Cerca nel quotidiano:


Sequestrati due piccoli cani da elemosina

Gli animali venivano utilizzati in via Grande per impietosire i passanti e farsi lasciare denaro: sequestrati dalla municipale dopo numerose segnalazioni

Sabato 28 Dicembre 2019 — 23:30

Mediagallery

L'uomo era già stato diffidato, affinché cessasse questo comportamento vietato, quando era stato sorpreso con i cani mascherati con vestitini, cappelli natalizi e occhiali

Il 28 dicembre, alle 12 circa, in via Grande sono stati sequestrati dalla municipale due cani di piccola taglia stabilmente detenuti al fine dell’elemosina (foto). In questo caso, spiega la municipale, non si tratta del cane che vive in simbiosi con il suo padrone in difficoltà, bensì di animali sfruttati affinché impietosiscano i passanti in modo che lascino denaro. Gli animali erano lo strumento per procurarsi le offerte. I cani erano già stati oggetto di segnalazione, strattonati e detenuti con guinzagli molto corti affinché, come spiega la municipale, restassero immobili ore ed ore vicino al questuante seduto a terra. L’uomo era già stato diffidato affinché cessasse quel comportamento, vietato dal regolamento sulla tutela degli animali, quando era stato sorpreso con i cani mascherati con vestitini, cappelli natalizi ed occhiali. Numerosi i testimoni che hanno fornito alla municipale utili circostanze per procedere nei confronti dell’uomo che alzandosi ha tirato su i corti guinzagli tenendo i cani sospesi in aria fino a quando gli agenti li hanno presi in custodia.

Riproduzione riservata ©

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dichiaro di aver letto, ai sensi dell'art. 13 D.Lgs 196/2003 e degli art. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679, l'Informativa sulla Privacy e di autorizzare il trattamento dei miei dati personali.
Il commento e il nick name da lei inseriti potranno essere pubblicati solo previa lettura da parte della redazione. La redazione si riserva il diritto di non pubblicare o pubblicare moderandolo sia il commento che il nick name. Se acconsente prema il bottone qui sotto “commenta l’articolo”.