Cerca nel quotidiano:


Suolo pubblico sugli stalli blu, come fare domanda

L'occupazione potrà avvenire solo dopo avere ricevuto dall'ufficio la pec di accoglimento da parte del Comune

Mercoledì 27 Maggio 2020 — 08:04

Mediagallery

Il sindaco: "perché l'obiettivo dell'Amministazione Comunale è dare una mano a tutti i ristoranti, pub, bar, pasticcerie, locali che sono stati fortemente danneggiati dal lungo blocco delle attività dovuto alle restrizioni per il Coronavirus"

Come annunciato anche a ristoranti, pizzerie, bar alimentari che occupano stalli blu,  sarà concesso il suolo pubblico gratis, secondo quanto deciso dalla Giunta Comunale.
Gli esercenti che hanno stalli blu storici possono richiedere la conferma degli stessi, e se necessario ne avranno uno in più rispetto all’anno passato.
Coloro che non hanno mai fatto richiesta di suolo pubblico su stalli blu e quest’anno vorranno fare la domanda, avranno diritto a uno o due stalli blu a seconda della metratura interna del locale. L’esercente interessato ad ottenere l’occupazione gratuita di suolo pubblico su stalli blu, secondo i criteri stabiliti dalla Giunta Comunale, deve compilare in ogni sua parte l’apposito modello di Scia Condizionata disponibile sul sito del Comune su questa pagina: http://www.comune.livorno.it/polizia-municipale-amministrativa/polizia-amministrativa/avvisi. Alla Scia l’esercente deve allegare i documenti parte integrante specificati anch’essi in calce alla stessa pagina.
La Scia condizionata e i relativi allegati devono essere spediti alla pec del comune [email protected]
L’oggetto della PEC dovrà essere: RICHIESTA CONCESSIONE SUOLO PUBBLICO TEMPORANEO: Attività “denominazione/Nome della attività”.
Si precisa che l’occupazione potrà avvenire solo dopo avere ricevuto dall’ufficio la pec di accoglimento da parte del Comune.

Suolo pubblico gratis anche a ristoranti, pizzerie, bar che occupano stalli blu. Questa la decisione della Giunta Comunale riunitasi la mattina di martedì 26 maggio nella sala del Consiglio Comunale al completo in presenza dopo i due mesi di lockdown. Gli esercenti che hanno stalli blu storici possono richiedere la conferma degli stessi e se necessario ne avranno uno in più rispetto all’anno passato. Coloro che non hanno mai fatto richiesta di suolo pubblico su stalli blu e quest’anno vorranno fare la domanda, avranno diritto a uno o due stalli blu a seconda della metratura interna del locale. “Questa mattina (martedì 26 maggio, ndr) durante la giunta abbiamo affrontato e risolto il discorso relativo all’ampliamento su stalli blu, che sono in gestione a Tirrenica Mobilità – afferma il sindaco Luca Salvetti – perché l’obiettivo dell’Amministazione Comunale è dare una mano a tutti i ristoranti, pub, bar, pasticcerie, locali che sono stati fortemente danneggiati dal lungo blocco delle attività dovuto alle restrizioni per il Coronavirus. Il bilancio comunale può sostenere la decisione di giunta, dando così la possibilità agli esercenti di alleggerire le spese”.
“Abbiamo lavorato per sospendere temporaneamente l’utilizzo delle aree destinate a parcheggio a pagamento – aggiunge l’assessora alla mobilità Giovanna Cepparello – convinti che in questo momento di emergenza la ripresa economica della città debba essere una priorità”.

Riproduzione riservata ©

9 commenti

 
  1. # Lore

    Bene, bravi… è giustissimo!! però date un’alternativa a dove poter far parcheggiare i residenti (in particolare zona centro come Venezia, avvalorati, via della posta e limitrofi!) Le varie attività hanno il pieno diritto di potersi rimettere a lavorare…così come i residenti hanno il diritto di trovare un posto dove poter lasciare l’auto, non che il diritto ( da sempre ignorato dall’arroganza, inciviltà e menefreghismo della gente) di avere silenzio e quiete dopo la mezzanotte!
    PS: a qualcuno la sveglia suona alle 6, se non prima, anche il sabato e la domenica mattina!

    1. # Marco

      Giusto, ma non solo per i residenti ma anche per le altre attività che hanno bisogno di essere raggiunte dai clienti.

