Cerca nel quotidiano:


“Sono arrivato in ospedale in fin di vita, grazie a tutti i soccorritori”

Federico Maria Sardelli: "La mia profonda riconoscenza a chi mi ha salvato". Contattato da QuiLivorno.it, il maestro preferisce non aggiungere altro sull'accaduto

Martedì 10 Maggio 2022 — 15:15

Mediagallery

A raccontare quanto accaduto è stato lo stesso direttore d’orchestra con un post Fb pubblicato domenica 8 maggio. “Mercoledì 27 aprile – inizia così il post di Federico Maria Sardelli, che ringraziamo, nella foto che pubblichiamo tratta dal profilo Fb – la morte mi è passata molto vicino. Sono arrivato in ospedale in fin di vita e devo al tempestivo e magnifico lavoro della Misericordia del Galluzzo e dei medici dell’Ospedale di S. Maria Annunziata di Firenze il privilegio d’essere qui. La mia profonda riconoscenza va al Dr. Gabriele Rosso e Jacopo Vivalda che mi hanno salvato e a tutti i numerosi medici e infermieri mi hanno assistito e curato nei giorni successivi. Un grazie di cuore – è il caso di dirlo – è meritato dai miei grandi amici medici [o grandi medici amici] che mi hanno confortato con mille cure e consigli: Roberto Sbolci, Sirio Malfatti, Alessandro Pieri, Andrea Berni, Filippo Bressan. Adesso sono a casa, ancora frastornato e incredulo, a cercar di dissipare le fosche nubi che ancora mi percorrono la mente. Ma con la gioia di aver già rimesso mano al dipinto che, uscendo di casa, ho creduto essere l’ultimo”. Il maestro preferisce non aggiungere altro sull’accaduto.

Riproduzione riservata ©