Cerca nel quotidiano:


Salvetti: “No all’atteggiamento furbo. In 4 giorni 1415 controlli”

L'appello del primo cittadino: "In questo momento serve tanto autocontrollo e grande responsabilità"

Martedì 17 Marzo 2020 — 11:09

Mediagallery

Il sindaco: "L'invito a tutti è quello di rispettare le regole in primis per la salute di tutti e poi per contribuire a chiudere il prima possibile questa emergenza che sta creando grandi difficoltà anche sul fronte del lavoro"

Ancora una volta il sindaco Luca Salvetti vuole ribadire il concetto dell’importanza di stare a casa e lo fa ammonendo i cittadini tramite un post scritto sulla sua pagina Facebook ufficiale. Il primo cittadino snocciola dati di denunce e controlli e dice chiaramente “no” all’atteggiamento furbo di tanti (clicca qui per vedere il video-messaggio del sindaco).

“Dopo il weekend convincente parte la nuova settimana con più gente in strada, era prevedibile – scrive il primo cittadino – perché come detto più volte il decreto del governo permette spostamenti per lavoro, acquisto di generi alimentari e medicine, attività fisica e sgambata dei cani. E’ chiaro però che anche quello che permette il decreto deve essere interpretato nella giusta maniera e non può diventare la scappatoia per giri lunghissimi in lungo e largo per la città. L’atteggiamento furbo – specifica Salvetti –  rischia di complicare la vita a migliaia di persone che in questo momento stanno a casa e magari hanno dovuto chiudere le proprie attività o hanno difficoltà nei rapporti con i familiari. L’invito a tutti è quello di rispettare le regole in primis per la salute di tutti e poi per contribuire a chiudere il prima possibile questa emergenza che sta creando grandi difficoltà anche sul fronte del lavoro”.
A tal proposito il sindaco mette sul tavolo una serie di numeri relativi ai controlli messi in atto.  “Ho messo insieme i dati dei controlli delle forze di polizia nei giorni da giovedì a domenica a Livorno città – scrive il primo cittadino – polizia di Stato, carabinieri, guardia di finanza e polizia municipale hanno controllato 1415 tra persone ed esercizi commerciali e hanno denunciato 25 persone che non rispettavano il decreto governativo e le ordinanze comunali. Il lavoro continuerà con posti di blocco e interventi su segnalazione: comprenderete che le poche migliaia di uomini delle forze dell’ordine non potranno mai controllare uno a uno i 160mila cittadini di Livorno, serve autocontrollo e grande responsabilità”.

Riproduzione riservata ©