  2. # Cetriolo

    Vorrei sapere dove parcheggeranno i residenti, già costretti a fare infiniti giri per trovare posto! Sarà bellissimo tornare a casa la notte (si qualcuno fa anche i turni e rincasa ad orari per gli altri inpensabili…) e trovare gli stalli blu pieni di tavolini, sedie e quant’altro. E tu povero allocco che giri per ore per cercare dove mettere la macchina senza prendere una multa!

    1. # W la venezia

      La Venezia è bellissima … è il fiore all’occhiello della città! Ma … sarebbe necessario che i residenti capissero che in tutti i centri storici del mondo, non si parcheggia sotto casa! Vivere nel più bel punto della città comporta dei pro e dei contro e il contro sono i parcheggi! E’ come se i residenti di piazza del Campo a Siena, si lamentassero del fatto che non possono parcheggiare nella piazza. La precedente amministrazione ha riempito la Venezia di stalli blu, ovunque stalli blu! Perfino una delle più belle vie di Livorno, la via Borra, è stata oggetto di raddoppio dei parcheggi che occupano ora tutte e due le parti della carreggiata. Una deturpazione oscena, ma di questo i residenti non si lamentano … è già devono avere il posto sotto casa! Suggerisco di fare 100 metri e provare sugli scale del pesce, li gli stalli blu sono sempre vuoti. Solo 100 metri …

      1. # Bobbina

        Purtroppo non si tratta di parcheggiare a 100 metri da casa, siamo già abituati a parcheggiare distanti…non pretendiamo di parcheggiare sotto casa… magari… purtroppo ci dobbiamo accontentare di parcheggiare dove si trova posto, e non scordarti che per venire in Venezia tutti vengono con i loro mezzi e parcheggiano anche davanti ai portoni, perché evidentemente fa fatica fare “100” metri a piedi ma non per andare finalmente a casa dopo una giornata di lavoro, ma per raggiungere le strade della movida!!!!

      2. # Troppabiada

        Cento metri?MA DA DOVE VIENI? Da Marte?

      3. # Cetriolo

        Con tutto il rispetto ma, Lei non sa di cosa parla… Con l’avvento degli stalli blu i posti a disposizione sono radicalmente diminuiti, è un dato di fatto. Le autorizzazioni per i residenti sono molte di più dei parcheggi disponibili. Afferma poi che “vivere nel più bel punto della città” etc etc… Mi domando solo dove vive lei. Io in un monolocale di 36 mq. ad un piano alto senza ascensore ( e siamo in due, fortunatamente non ho figli…). La via è infestata da piattole e topi. Non è infrequente che i clienti degli attigui locali usino la strada come gabinetto a cielo aperto (visto farlo anche a delle ragazze, mi creda…). Francamente se avessi la disponibilità mi sposterei in un bell’attico vista mare di Banditella… Lei no? Qui quando ti fai una bella camminata dopo aver parcheggiato, sei contento perché ti sembra di aver vinto il mondiale e quei passi li consideri il meritato giro di campo… Una volta la mia faccia sconsolata mentre cercavo posto deve avere colpito anche un rider che si è avvicinato e mi ha dato la dritta del luogo dove c’era l’unico posto libero rimasto (solidarietà fra disperati?). Il problema degli stalli blu è ben più vasto della sola Venezia (dove tra l’altro non abito) ma su una cosa Lei ha ragione: spesso i problemi del centro sono comuni a tutte le zone che lo compongono (come i residenti di viale Caprera ben sanno, avere la movida sotto casa non è certo un colpo di fortuna ma spesso la spia di problemi molto seri…). Detto questo, visto la situazione già disperata (se non trovo posto nella mia area non posso parcheggiare nelle aree attigue perché rischio la multa!) non credo sia da elitari chiedere di poter parcheggiare il proprio unico veicolo, usato solo in caso di stretta necessità visto che uso sempre la bici. Per lei sono richieste assurde? Beh le auguro tutto il bene di questo mondo, ma spero di cuore che non diventi mai assessore al traffico di Livorno. Buon parcheggio.

        1. # nedo

          ottimo commento Cetriolo, io vivo nella zona B e prendere la macchina (2 volte al mese max) è sempre un patema perchè non sai mai se trovi posto..

  3. # Bobbina

    Concordo con “Lore” in quanto residente nel quartiere la Venezia…