Cerca nel quotidiano:


Sciopero generale, in duemila al corteo

Venerdì 1 Luglio 2016 — 15:45

Mediagallery

Oltre duemila persone in piazza per lo sciopero generale a Livorno, la mobilitazione indetta da Cgil, Cisl e Uil per chiedere dignità, reddito e lavoro. È partito da piazza Magenta il coloratissimo corteo delle lavoratrici e dei lavoratori dell’area di crisi livornese, che comprende un territorio da Collesalvetti alla bassa Val di Cecina. Ad aprile il corteo lo striscione a cui era affidato il messaggio dell’iniziativa “Livorno si ferma per rialzarsi”. Dopo Piombino, a distanza di 4 anni, è la città di Livorno che si ferma: un fiume di persone in festa ha attraversato tutto il centro storico della città per chiedere l’unità di tutto il territorio al fine di risollevare l’occupazione dopo la forte crisi che si è abbattuta sulla provincia. Dal palco allestito in piazza del Comune sono intervenuti i tre segretari nazionali dei sindacati confederali: Franco Martini della Cgil, Gigi Petteni della Cisl e Guglielmo Loy della Uil. “Dico alle lavoratrici e ai lavoratori che il sacrificio di questo sciopero non è e non sarà inutile – ha detto dal palco Guglielmo Loy, segretario nazionale Uil – La politica, nonostante gli annunci di chi troppo in fretta ci vorrebbe fuori dalla crisi, si sta accorgendo del disagio che esprimiamo, oggi a Livorno ma ogni giorno in tutto il Paese”. “Livorno, la Toscana, tutto il Paese hanno bisogno di un rilancio – ha sottolineato Petteni – che deve partire proprio dagli elementi contenuti nella piattaforma di questo sciopero: sostegno al reddito, lavoro, dignità, investimenti nelle infrastrutture e nelle attività produttive”. Franco Martini, responsabile della contrattazione della segreteria nazionale Cgil, ha concluso la manifestazione con l’impegno che i sindacati confederali porteranno a Roma le ragioni di Livorno “Oggi da Livorno partono 3 telegrammi – ha tuonato dal palco – uno per il Governo che deve tornare a dialogare con il mondo del lavoro, uno alle Istituzioni Locali che non devono avere paura di questa piazza, oggi siamo qui anche per loro, per la crescita dei territori che rappresentano, e agli imprenditori con la rivendicazione di rinnovare al più presto i contratti nazionali per un incremento dei salari”. I segretari confederali della provincia di Livorno, a fronte dell’adesione allo sciopero che ha toccato picchi oltre l’80%, hanno inviato una richiesta urgente d’incontro ai sindaci dell’area di crisi per arrivare con una proposta unica alla riunione della cabina di regia regionale dell’accordo di Programma di Livorno, prevista per il 14 luglio.

Riproduzione riservata ©

10 commenti

 
  1. # ADRIANO

    duemila persone ci fate vedere qualche foto panoramica perché son tutte in primo piano e sembrano molto pochi in genere per far vedere l’affluenza ci son sempre foto di panoramica, stano vedo 2000 per il sindacato contando anche quelli rimasti a lavoro….
    per la questura 250

    1. # uccio

      Te di sicuro un c’eri….dei 34000 disoccupati di Livorno ti interessa forse qualcosa?Conosci la parola solidarietà?Invece di criticare sempre inutilmente dicci qual è la tua ricetta per combattere il dramma occupazionale della città.

      1. # islay

        Infatti c’erano 34000 persone in piazza a manifestare.

  2. # Peterpan

    Ma perchè la Polizia non li ha caricati? Semplice: hanno fatto una grande manifestazione sacrosanta, tante persone disperate ma dignitose senza spaccare nulla e senza uscire dai percorsi. Così si fanno le manifestazioni e nessuno si fa male! Questo per coloro che denigrano continuamente ed incessantemente e non riescono a capire cosa succederebbe se non ci fossero forze dell’ordine. Ancora complimenti e solidarietà ai manifestanti! E permettete una bella pernacchia ai facinorosi delinquenti asociali oggi al palo!

  3. # maurod

    Finalmente si vede della coesione, sindacati e PD portano la stessa piattaforma.

    1. # Ale

      Si , la piattaforma del magna magna

  4. # Marchino

    Quell’altri 1900 dove sono?

  5. # marchino

    Al mare?!!!!!

  6. # Marcu

    C’è qualcosa che non mi torna, uno sciopero per il lavoro, in una città che ha 30000 disoccupati iscritti è alla manifestazione erano SOLO 250? o tutti quegli altri?

  7. # adriano

    RISPONDO ANCHE A UCCIO non vi erano a manifestare manco i disoccupati ma vanno capiti
    con quella bella giornata agli scogli piatti e sul romito vi era il pienone mica potevano mancare in barba a quelli che davvero soffrono la disoccupazione,
    poi se togliamo i sindacalisti e gli occupati che hanno scioperato quanti disoccupati veri erano a manifestare 20-25? siamo ridicoli, compreso i sindacati che han fatto perdere a tanti una giornata di lavoro magari in alternativa potevano presentare qualche proposta valida per incrementare il lavoro tanto sappiamo benissimo che questo tipo di sciopero non serve attualmente a niente