Cerca nel quotidiano:


Salvò due donne, il Comune propone l’onorificenza

Il 28 giugno scorso Qato Nertil ha salvato due persone dal rogo dell’edificio in cui vivevano in via del Seminario

giovedì 25 ottobre 2018 13:01

Mediagallery

Il Comune di Livorno ha proposto al presidente della Repubblica di concedere una onorificenza al merito civile a Qato Nertil (nella foto insieme al primo cittadino), il ragazzo di 31 anni che il 28 giugno scorso ha salvato la vita a due donne intrappolate nella loro casa in fiamme (clicca qui per leggere l’articolo).
Un riconoscimento chiesto dal sindaco Filippo Nogarin in seguito al tragico rogo costato la vita ad Angela Tarroboiro, residente al piano terra di uno stabile in via del Seminario, 33.

“Se Qato Nertil non fosse intervenuto anteponendo la propria incolumità a quella delle due donne rimaste all’interno dell’edificio in fiamme – commenta il sindaco – il bilancio avrebbe potuto essere ancora più drammatico. Questo ragazzo, originario dell’Albania, vive a Livorno da più di 6 anni e per questo gesto di grande coraggio merita un riconoscimento ufficiale e prestigioso. Voglio ringraziare la prefettura per aver accolto favorevolmente la nostra richiesta di concedere a Qato Nertil una ricompensa al merito e al valore civile”.
“Quando ho capito cosa fosse accaduto e ho visto due persone al primo piano – racconta Nertil – sono corso a prendere una scala da casa mia. Sono salito e ho estratto, non senza difficoltà, prima la figlia e poi la madre. Non è stato semplice, ma mi è venuto d’istinto”.
La mattina di mercoledì 24 ottobre la giunta comunale ha approvato una delibera che avvia il procedimento che verrà preso in carico dalla prefettura di Livorno e sottoposto all’attenzione della presidenza della Repubblica, cui spetta l’emanazione di un apposito decreto.

Riproduzione riservata ©

3 commenti

 
  1. # murdock

    Filippo, pensa anche all’ appartamento sventrato al primo piano ed alla madre e figlia che devono tornarci a vivere, non le lasciare sole!!!!!

    1. # Cristina

      Pienamente d’accordo! Nessuno le risarcirà mai. Sarebbe un grande atto di civiltà trovare loro una sistemazione adeguata.

  2. # giacomo

    certo se tutti si anteponesse ogni tanto la società sarebbe migliore… grazie Nertil!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dichiaro di aver letto, ai sensi dell'art. 13 D.Lgs 196/2003 e degli art. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679, l'Informativa sulla Privacy e di autorizzare il trattamento dei miei dati personali.
Il commento e il nick name da lei inseriti potranno essere pubblicati solo previa lettura da parte della redazione. La redazione si riserva il diritto di non pubblicare o pubblicare moderandolo sia il commento che il nick name. Se acconsente prema il bottone qui sotto “commenta l’articolo”.

Passa alla versione desktop Torna alla versione responsive