Cerca nel quotidiano:


Scuole chiuse da lunedì 8 in Toscana: ecco in quali comuni

Livorno città si salva. In provincia il provvedimento riguarda Cecina (zona rossa)

Sabato 6 Marzo 2021 — 16:01

Mediagallery

Con un post Fb (foto tratta dal post) il 6 marzo il presidente della Regione Eugenio Giani, nel ribadire che la Toscana rimarrà in zona arancione anche la settimana dal 8 al 14, ha pubblicato l’elenco dei 40 comuni sui 273 della Toscana dove da lunedì 8 sono sospese le attività dei servizi educativi dell’infanzia e le attività delle scuole di ogni ordine e grado si svolgeranno esclusivamente a distanza. “Ciò per contrastare la diffusione del virus e delle varianti”. Livorno si salva. In provincia il provvedimento riguarda Cecina (zona rossa).

L’elenco
Anghiari (AR)
Castelfranco Piandiscò (AR)
Lucignano (AR)
Marciano della Chiana (AR)
Monterchi (AR)
Sansepolcro (AR)
Castelnuovo Berardenga (SI)
Certaldo (FI)
Civitella Paganico (GR)
Cecina (LI) – Zona rossa
Bientina (PI)
Castellina Marittima (PI) – Zona rossa
Asciano (SI)
Chiusdino (SI)
Monteroni d’Arbia (SI)
Monticiano (SI)
San Gimignano (SI)
Tutti i comuni della provincia di Pistoia – Zona rossa.
Arezzo, Siena e Follonica (GR) hanno adottato specifica ordinanza sindacale dei rispettivi sindaci.

“Nella zona rossa, come nel caso dei 20 comuni della provincia di Pistoia, la chiusura è un fatto automatico secondo l’ultimo Dpcm; a questi si sono aggiunti i comuni di Cecina e Castellina Marittima, appartenenti a province diverse e territorialmente contigui” spiega il presidente, che preannuncia una sola deroga per le Terme di Montecatini: “Rimarranno aperte, perché in questo caso c’è un aspetto di prevenzione sanitaria”. Nella Toscana arancione, dunque, ai 22 comuni rossi se ne aggiungo ora altri 18: in 15 la chiusura delle scuole di ogni ordine e grado è interamente disciplinata da ordinanza regionale; in altri 3 – Siena, Arezzo e Follonica – la disposizione sarà presa dai sindaci ma in condivisione con Giani, con specifico richiamo nell’ordinanza regionale: “Essendo comuni più grandi occorreva un’ordinanza più calibrata sulla specificità locale”, spiega il presidente. “Con ciascuno dei comuni c’è stata un’analisi approfondita sulla presenza di focolai nelle scuole. Laddove il numero alto di contagi, secondo l’opinione del sindaco, non originava dalle scuole non si è disposto alcun intervento di chiusura; in altri casi, quando lo stesso primo cittadino ha fatto presente che poteva esserci una pericolosità di contagio, allora si è proceduto”. “Ringrazio di cuore il lavoro del Ceps, che con me ha valutato la situazione epidemiologica soprattutto nelle scuole toscane” afferma Giani, ricordando che il confronto è stato portato avanti direttamente con i sindaci dei 76 comuni toscani che a ieri, venerdì 5 marzo, risultavano sotto osservazione per il loro alto valore di contagio come indicato dal Dpcm Draghi (ovvero oltre l’indice di 250 su 100mila abitanti).

Riproduzione riservata ©