Cerca nel quotidiano:


Stop alla plastica su spiagge e stabilimenti. E via ai bus gratis nei weekend

Da agosto, compreso Ferragosto, mezzi di trasporto pubblico gratuiti il venerdì e il sabato (dopo le 21) e la domenica (tutto il giorno). Plastica off limits dal 15 agosto

venerdì 26 Luglio 2019 13:58

Mediagallery

Il Comune di Livorno inizia il suo percorso verso il plastic-free. Recependo la Legge Regionale n. 37 del 26 giugno 2019 (misure per la riduzione dell’incidenza della plastica sull’ambiente), il sindaco Luca Salvetti firma venerdì 26 luglio la prima ordinanza che vieta la commercializzazione e l’utilizzo di contenitori e stoviglie monouso non biodegradabili sulle spiagge, nei parchi, nelle aree protette e in tutte quelle manifestazioni, commerciali, turistiche o culturali, patrocinate o sostenute dal Comune di Livorno (clicca qui per rivedere la diretta Facebook della conferenza stampa).
Il divieto entrerà effettivamente in vigore dal 15 agosto (anche se i commercianti potranno utilizzare entro il 31 dicembre 2019 le scorte di magazzino). Da quel giorno, esercenti e cittadini non potranno più utilizzare piatti, bicchieri, posate e cannucce in plastica usa e getta, né per le cene al mare, né per i picnic nei parchi, né nell’ambito di sagre, feste di piazza o fiere. “E’ una svolta, anche culturale, che vede questa Amministrazione Comunale in prima linea”, ha affermato l’assessora all’ambiente Giovanna Cepparello.

Come ci ricorda la Legge Regionale, l’80% dei rifiuti marini rinvenuti sulle spiagge sono in plastica, e tra i dieci oggetti maggiormente presenti nei mari ci sono posate e cannucce, bicchieri, mozziconi di sigaretta e contenitori per il cibo. Il fenomeno ha impatti pesantissimi sull’ecosistema, minacciando la biodiversità e l’habitat marino, senza contare che le plastiche abbandonate entrano nel ciclo alimentare dei pesci e, quindi, dell’uomo. “Riteniamo che questa ordinanza possa contribuire ad orientare e a sensibilizzare la comunità verso scelte e comportamenti consapevoli, diminuendo l’uso di materiali derivanti dal petrolio, a favore di materie prime rinnovabili – ha dichiarato l’assessora all’ambiente e mobilità Giovanna Cepparello – Livorno ha un patrimonio naturalistico preziosissimo, che dobbiamo imparare, tutti insieme, a proteggere. In questo percorso si inserisce tra l’altro un’esperienza molto interessante, quella dell’isola di Gorgona, che, anche grazie alla immediata e convinta adesione del direttore Mazzerbo, ospiterà la prima casa di reclusione plastic free in Italia. Abbiamo già contattato le associazioni ambientaliste per chiedere aiuto, dai prossimi giorni, in quel processo di informazione dei cittadini, che, ci auguriamo, non vivranno questa scelta come un’imposizione, ma come un’occasione per sperimentare nuovi comportamenti, con la soddisfazione di fare qualcosa di giusto e di costruttivo”.

Il sindaco Salvetti ha confermato le parole dell’assessora Cepparello: “Questa ordinanza deve essere vista dai cittadini come un’opportunità per contribuire a migliorare l’ambiente in cui viviamo. Inoltre le tematiche ambientali sono punti qualificanti del programma elettorale”.

Anche l’assessore al commercio e turismo Rocco Garufo ha affermato l’importanza di questa ordinanza. “È un’occasione da non perdere anche per il mondo del commercio. Il Ccn della Venezia ha volontariamente scelto di usare oggetti biodegradabili durante i cinque giorni della kermesse – ha spiegato Garufo – L’Amministrazione Comunale sta pensando ad incentivi e sconti sulla Tia per i commercianti. Siamo ad un punto di partenza importante che ci consentirà di costruire politiche virtuose ambientali e commerciali”.

Sanzioni – Chiaramente ci sarà anche il rovescio della medaglia per chi non si adeguerà all’ordinanza. Le sanzioni per i cittadini che continueranno a portare plastica su spiagge, parchi e stabilimenti saranno da 25 a 500 euro. Diverso sarà invece per gestori di locali e titolari di attività che, una volta terminate le scorte già in magazzino dovranno adeguarsi pena l’esborso di multe salate che andranno dai mille ai tremila euro.

Autobus gratis – Sarà un “Agosto Ecologico” a Livorno all’insegna di Plastic Free, ma anche di corse urbane gratuite dei mezzi pubblici, la sera del fine settimana e tutta la giornata della domenica e festività. Il messaggio dell’Amministrazione Comunale è chiaro. “Con questo provvedimento – ribadisce l’assessora Cepparello – oltre a far risparmiare i cittadini livornesi, si invita a non usare i propri mezzi per spostarsi in città o andare al mare, limitando così inquinamento, incidenti, problemi di parcheggio ed arrabbiature da file e ingorghi”. Il venerdì ed il sabato saranno gratuite le corse dalle 21 a fine turno. Le quattro domeniche di agosto e giovedì 15, ferragosto, le corse saranno gratuite per l’intero arco della giornata da inizio servizio fino a fine turno.

