Cerca nel quotidiano:


Tari 2020, risparmi per famiglie e imprese per oltre 5 milioni

Ridotta del 13% la tassa sui rifiuti. La manovra spiegata in conferenza stampa dal sindaco Salvetti, dall'assessore al bilancio Ferroni e dal direttore generale del Comune, Nicola Falleni

Lunedì 16 Novembre 2020 — 18:35

Mediagallery

Le famiglie e le aziende livornesi, che quest’anno si sono viste recapitare bollette ridotte del 10% le prima e decurtate della parte variabile, le seconde penalizzate dai provvedimenti restrittivi, vedranno quindi negli anni successivi dei conguagli significativamente calmierati

Con la manovra di assestamento di bilancio la Giunta definisce la partita della Tari 2020, la prima predisposta da questa Amministrazione.
Grazie al lavoro portato avanti nell’ultimo anno insieme ad Aamps è possibile adesso finanziare con il bilancio comunale un pacchetto di riduzioni ed agevolazioni che alleggeriranno il peso della Tari sui livornesi per circa cinque milioni di euro, per l’esattezza 5.050.000 euro.
La manovra è stata presentata la mattina di lunedì 16 novembre dal sindaco Luca Salvetti, dall’assessora al bilancio Viola Ferroni, dal direttore generale Nicola Falleni e dai due dirigenti Alessandro Parlanti e Massimiliano Bendinelli.
“Nell’attuale bilancio di previsione – ha spiegato Ferroni – che recepisce l’ultima stima di entrata approvata dalla precedente amministrazione con il loro PEF, il gettito Tari atteso è di 38.784.000 euro; con un lavoro che ha visto impegnati sin dal nostro insediamento azienda ed amministrazione, è stato possibile rivedere queste stime ed arrivare ad un PEF che porterà ad una stima di Tari di 37.684.000 euro, producendo quindi una prima riduzione di 1.100.000 euro senza incidere sui servizi aziendali di smaltimento e raccolta”.
Grazie poi alle politiche di bilancio, quest’anno più che mai tese ad agevolare le famiglie e le aziende maggiormente colpite dall’emergenza epidemiologica anche dal punto di vista economico, con una propria decisione della Giunta sono state disposte 3.950.000 euro di agevolazioni, che andranno ad incidere positivamente sulle bollette dei livornesi e saranno suddivise in 800.000 euro per le utenze domestiche, con circa 7.000 nuclei familiari coinvolti sulla base dei parametri ISEE (storicamente lo stanziamento per queste agevolazioni era di € 250.000 per meno di 2.000 famiglie) e 3.150.000 euro in favore delle utenze non domestiche colpite dalle misure restrittive necessarie a fronteggiare la diffusione del Covid-19.
Le famiglie e le aziende livornesi, che quest’anno si sono viste recapitare bollette ridotte del 10% le prima e decurtate della parte variabile (che incide in una percentuale dal 40% al 60% del valore delle bollette) le seconde penalizzate dai provvedimenti restrittivi, vedranno quindi negli anni successivi dei conguagli significativamente calmierati dalle riduzioni di cui sopra. Riduzioni saranno inoltre previste per le utenze non domestiche di via Grotta delle Fate penalizzate dai cantieri dei lavori pubblici che interessano l’area.
“Questa è l’operazione finanziaria più importante e rilevante che l’Amministrazione ha fatto dal suo insediamento- ha dichiarato il sindaco Luca Salvetti – Propone risparmi a famiglie e imprese. Oggi siamo riusciti a ridurre la Tari del 13%. Un’inversione di tendenza rispetto agli anni passati, durante i quali la tassa ha gravato sui cittadini.
Questa manovra rientra nelle linee di lavoro con Aamps che si possono sintetizzare in quattro punti:

– Riorganizzazione aziendale con nuove assunzioni
– Mantenimento dei livelli di servizio con l’obiettivo e la necessità di migliorare
– L’uscita dal concordato (che è molto vicina)
– Riduzione della Tari e del peso della tassa sulle famiglie livornesi”.

“Nelle prossime settimane lavoreremo per definire meglio la platea delle riduzioni – aggiunge l’assessora al bilancio Viola Ferroni – ma è già possibile annunciare che né per le utenze domestiche né per quelle non domestiche sarà necessario presentare domande o partecipare a bandi. Le riduzioni saranno fatte direttamente in bolletta grazie alla elevata informatizzazione del settore entrate tributarie che, incrociando le banche dati, è in grado di non appesantire con adempimenti burocratici i cittadini – prosegue l’Assessora – È una grande soddisfazione poter dire che, dopo anni in cui la TARI è stata completamente lasciata a se stessa, senza preoccuparsi di come questa andasse ad influire sui cittadini, oggi riusciamo ad abbassarla riportandola ai valori ante 2014″.

Riproduzione riservata ©