Cerca nel quotidiano:


Sono 304 i profughi ucraini accolti in questura fino all’8 marzo

Il dirigente della questura, Cappelli: "Accoglienza resa possibile dal grande cuore che batte all'unisono con la popolazione ucraina da parte di tutta la rete di collaborazione e accoglienza interistituzionale. Il flusso continuerà, il numero è in costante aggiornamento"

Mercoledì 9 Marzo 2022 — 17:40

Mediagallery

Sono 304 i profughi ucraini, di cui 154 minori e il più piccolo di poco più di due mesi, arrivati a Livorno dal 28 febbraio all’8 marzo e accolti dall’ufficio immigrazione della questura diretto da Claudio Cappelli (nella foto lo sportello di accoglienza dei cittadini ucraini allestito nella questura di viale Boccaccio con alcuni giochi messi a disposizione dai poliziotti). Dieci profughi hanno avuto la necessità di ricevere accoglienza e saranno collocati in strutture individuate dalla prefettura, gli altri sono ospiti di amici e parenti già presenti sul nostro territorio e regolarmente soggiornanti, circa 2.600 ucraini presenti tra Livorno e provincia. 162 sono i profughi presenti, ad oggi, in città. “E’ stato ed è un lavoro senza precedenti dalla fine della seconda guerra mondiale – spiega il dirigente Cappelli a QuiLivorno.it – reso possibile dal grande cuore che batte all’unisono con la popolazione ucraina da parte di tutta la rete di collaborazione e accoglienza interistituzionale di cui fanno parte Comune, Asl (Front Office al Modigliani Forum), prefettura, associazioni di volontariato, realtà caritatevoli e ufficio scolastico provinciale. Li abbiamo accolti con delicatezza, umanità e solidarietà aprendo un canale con la comunità ucraina, canale che ha portato a questo modello organizzativo funzionale a garantire una accoglienza il più calorosa, efficiente e umana possibile, sotto la cabina di regia gestita personalmente dal questore di Livorno Roberto Massucci“. I 304 profughi sono stati censiti: “Per i primi tre mesi saranno esenti da visto – conclude Cappelli – dopodiché avvieremo per ognuno di loro le pratiche per il permesso di soggiorno. Il flusso continuerà, il numero è in costante aggiornamento”.

Riproduzione riservata ©