Cerca nel quotidiano:


TARI 2021, in arrivo gli avvisi di pagamento

La prima rata entro martedì 30 novembre. La seconda e la terza entro il 30 dicembre e il 30 gennaio 2022 (è comunque possibile versare in unica soluzione entro il 30 novembre)

Sabato 2 Ottobre 2021 — 13:03

Mediagallery

L’Amministrazione comunale rende noto alla cittadinanza che sono iniziate le operazioni di recapito degli avvisi di pagamento precompilati per il versamento della TARI (tassa sui rifiuti) per l’anno 2021 e del saldo per l’anno 2020. Per le utenze non domestiche il recapito avviene tramite PEC.

Le scadenze
La prima rata della TARI va pagata entro martedì 30 novembre. La seconda e la terza rata scadono, rispettivamente, il 30 dicembre e il 30 gennaio 2022 (è comunque possibile versare in unica soluzione entro il prossimo 30 novembre). Il pagamento può essere effettuato presso gli uffici postali o gli sportelli bancari, utilizzando il modello F24 precompilato ricevuto.

TARI e misure per l’emergenza sanitaria
Le utenze non domestiche interessate dai numerosi provvedimenti governativi di chiusura per emergenza sanitaria  riceveranno un avviso  Tari 2021 pari alla sola quota fissa del tributo, a prescindere dai giorni di serrata  imposti dai provvedimenti governativi. Le utenze domestiche in possesso di attestazione Isee fino ad euro 8.265 destinatarie dell’agevolazione che prevede il pagamento della sola parte fissa del tributo relativa alla superficie dell’abitazione e non della parte variabile basata esclusivamente sul numero degli occupanti l’abitazione, riceveranno un avviso di pagamento Tari 2021 pari alla sola quota fissa del tributo, senza necessità di presentare alcuna istanza.

Come chiedere chiarimenti
A causa delle limitazioni imposte dall’emergenza sanitaria ancora in corso, è possibile richiedere ogni chiarimento in merito alla propria posizione relativa alla tassa sui rifiuti con le modalità qui indicate:
– in via prioritaria rivolgersi allo sportello telematico Tari, telefonando al numero 0586 886031 o inviando una mail a [email protected]
– per i casi non risolvibili telematicamente o di particolare rilevanza e complessità, è possibile rivolgersi di persona agli uffici, che ricevono solo su appuntamento. L’appuntamento può essere prenotato tramite il sito www.tupassi.it o scaricando la relativa “app”. È possibile prenotare un appuntamento anche telefonando al numero 0586 886031. L’appuntamento sarà gestito dall’Ufficio Tari di via Marradi 118 negli orari di apertura al pubblico: lunedì e venerdì 9-13; martedì e giovedì 15.30-17.30. Il mercoledì l’ufficio è chiuso al pubblico. Per ulteriori informazioni possono essere consultate le pagine dedicate alla TARI su questo sito web (www.comune.livorno.it), area tematica “Tributi”, Tributi ed Entrate, sezione “Tares-Tari”.

In quali casi chiedere chiarimenti all’ufficio Tari
In caso di errori e incongruenze nell’avviso di pagamento (per es. l’avviso si riferisce all’abitazione precedente e non a quella attuale), per evitare l’affollamento agli sportelli, si consiglia di provvedere subito al pagamento della prima rata, che deve essere comunque versata, e di rivolgersi agli uffici dopo il 30 novembre e prima della scadenza della seconda rata (30 dicembre), presentando copia del versamento della prima rata già effettuato.  C’è una situazione, invece, per la quale non ci si deve rivolgere agli uffici: quando il numero reale dei componenti del nucleo familiare sia inferiore a quello indicato nell’avviso di pagamento (per recente emigrazione, cambio di residenza o decesso di qualche componente). In questo caso la TARI va pagata integralmente (tutte e tre le rate) e il Comune provvederà, con l’avviso di pagamento dell’anno successivo, a effettuare il conguaglio, detraendo l’importo versato in eccedenza l’anno precedente. Questo perché, in base al Regolamento Tari, gli avvisi di pagamento emessi tengono conto della situazione anagrafica risultante al 30 giugno di ciascun anno.

Riproduzione riservata ©