Cerca nel quotidiano:


Rotary e Federfarma insieme per Progetto Strada

Sabato 8 dicembre, in piazza Damiano Chiesa, la consegna di un proiettore e di un computer

Lunedì 10 Dicembre 2018 — 07:31

di Letizia D'Alessio

Mediagallery

Federfarma e Rotary Mascagni Livorno insieme per donare un proiettore e un computer per le attività del Progetto Strada. L’associazione, che fa capo ai Salesiani, è nata nel 2000 per volontà dell’allora vescovo Alberto Ablondi con l’intento di aiutare i minori e le loro famiglie, con attività che vanno dal doposcuola, all’animazione di strada, ai laboratori e alle feste, al centro estivo. “Proiettore e computer ci serviranno per tutte le nostre attività e soprattutto ci potrà essere utile – ha detto il presidente di Progetto strada Fabio Pacchiani – per il doposcuola. Attualmente il servizio è frequentato da bambini in situazione di disagio, quasi tutti immigrati di seconda generazione, che vanno dagli 11 ai 15 anni. In più facciamo assistenza a famiglie di etnia rom”.
Cecilia Comparini e Annalisa Verugi del Rotary dal canto loro hanno ricordato la collaborazione che da anni avanti con Progetto strada. “Il nostro da tempo è quello di investire sui giovani – ha detto Comparini – in particolare per quanto riguarda l’aspetto sociale per il nostro territorio”.
“Progetto strada fa da anni attività in sordina – ha aggiunto Verugi – per il bene della città. Federfarma ha avuto l’idea di unire noi e Progetto Strada”. Progetto Strada sarà poi una delle associazioni che beneficerà anche di un’altra attività che Federfarma ha in programma di fare. Tra qualche mese partirà infatti nelle farmacie, come ha fatto sapere il presidente Marco Viti, il recupero dei farmaci inutilizzati. Dopo la consegna da parte degli utenti, i prodotti depositati saranno vagliati da una commissione formata da medici e farmacisti e successivamente verranno consegnate ad associazioni no-profit. L’altra attività promossa da Federfarma, in collaborazione col Comune di Livorno, è attiva da sei mesi e prevede l’allestimento di punti d’ascolto nelle farmacie private per le donne vittime di violenza.

Riproduzione riservata ©