Cerca nel quotidiano:


“Salgo sul bus”, la campagna di Autolinee Toscane per l’uso corretto della mascherina

Prosegue anche la campagna di controlli a campione sul Green Pass con i 100 operatori alle fermate di tutta la Toscana. Su ogni autobus è presente l’avviso dell’obbligo della mascherina a bordo

Domenica 19 Dicembre 2021 — 06:45

Mediagallery

Quando sali in autobus, fai “salire” anche la mascherina. Un gesto di rispetto per gli altri (e per sé stessi) ancora più importante in questa fase critica della pandemia, con la risalita dei contagi del Covid.

Per questo motivo Autolinee Toscane ha deciso di diffondere un messaggio a tutti i passeggeri e passeggere della Toscana: è il momento di ricordarsi che la mascherina riduce il rischio di contagi, va usata sui mezzi pubblici e portata correttamente.

Tira su la mascherina coprendo interamente naso e bocca, solo così proteggerai te stesso e gli altri viaggiatori. Un piccolo gesto di attenzione che può contribuire al contenimento della diffusione del virus”, spiega il testo dei 500 manifesti diffusi su fermate e fiancate dei bus dei capoluoghi della Toscana.

Non basta solo avere la mascherina, ma serve indossarla in modo corretto, coprendo naso e bocca, per proteggere sé stessi e gli altri, specialmente all’interno di spazi di incontro, convivialità e anche trasporto.

“Usare l’autobus è un gesto civile, ecologico – spiega il presidente di Autolinee Toscane Gianni Bechelli – In questo momento in cui la pandemia ancora affligge la nostra quotidianità, è importante usare l’autobus in modo corretto e prestando attenzione a semplici gesti che possono rallentare la diffusione del virus. Insomma, sali sull’autobus e fai salire la mascherina sul tuo viso”.
La campagna è stata sviluppata dall’Ufficio marketing, brand & comunicazione di Autolinee Toscane. Prosegue anche la campagna di controlli a campione sul Green Pass con i 100 operatori alle fermate di tutta la Toscana. Su ogni autobus è presente l’avviso dell’obbligo della mascherina a bordo.

Riproduzione riservata ©