Riproduzione riservata ©

18 commenti

 
  1. # fra

    finalmente!! era ora!!

  2. # carlo

    Il problema dell’inquinamento non dipende dai materiali, dipende solo ed esclusivamente dall’ignoranza dell’uomo.
    Perchè i filtri delle cicche di sigarette non inquinano, le lattine di alluminio, le bottiglie di vetro?

    1. # Gatto

      Ti sei dimenticato delle deiezioni dei cani!

      1. # Vicentino

        Tra tutte quelle elencate sono quelle che inquinano memo

      2. # carlo

        Ciao Gatto, non me ne sono dimenticato, ma nonostante facciano enormemente schifo ( meno dei padroni dei cani che non le raccolgono) sono biodegradabili.

      3. # dave 72

        quelle non inquinano . puzzano ma inquinano poco .

  3. # Nerd

    Credo che si possa parlare di svolta culturale quando realmente le plastiche usa e getta siano realmente sostituite da materiali biodegradabili al solito costo di quelli attuali, altrimenti si può parlare soltanto di tre passi indietro. Dico questo perchè oggettivamente non possiamo certo mandare i bimbi al parco con bottiglie di vetro e bicchieri o con contenitori in plastica riutilizzabili che dopo poco trattengono cattivi odori. Oltre a questo non vedo che cosa ci sia di male per chi è in ferie cercare di razionalizzare i tempi evitando l’acquaio o la lavastoviglie. Vorrei inoltre sottolineare che è molto più sostenibile lo smaltimento della plastica che lo spreco d’acqua facilmente quantificabile con il ritorno alla rigovernatura di ogni cosa. Credo che ogni mossa debba essere fatta in tempi maturi, altrimenti il rovescio della medaglia spesso sarà più vistoso della facciata.

  4. # Robinson

    Ok. D’accordo, ma…. Se il negoziante può usarli fino fine scorte e mi vende il panino o cos’altro nella scatola di plastica, cosa faccio? Non posso andare a mangiarmelo in spiaggia??? Quello che inquina non è il piatto o la posata di plastica: è chi la lascia sulla spiaggia e non se lo porta a casa per smartirlo come si deve!!

  5. # ugo

    per contribuire a migliorare l’ambiente rimettete i cassonetti cosi la gente non butta piu la spazzatura per la strada

    1. # israel hands

      temo che per coloro che sono abituati a buttare la spazzatura per la strada non sia un problema di cassonetti

  6. # Ale

    avere roba biodegradabile non fa altro che peggiorare la situazione, perchè la gente si sentirà quasi nel giusto ad abbandonare i rifiuti per terra, sulla spiaggia od ovunque, non distinguendo fra plastica bio e non. Bisogna che la gente capisca che deve usare i cestini o se non li trova si porti a casa il rifiuto. Semplice

  7. # Carlo

    invece di mettere gli autobus gratuiti, mettete i tornelli, con pagamento al guidatore. Sono stufo, quando viaggio in autobus, di essere il solo a convalidare il biglietto…( non credo che tutti gli altri passeggeri abbiano tutti il biglietto a tempo)

    1. # Fernando

      Il problema sono anche i cani…ma se si multano si scatena un putiferio…possedere i cani per molti è diventato una moda…

      1. # baubau

        La moda ha portato ad essere il paese europeo con il più alto numero di animali randagi comunque in altri posti sono intervenuti verso i padroni incivili ! “Da lunedì 19 marzo 2018 a Malnate scatta una vera e propria lotta ai padroni incivili e maleducati di cani. La polizia locale, dopo avere censito il DNA di circa 1.700 cani “residenti” in paese è pronta a perseguire gli eventuali padroni che non raccoglieranno le deiezioni dei loro animali “

    2. # Piccio

      Giustissimo.
      In tutta europa è così, paghi e sali, non paghi e resti a terra.
      Non si capisce perché da noi sia un tabù.

  8. # Mah!

    Gratuiti il venerdì e il sabato dalle 21 ..??
    A chi serve?

  9. # adriana pavolini

    Il venerdì ed il sabato saranno gratuite le corse dalle 21 a fine turno. Le quattro domeniche di agosto e giovedì 15, ferragosto, le corse saranno gratuite per l’intero arco della giornata da inizio servizio fino a fine turno.? Dateci gli ORARI e i BUS che osservano gli orari oltre le 21 e quali i PERCORSI. GRAZIE

  10. # Lorenzo

    Buona iniziativa. Tanto si deve fare invece sulle bottigliette di plastica dell’acqua e delle bibite, che continueranno a inquinare i nostri mari. L’abolizione o uso di materiale alternativo sulle bottigliette sarà la soluzione. Niente da fare sulla ignoranza, menefreghismo e stupidità dell’essere umano.. parliamo in generale via…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dichiaro di aver letto, ai sensi dell'art. 13 D.Lgs 196/2003 e degli art. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679, l'Informativa sulla Privacy e di autorizzare il trattamento dei miei dati personali.
Il commento e il nick name da lei inseriti potranno essere pubblicati solo previa lettura da parte della redazione. La redazione si riserva il diritto di non pubblicare o pubblicare moderandolo sia il commento che il nick name. Se acconsente prema il bottone qui sotto “commenta l’articolo”.