Cerca nel quotidiano:


Tanti big sul palco per il teatro svaligiato. I NOMI

Uno show per ripartire dopo il furto subito dal titolo "La Cultura non si ruba". Ecco la lista dei big dello spettacolo che si esibiranno

Martedì 19 Febbraio 2019 — 18:00

Mediagallery

Lunedì mattina il cattivo risveglio con il buco nel muro che ha consentito ai malviventi di svaligiare il Nuovo Teatro delle Commedie. Neanche 24 ore dopo la testa che si rialza con lo spettacolo in programma venerdì 22 febbraio dal titolo “La Cultura non si ruba”.
“Vogliamo ringraziarvi tutti, i vostri messaggi e il vostro affetto sono fondamentali per rialzarci più forti di prima – scrivono dal NTC – La programmazione di questa settimana come immaginerete è sospesa per il furto subito domenica notte. Abbiamo deciso di reagire nella maniera che ci riesce meglio: organizzando una serata dedicata alla musica e allo spettacolo,un modo per non sentirsi soli e ripartire insieme. Venerdì sera vi aspettiamo dalle 22 fino a tarda notte con una lunga lista di amici,attori, cantanti , musicisti e dj.  Si parla di: Michele Crestacci, Stefano Santomauro, Alessia Cespuglio, Silvia Lemmi, Leonardo Fiaschi, Fabrizio Brandi, Emanuele Barresi, Slava Svejk (Andrea Kaemmerle), Bobo Rondelli, Andrea Appino, Roberto Luti, Giorgio Mannucci, Simone Galassi, Tommaso Novi, Francesco Bottai, Betta Blues Society, Francesco Carone, Jara Love, Nuwanda Ferefen e tanti altri”.

Solidarietà – “Riaffermiamo che la cultura è un bene di tutti – scrive il direttore artistico del teatro Francesco Cortoni – La Cultura non si ruba. E visto che ce lo chiedete in tanti…Per chi vorrà essere ancora più vicino a noi ,potrà lasciare un’offerta libera la sera dell’evento oppure fare una donazione sul nostro conto corrente IT49D0335901600100000061774 (con causale Donazione NTC) ma quello che ci sta più a cuore è la vostra presenza e la condivisione di questa serata. Grazie a tutti per la solidarietà”.

La cronaca del furto – Si sono introdotti nella notte, tra domenica 17 e lunedì 18 febbraio, all’interno dei magazzini dismessi dell’ex Partito Comunista Italiano in via Galileo Galilei per poi spaccare il muro a colpi di mazza o piccone e intrufolarsi all’interno dell’adiacente Nuovo Teatro delle Commedie di via Terreni. I malviventi hanno colpito con il favore dell’oscurità agendo così indisturbati e riuscendo a portar via materiale tecnico per un valore complessivo e approssimativo di circa 7mila euro. “Avevamo uno spettacolo in programma questa mattina (lunedì 18 febbraio, ndr) per le scuole. Spettacolo che abbiamo dovuto annullare – racconta Francesco Cortoni direttore artistico del Nuovo Teatro delle Commedie (nella foto) a Quilivorno.it – Il nostro tecnico ha aperto regolarmente la porta d’ingresso senza alcun problema. Una volta all’interno ha notato che, proprio davanti al bar, c’erano molti cocci per terra. Alzando gli occhi non ha potuto far a meno di notare il buco“.
I malviventi, con tutta probabilità, sono dunque passati dall’ingresso di via Galilei forzando una catena al portone d’ingresso degli ex magazzini ormai vuoti da tempo. Una volta dentro hanno potuto agire indisturbati tanto da poter praticare un foro tanto grande da permettere ad una persona di entrare e trasportare la merce.
“Abbiamo fatto subito una lista del materiale asportato: si parla di un mixer, due Dimmer Electron Actor  625 per le luci dal valore di circa 700 euro l’uno, microfoni, una mola da lavoro, un pc e circa 30 bottiglie tra gin, vodka e rum – continua Cortoni, alla guida del NTC da circa sei anni – Per noi che siamo piccole realtà sono colpi durissimi da poter digerire. E adesso c’è anche da pensare a riparare il buco nel muro il prima possibile per evitare di dover dormire qua dentro. In seconda istanza il Comune sarebbe giusto che pensasse alla messa in sicurezza di questi ambienti adiacenti in modo da non farli divenire alla mercé di tutti”.

L’intervento del sindaco – “Ciò che è accaduto la notte scorsa al Teatro delle Commedie è semplicemente indecente: ci vorrebbe un supplemento di pena per chi colpisce i luoghi della cultura”. Così ha commentato la notizia il sindaco Filippo Nogarin. “Questo teatro – sottolinea Nogarin – è uno dei fiori all’occhiello dell’offerta culturale cittadina, promuovendo l’arte e la bellezza. In questi anni siamo sempre stati al fianco degli imprenditori che si sono alternati nella gestione di questi spazi, sia dal punto di vista economico che promozionale e certo non li lasceremo soli in questo momento difficile”.
“Per prima cosa – aggiunge il sindaco – chiederemo ai nostri tecnici di provvedere il prima possibile a riparare il danno alla parete, di modo che si possa immediatamente riallestire gli interni per gli spettacoli. E in settimana incontrerò i gestori del teatro per capire in che modo possiamo dare loro una mano a ripartire”.
“A prima vista questo sembra un colpo studiato a lungo – conclude il sindaco – e la cosa è ancor più preoccupante. Oggi scriverò al Prefetto chiedendo l’immediata convocazione di un Cosp per affrontare il tema dei furti e delle rapine che negli ultimi dieci giorni si stanno ripetendo in maniera sistematica”.

