Cerca nel quotidiano:


Rosso Come Pippo, serata di beneficenza a Casa Papa Francesco

Circa 120 persone alla cena organizzata a Quercianella. La Fondazione: "Questo è un luogo carico di significato dove ai ragazzi viene data una chance di ripartenza"

Martedì 14 Settembre 2021 — 11:28

Serata ricca di significato quella organizzata il 13 settembre dalla Fondazione Rosso Come Pippo alla comunità educativa Casa Papa Francesco (Quercianella). Una serata di beneficenza – alla quale hanno partecipato personalità del mondo imprenditoriale e professionale di Livorno e una nutrita delegazione del Rotary Club Livorno, per un totale di 120 persone – organizzata per raccogliere fondi da destinare ai ragazzi adolescenti impegnati nel raggiungimento dei propri sogni, sportivi e non solo (trova il tuo obiettivo e lo raggiungeremo insieme è il motto che si legge sul sito della Fondazione). Tutto ciò in memoria di Filippo Arpesani, scomparso a 18 anni nel 2018 in seguito ad un incidente stradale.
In questa direzione, nella direzione cioè di mettere al centro l’obiettivo della Fondazione, si è collocata la scelta da parte del presidente della Fondazione, Giorgio Arpesani, padre di Filippo, di organizzare la cena annuale a Quercianella dove, oggi, le Figlie della Carità di San Vincenzo de’ Paoli guidate da Suor Raffaella Spiezio si prendono cura di undici bambini di età o-14 anni tra compiti, sport e attività varie. “Lo Chalet della Rotonda (dove Arpesani è uno dei titolari, ndr) è una location bellissima ma Casa Papa Francesco è un luogo carico di significato – spiegano dalla Fondazione – un luogo in cui i ragazzi trovano una chance di ripartenza, un luogo con valori che rispecchiamo quelli della Fondazione ed è questo che ci ha portato qui quest’anno. Appena avremo il conteggio dei fondi raccolti nel corso della cena ne daremo conto in modo trasparente, come sempre del resto. Abbiamo comunque già deciso che sosterremo il progetto della stanza della musica della Casa”. “Cogliamo l’occasione – concludono dalla Fondazione – per ringraziare Suor Raffaella e tutti i presenti”. La cena-evento è stata animata dalla partecipazione della compagnia di musica e teatro ArteViva.

Riproduzione riservata ©