Cerca nel quotidiano:


Striscione goliardico contro il 2020. L’autore: “Un mix di esasperazione e rabbia”

Parla l'autore, Aldo Garzelli:" L'ho scritto in un momento di rabbia dovuta ai tanti furti subiti in queste settimane e pensando a questo anno orribile appena trascorso, ma vuole essere un augurio per un 2021 migliore"

Sabato 2 Gennaio 2021 — 12:01

Mediagallery

In piazza Sforzini è tutto un viavai di curiosi che si fermano, sorridono e scattano una foto ricordo di questo striscione. E l'immagine ha già fatto il giro del web e dei gruppi Facebook

Uno striscione goliardico appeso davanti alla fermata dell’autobus in piazza Sforzini ad Ardenza. Uno striscione che, incarnando in pieno lo spirito livornese e in dialetto labronico, invita in maniera “schietta e diretta” il 2020 a passare la mano senza pensarci troppo al nuovo anno. “L’ho scritto in un momento di rabbia aspettando il capodanno – spiega l’autore, Aldo Garzelli, contattato dalla nostra redazione la mattina del 2 gennaio – La rabbia era dettata dal fatto che le mie attività, Aldo’s Burger qui in piazza Sforzini e la bar L’Acquamarina ai Tre Ponti, sono state vittime di molti furti nelle ultime settimane e in generale durante tutto l’anno. Ci siamo sentiti, come categoria, abbandonati. Nessun controllo notturno nonostante i tantissimi adeguamenti fatti per poter cercare di stare a galla. Ma lo striscione è anche dettato dall’esasperazione di un anno terribile su tutti i fronti e dalla speranza di potersi godere un anno migliore”.
E in piazza Sforzini è tutto un viavai di curiosi che si fermano, sorridono e scattano una foto ricordo di questo striscione. “Ho visto la foto pubblicata in tantissimi gruppi Facebook – spiega Garzelli -non solo livornesi ma anche di amici fiorentini che hanno colto di buon grado questo assist in pieno stile livornese per cacciare via un anno orribile. Alla fine vedo che, grazie a questo striscione, magari un sorriso lo riesco a strappare. Ed è già tanto. Un augurio a tutti per un 2021 di serenità, soprattutto ai più giovani. Io a 64 anni ormai ho detto la mia, la speranza è tutta per voi che avete ancora tanto da fare”.

Riproduzione riservata ©