Riproduzione riservata ©

16 commenti

 
  1. # amaranto 67

    leggere la cronaca da più l idea del bollettino di guerra di una città sul fronte piuttosto che di una tranquilla località di provincia quale Livorno dovrebbe essere… furto con scasso sui fossi in pieno centro, rapine a mano armata nel parcheggio della multisala (anche qui in una zona che dovrebbe essere fortemente presidiata), furto con spaccata al teatro di via galilei (pieno centro)…. tutto in un fine settimana, tutto nei luoghi più affollati della città… poi fanno le riunioni di fine anno e ci raccontano che tutto va bene che il crimine viene represso e che siamo più sicuri di ieri… purtroppo la realtà è cambiata ovunque ma la sensazione è che lo stato sia sempre meno capace di proteggere i cittadini.

    1. # Lidia Lafia

      Tranquillo, la raccolta differenziata sta raggiungendo il 65%! Grande Nogarin!!!

    2. # MAURIZIO

      Caro Amaranto 67, concordo con quanto da te affermato, ma i furti di questi giorni da peggiore ladro di polli e questi allarme esplosivi, hanno il vago sapore pre-elettorale, deve restare alta l’attenzione sempre,
      ma attenzione a non essere noi i polli, dei ladri di voti.
      Distinti saluti

      1. # amaranto67

        maurizio onestamente non ce li vedo i militanti della lega andarsene a svaligiare negozi per fare incetta di voti, per cosa poi ? prenderanno molti piu voti di quanti ci se ne aspetti… vedrai.

        1. # delusa

          ricordiamoci che C’era gente che si faceva picchiare per poi dire che era stata aggredita e che serviva sicurezza e repressione….

  2. # FABIO

    livorno sempre più allo sbando.. e Nogarin si stupisce quando trova la gente che scrive sulle statue appena restaurate..
    Avete reso Livorno così voi, non siamo mai stati messi tanto male.. e cosa pensate di fare? Altre strisce blu?Altri posti per conferire i rifiuti alle dalle 09.00 alle 11.30?

    1. # Anto

      e sarebbe colpa di Nogarin questa ondata di illegalità?
      Del porta a porta o degli stalli blu?
      Magari è decisamente colpa delle piste ciclabili, con il favoreggiamento delle rotatorie

      1. # Fabio

        No non c’entra nulla vero? Chi ha amministrato la città negli ultimi anni?
        Da quando è arrivato lui le rapine e i furti si sprecano. La città è diventata terra di nessuno. Secondo te quando in anni di amministrazione lanci un messaggio di trasandatezza totale della città, impunità completa e abbandono dei controlli poi questo non ha conseguenze sul crimine vero? Credi forse che il crimine capiti casualmente come la pioggia? Beata ingenuità

      2. # antonino

        no eh, Nogarin che governa da 5 anni non c’entra nulla vero.. Ha trasformato la città in una pattumiera, ha tollerato occupazioni abusive di ogni tipo, maiali macellati in centro, voleva accogliere altri immigrati, non ha mai fatto NULLA per la sicurezza cittadina, ma comunque non c’entra nulla.. Allora mi dici se non serve a nulla cosa ce lo teniamo a fare?

      3. # FABIO

        boia, direi che è il primo responsabile per le condizioni in cui versa la città.. o credi che la criminalità colpisca a caso? capita random?
        Se non c’entra nulla chi ha amministrato Livorno negli ultimi anni rendendola più povera, sporca, isolata e insicura non si capisce chi ci deve entrare. Ah no, è colpa di Renzi giusto..

        1. # Anto

          guarda che per puntualizzare Nogarin non l ho votato e non lo vooterò,ma se c era un Sindaco del Pd? della Lega? o di qualsiasi altro partito cosa avrebbe fatto? stella cinturone , costume da supereroe e via a sconfiggrere i cattivi?
          In trentino la raccolta porta a porta c è da anni, e non ha niente a che vedere con la criminalità, idem i posti auto a pagamento( sono duro, mi spieghi l accostamento stalli blu=+ criminalità?)
          Può sollecitare un attenzione maggiore agli organi preposti tipo prefetto, questore e comandanti CC e gdf………

    2. # Livornese

      Tranquilli a Maggio torna il PD e tutto torna alla normalità

  3. # alessandro

    forza ragazzi. massima solidarietà

  4. # giancarlo

    RAPINA AL TEATRO , RAPINA AL CINEMA , FURTO ALLA CANTINA BARONTINI , FURTO AL TUODI DI SALVIAMO ………SORA LELLA :………..ANDIAMO BENE , …..PROPRIO BENE !!!!!!!!!!!!!

  5. # Marco l.

    Qualcuno si e’ accorto che i bar sono pieni di personaggi che nonostante non lavorino hanno anche auto di grossa cilindrata oltretutto di marca?come si mantengono?
    Bo?chi lo sa’?
    Io pago Aci,spazzatura,caldaia,luce,gasse,assicurazione,telefono,730,mutuo,lettera,parcheggio ……..
    Sara’ meglio che al teatro ci vada anche io?

  6. # Dilvo

    È colpa di Renzi.