Cerca nel quotidiano:


Shangai, ecco 800 firme per non morire

Susini del Circolo Pd Shangai: "L'amministrazione sembra ancora brancolare nel buio e ciò sta facendo solo crescere l'illegalità, viste le numerose occupazioni abusive"

Sabato 24 Settembre 2016 — 07:39

Mediagallery

di Daniele D’Ambra 

Da ormai troppi anni Livorno vive una situazione di emergenza abitativa che ha come caso eclatante e preoccupante quello di Shangai dove i cittadini, esasperati, vivono in condizioni malsane e rischiose, si stanno muovendo per far sì che l’attuale amministrazione prenda in seria considerazione e si attivi con un’azione chiara e decisa per risolvere le problematiche che stanno colpendo il loro quartiere.
“Abbiamo raccolto 804 firme per la petizione riguardante il futuro del rione – spiega uno dei componenti della segreteria del Circolo Pd di Shangai, Marco Susini – nella quale chiediamo al sindaco che si trovino soluzioni immediate per risolvere questa emergenza di Shangai, che venga completato il piano di recupero con l’attuazione degli interventi previsti per il blocco della direzione, S. Giovanni e della Chiccaia. Proprio la Chiccaia – prosegue Susini – è il simbolo della img-20160923-wa0016malagestione del caso poiché in questo blocco ci sono abitazioni non a norma, a rischio cedimenti e preoccupanti anche a livello sanitario considerando la presenza di amianto nelle infrastrutture. L’amministrazione sembra ancora brancolare nel buio e ciò sta facendo solo crescere l’illegalità, viste le numerose occupazioni abusive, ed inoltre sta creando una battaglia tra poveri che non giova a nessuno”,
Susini precisa che l’iniziativa è mossa solo dalla volontà di aiutare i cittadini e non per fare polemica ideologica o politica.
Sulla stessa linea di pensiero pure le dichiarazioni del segretario comunale Bellandi, che afferma: “L’emergenza è lampante e la Chiccaia ne è l’emblema. In questi due anni e mezzo l’amministrazione comunale ha seguito una linea irresponsabile di opposizione ai puiani di recupero per il semplice fatto che esso era un’iniziativa del PD, con anche uno spreco di risorse pubbliche volte ad un recupero molto difficile della Chiccaia ad esempio. L’intervento su questi immobili risalenti al 1930, deve essere immediato e corretto perchè il rischio di cedimenti è alto e l’illegalità incontrollata rischia di prendere il sopravvento – prosegue Bellandi – e quindi l’amministrazione deve aprire un percorso con banche assicurazioni e piccoli proprietari per avere concessioni e deve dare garanzie, acquistando, ripristinando e assegnando alloggi in modo tale da risolvere questa situazione.”
Sulla malagestione è intervenuto pure un altro componente della segreteria del circolo Pd, Ennio img-20160923-wa0017Ughi. “Come in passato – spiega-  il Comune, deve gestire l’emergenza abitativa in parallelo con il piano di recupero ripristinando le graduatorie per la concessione degli alloggi e gli uffici adibiti al controllo dell’abusivismo.”
Il capogruppo del Pd in Consiglio Comunale, Caruso, rincara la dose: “Il problema va avanti da troppo tempo considerando che già nel febbraio 2014 abbiamo mosso una mozione al riguardo, puntualmente bocciata, per far andare avanti i piani di recupero. Opposizioni ideologiche come questa sono controproducenti per la città e per i cittadini. Fortunatamente, da quanto apprendiamo dai media, pare che l’amministrazione stia tornando sui propri passi ma ciò è solo l’inizio e la nostra attenzione sul caso non deve calare ma anzi incrementare in modo da smuovere la situazione.”
La drammaticità della situazione si evince perfettamente dai vari interventi spontanei dei cittadini che hanno assistito alla conferenza i quali affermano che “si sentono abbandonati e boicottati dall’amministrazione che ai loro occhi appare cieca”.
La signora Daniela, proprietaria di un alloggio a Shangai, ci tiene a far presente che la situazione ormai è troppo grave perché non è possibile che i bambini in particolare giochino tra i topi l’amianto e il rischio di cedimenti delle palazzine lasciate al loro destino.
Shangai vuole chiarezza, rispetto e soluzioni immediate.

Riproduzione riservata ©

16 commenti

 
  1. # Libero

    “Da ormai troppi anni ecc…..”.
    Io pensavo che per il risanamento del quartiere avessero già provveduto Lamberti oppure Cosimi!

