Cerca nel quotidiano:


Sindacati comunali-amministrazione: “Siamo in pieno stallo”

Molti i punti su cui hanno puntato il dito le Rsu: dalla tempistica per ottenere un documento di identità al varo delle nuove macrostrutture, dal sociale fino alla Protezione Civile

lunedì 05 novembre 2018 16:26

di Letizia D'Alessio

Mediagallery

Il 31 ottobre le rappresentanze sindacali del Comune, coordinate da Letizia Carmignani, hanno convocato i giornalisti ad un incontro in cui hanno preso parte oltre alla stessa Carmignani anche Rosa Distaso (Uil), Stefano Chetoni (Cisl), Michele Manzella (Usb) e Marco Paoletti (Cgil). “Con l’amministrazione al momento – hanno lamentato i sindacati – ci troviamo in un momento di stallo. Siamo in un pantano, la giunta è interessata al fine mandato e le cose che non è riuscita a realizzare le scarica su di noi. Da parte nostra c’è una totale bocciatura, che non vogliamo però che venga strumentalizzata, del loro operato”.
Su molti punti i sindacati hanno voluto dire la loro. A cominciare dalla macchina organizzativa. “Ogni mese – spiegano alla stampa le Rsu – viene varata una nuova macrostruttura e questi ‘balletti’ tra dirigenti e continui cambiamenti di competenze ha fatto andare gli uffici in confusione. Anche sul fronte del personale non è stata fatta alcuna politica di assunzione e di rimpiazzo dell’organico che andava in pensione. “I tre mesi di attesa per fare la carta di identità sono frutto di questa politica miope – ha detto Carmignani – Ora i giorni per avere il documento sono in media 70 e se non metteranno alcun rinforzo si raggiungeranno i 120“. I sindacati fanno presente che se il governo nazionale approverà la cosiddetta ‘quota 100’, entro il 2020 andrebbero in pensione oltre 200 persone. Le Rsu chiedono quindi che vengano fatti al più presto concorsi per l’assunzione di nuovo personale. “Gli assistenti sociali – dicono – sono in grande difficoltà. Lo stesso vale per la polizia municipale e gli asili”.
Non sono infine mancate critiche anche alla gestione della Protezione Civile: “Il servizio in questi anni è stato progressivamente declassato e depauperato di risorse e competenze – segnalano i sindacati – e che oggi non ha nemmeno più le risorse umane sufficienti per poter coprire i turni di reperibilità e di pronto intervento sul territorio, come l’allerta meteo dei giorni scorsi ha dimostrato, costringendo i colleghi in servizio a fare turni per quasi 18 ore di seguito”.

Riproduzione riservata ©

3 commenti

 
  1. # pippa

    5S se li conosci li eviti

  2. # Pippo Blu

    ……… non ho parole……..
    Aspettiamo fiduciosi le elezioni per vedere se abbiamo superato il peggio o no!

  3. # sandra

    a giugno voto chiunque fuorchè 5 Stelle

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dichiaro di aver letto, ai sensi dell'art. 13 D.Lgs 196/2003 e degli art. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679, l'Informativa sulla Privacy e di autorizzare il trattamento dei miei dati personali.
Il commento e il nick name da lei inseriti potranno essere pubblicati solo previa lettura da parte della redazione. La redazione si riserva il diritto di non pubblicare o pubblicare moderandolo sia il commento che il nick name. Se acconsente prema il bottone qui sotto “commenta l’articolo”.

Passa alla versione desktop Torna alla versione responsive