Cerca nel quotidiano:


Sequestrate sei tonnellate di pesce scaduto

6 tonnellate di calamari californiani e indiani, seppie indopacifiche e gamberi cinesi congelati riportavano in etichetta date di scadenza superate, in alcuni casi, anche da più di un anno: 2mila euro di multa

venerdì 18 Ottobre 2019 17:26

Mediagallery

Sei tonnellate di prodotti ittici sequestrati e 2000 euro di sanzioni elevate (foto fornita dalla capitaneria assieme a questo comunicato). Questo il bilancio di un controllo svolto dalla Guardia Costiera livornese a Livorno, il 18 ottobre, che ha consentito di evitare che una ingente quantità di pesce scaduto potesse raggiungere la vendita al dettaglio o i punti di ristorazione. L’attenzione dei militari della Direzione marittima della Toscana, concentrata principalmente sulla documentazione relativa alla provenienza delle varie specie ittiche e la completezza delle informazioni, ha permesso di individuare una partita di 6 tonnellate di calamari californiani e indiani, seppie indopacifiche e gamberi cinesi congelati riportavano in etichetta date di scadenza superate, in alcuni casi, anche da più di un anno. È scattato pertanto il sequestro della merce, del valore stimato di circa 50.000 euro, per evitare che finisse, plausibilmente nel periodo delle imminenti festività natalizie, sulle tavole di ignari consumatori. Al titolare dell’esercizio commerciale sono state notificate sanzioni amministrative pari a 2000 euro.

Riproduzione riservata ©

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dichiaro di aver letto, ai sensi dell'art. 13 D.Lgs 196/2003 e degli art. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679, l'Informativa sulla Privacy e di autorizzare il trattamento dei miei dati personali.
Il commento e il nick name da lei inseriti potranno essere pubblicati solo previa lettura da parte della redazione. La redazione si riserva il diritto di non pubblicare o pubblicare moderandolo sia il commento che il nick name. Se acconsente prema il bottone qui sotto “commenta l’articolo”.