  2. # ugo

    Susini vuole soluzioni immediate da questo sindaco……..perchè non le ha trovate il suo partito in 50 anni? Quelli del PD escono tutti ora…. e prima?

  3. # Meglio populista che pidiota

    Il Pd si accorge che Shangai va via a pezzi forse perché c’è Nogarin o forse perché la Lega Nord a agosto ha fatto un gazebo nel quartiere ricevendo tante adesioni, finché amministravano loro era tutto a posto.

  4. # marco 52

    Vorrei far presente a Marco Susini, esponente di spicco della politica livornese dal vecchio PCI fini all’attuale PD, che il problema non è nato negli ultimi due anni ma esiste, vorrei dire, da sempre. Gli chiedo: perché in passato, magari quando era deputato ed aveva ancor più peso politico di oggi, non ha provveduto alla raccolta delle firme ed ha invitato le amministrazioni di allora ad aprire gli occhi sul problema Shangai? C’è forse qualcosa di strumentale in quello che sta facendo oggi?

  5. # Falco

    Resto di sasso, IL PD PARLA DI MALAGESTIONE! Ma dove eravate prima!?

  6. # GabS

    ammirevole lo sforzo che sta facendo il PD cittadino…..ma dove è stato in tutti questi anni? Si sveglia solo ora perchè i sondaggi nazionali lo danno ai minimi storici???

  7. # la formica

    Susini,fa proposte in merito alla grave questione abitativa di shanghay; ma gli interventi, tutti contrari, non vanno al di là di NESSUNA PROPOSTA; a me pare lesivo per Shanghay e i VERI PROBLEMI. Se non si trova una vera unità NON SI RISOLVE NIENTE.Meno propaganda e più aderenza alla realtà; non vi pare ?

  8. # carla

    I cittadini ora debbono confidare nella onestà e capacità di chi è alla guida dl Comune. Il Pd con queste iniziative ammette che le passate gestione sono state molto carenti. Ora però sono passati due anni dall’8 giugno 2014. E’ lecito partecipare e chiedere. Certo era meglio per il Pd fare avanzare nomi nuovi. Carla

  9. # Linda

    Caro bel circolo PD, perchè non avete fatto questo esposto quando la città era in mano vostra???
    L’incuria di quel quartiere non è così recente da poter essere attribuita alla giunta Noragin ma è SICURAMENTE da attribuire al PD.

    Avete governato per 60 anni e ora che la città è al collasso vi permettete di dare la colpa a quelli che provano a salvare una nave che voi continuate a voler far affondare.

  10. # perbenistidelca

    Hanno proprio la faccia tosta

  11. # Miriano

    L’acqua passata, specialmente in politica, non macina più.
    Nel bene o nel male ora c’è la Giunta Nogarin e sono loro che devono fare e hanno la responsabilità sulla salute e il ‘ benessere’ dei cittadini.

  12. # Ale

    Ma se a Shangay abitasse il dottor Taldetali, monsignor Pincopallino o l’avvocato Magnatutto pensate che sarebbe ancora ridotto così?…Fa comodo avere un rione dove convogliare, concentrare qualsiasi tipo di problematicità…e poi chiudere gli occhi, le porte.. e le casse. Shangay è sempre servito a questo per qualsiasi amministrazione sia passata al palazzo comunale.

  13. # Federico Mirabelli

    Il piano di recupero di Shangay, non senza difficoltà, è andato avanti in questi anni. Basta fare un giro nel quartiere. Il piano di recupero rischia invece di fermarsi per le scelte fatte dalla giunta Nogarin sul così detto blocco della Chiccaia. Questa è la dura realtà.

  14. # Alvise

    Altro che risanare il quartiere… finchè non risanano chi ci vive il quartiere sarà sempre così come adesso. L’uomo modella il posto dove vive a sua immagine e somiglianza. Ignoranza porta bruttura.

    1. # Meglio populista che pidino

      L’unico che deve essere risanato sei te e i politicanti che hanno amministrato la citta’ da 30 anni a questa parte compreso nogarini.Sono venuto a vivere a sciangai nel lontano 1952 un quartiere abitato da gente povera ma dignitosa gente perbene che la mattina si alzavano e andavono tutto il giorno a lavoro,poi passando il tempo i vecchi sono morti altri hanno avuto la fortuna di migliorarsi e andare in altri posti e i nostri politici hanno considerato il quartiere il ventre molle della citta’e ci hanno mandato tutto il peggio,ma vi garantisco che qui ancora ci vivono della persone di molto perbene,ragion per cui vergognati di fare certe affermazioni

  15. # Daryl

    Fate un mutuo come tutti i comuni mortali invece di stare sulle spalle della gente!