Cerca nel quotidiano:


Sabato 15 presidio regionale in sostegno al DDL Zan

Anche Arcigay Livorno sarà in piazza SS Annunziata a Firenze per chiedere l'approvazione del DDL Zan

Venerdì 14 Maggio 2021 — 11:42

Mediagallery

Sabato 15 maggio alle 15,30 anche Arcigay Livorno sarà in piazza SS Annunziata a Firenze per chiedere l’approvazione del DDL Zan (l’evento si svolgerà nel rispetto delle misure anti-covid, con obbligo di distanziamento e mascherine). Un presidio regionale per chiedere che i 10 articoli del disegno di legge siano approvati al Senato della Repubblica. “In questi ultime mesi – scrive Arcigay Livorno in un comunicato stampa – abbiamo sentito troppe scuse e giustificazioni al ritardo su questa proposta di legge che non è divisiva, non cancella la libertà di espressione, ma dà finalmente un nome a quelle discriminazioni che ad oggi in Italia accadono nel silenzio generale: punire i reati di omolesbobitransfobia, misoginia ed abilismo è il primo passo verso la creazione di una società equa ed inclusiva. Il 17 maggio, tra l’altro, sarà la Giornata internazionale contro le discriminazioni di genere ed orientamento sessuale – IDAHOBIT (International Day against Homophobia, Biphobia, Intersex and Transphobia), fu istituita a livello internazionale proprio per sensibilizzare sui temi portati avanti nella legge in discussione al Senato”. “Perché – prosegue il comunicato – informare, educare e contrastare ogni forma di discriminazione e violenza verso la comunità lgbtqia+ non vuol dire agire solo in favore di una minoranza, ma significa tutelare tutte le persone dai sistemi d’odio e discriminazione che hanno origine dagli stereotipi di genere. La Toscana si è sempre dimostrata progressista e tutt’ora viene vista come riferimento sulle buone pratiche politiche verso la comunità lgbtqia+, come dimostrano tutti i giorni le azioni sui territori di associazioni ed pubbliche amministrazioni; non per questo però possiamo esimerci dallo scendere in piazza a rivendicare i nostri diritti, le nostre tutele e la pari dignità di ogni persona e soggettività, superando vecchi schemi che ci hanno negli anni reclusi, feriti ed esclusi dai contesti pubblici e sociali. In questo periodo di ripartenze, nel quale ognuno di noi è concentrato sul ritorno ad una vita dignitosa sul piano sociale e lavorativo, Firenze e la Toscana ancora una volta non hanno dimenticato la necessità di tutelare i diritti e la dignità di tutta”.
Organizzano questa mobilitazione: Giovani Democratici Toscana, Arcigay Firenze Altre Sponde, L.E.D. Arcigay Livorno e Agedo Toscana.

Riproduzione riservata ©