema riscaldamento,qualcuno sa delucidarmi in maniera sicura sul discorso delle valvole termostatiche e dei contabilizzatori che vanno montati per legge entro fine 2016? Riguardo agli impianti condominiali centralizzati gli amministratori parlano solo della obbligatorietà di fare il lavoro però la legge sembrerebbe dire che esistono delle circostanze dove potrebbe essere certificata l’inutilità del lavoro nei casi in cui la spesa non giustifica i vantaggi. Qualcuno sa quelcosa di più?

    1. # ho freddo

      noi s’è fatto. dice si risparmierà un bòtto di vaini. Io contando su quel risparmio ho ordinato ir biemmevù

    2. # bollicine

      la mia personale opinione (che vorrei fosse smentita, ma l’esperienza di vita ormai di mi dice che su queste cose ho sempre ragione) è che il risparmio effettivo per queste valvole non ci sarà. Intanto installarle costa uno sbotto che sarà ammortizzato solamente dopo anni. Anche se tieni il riscaldamento spento tutto l’anno e stai al gelo, una quota del totale dei consumi (mi sembra il 20%) lo devi pagare ugualmente, così come le spese dell’impianto centralizzato. Le termo valvole mi risultano essere abbastanza sofisticate, tanto da trasmettere ogni una di esse tramite wifi il consumo ad una centralina. Mi immagino che dopo il periodo di garanzia inizino a perder colpi e si guasteranno e sono una per ogni termosifone. Alla fine della fiera quando avrai risparmiato e ammortizzato le spese dovrai riacquistarle nuove. In pratica il guadagno lo farà solamente chi le installa.

  3. # France

    Emanare ordinanze senza alcuna possibilità pratica di verifica e sanzione mi ricorda un pò la frase di rito quando lo Stato pubblicizza il gioco d’azzardo: “giocate con prudenza”.

  4. # Diode

    Ma te sei il numero uno, si sa

  5. # ho caldo

    a casa mia c’è ir centralizzato e l’hanno acceso già da un mese….è regolare?

    1. # Andrea

      No non é regolare… ma stai tranquillo tanto il Comune che dovrebbe controllare non ci pensa nemmeno …. neanche se glielo segnali….
      Dell’ambiente e del suo sfacelo non frega niente a nessuno….

  6. # I casseri vostri no?

    Io già ieri sera per esempio lo ho acceso per far stiepidire la casa.

  7. # beppe

    Il gas è oggetto di mercato, cioè qualcuno lo vende e qualcun’altro lo compra. Ora se chi vende ha un utile X non ha nessuna intenzione di perdere quattrini se riducendo i consumi vende meno gas quindi la mossa successiva sarà l’aumento del prezzo e l’utente consuma meno, ma paga di più: sono un Malpensante ?

  8. # Filippo

    Anacronistico che il comune imponga gli orari.

    A metano non si inquina . Accendo se ho freddo, a discrezione mia!!! e ci mancherebbe altro

  9. # Dario

    Che freddolosi, io ho una felpina e i termosifoni non li ho ancora accesi, in genere li accendo quando fa freddo ma in casa ho 19/20gradi. Se volete un consiglio, la mattina fate circolare l’aria con le finestre aperte. dopo 15 minuti prima di uscire, le chiudete e fate entrare solo la luce. Piccoli accorgimenti ma tengono bella calda la casa.