Cerca nel quotidiano:


Stalli blu e tariffe. Confcommercio in Comune

Marcucci: "Come Confcommercio incitiamo i nostri imprenditori a tenere duro e a credere nella ripartenza, per questo chiediamo agli assessori e al sindaco di compiere alcuni passi per ridare quantomeno fiducia a chi rischia seriamente di dover chiudere per sempre la propria attività"

Martedì 23 Giugno 2020 — 15:24

Mediagallery

“Abbiamo chiesto e ottenuto un incontro urgente con il Comune, in cui solleciteremo  l’immediata soluzione di criticità sui tema parcheggi e spazio esterno dei pubblici esercizi”.
Francesca Marcucci (nella foto), presidente provinciale Confcommercio, spiega che “molte delle attività economiche legate al turismo, alla somministrazione, al commercio erano già provate dallo stallo economico pre-Covid. Adesso sono allo stremo per il lockdown e il crollo dei fatturati. Come Confcommercio incitiamo i nostri imprenditori a tenere duro e a credere nella ripartenza, per questo chiediamo agli assessori e al sindaco di compiere alcuni passi per ridare quantomeno fiducia a chi rischia seriamente di dover chiudere per sempre la propria attività. In breve abbiamo scritto, e chiederemo a voce domani, l’applicazione di misure su cui l’attuale amministrazione si è già espressa positivamente”.
Queste sono:
– abolizione degli stalli blu nelle zone a traffico limitato e in altre zone determinate come via Beppe Orlando;
– trasformazione dell’ex parcheggio ATL per garantire parcheggi in prossimità del lungomare;
– frazionamento della tariffa della prima ora in alcune zone/strade del centro città;
– abbassamento delle tariffe orarie in determinate zone;
– ripristino dei permessi per albergatori e commercianti per garantire il parcheggio all’interno delle zone a traffico limitato;
– gestione ed elaborazione delle numerose istanze ancora inevase presentate dalle attività di somministrazione alimenti e bevande per l’occupazione gratuita degli stalli blu sino al 31 ottobre.
“Siamo certi – conclude la Marcucci – che gli assessori Cepparello e Garufo comprenderanno la nostra preoccupazione, e converranno con noi sull’assoluta urgenza di sbloccare provvedimenti che potrebbero favorire quella ripresa delle attività economiche che tarda a farsi vedere”.

Riproduzione riservata ©