Cerca nel quotidiano:

Condividi:

Tensioni in via Bruno, il caso finisce in Parlamento

Venerdì 26 Agosto 2022 — 16:46

Il deputato Francesco Berti ha deciso di portare il caso in parlamento con un’interrogazione rivolta alla ministra dell’interno Luciana Lamorgese

Le tensioni che nei in questi giorni stanno interessando via Giordano Bruno e il quartiere “Fiorentina”, finiscono in parlamento grazie ad un atto del Deputato Francesco Berti. Dapprima la morte del giovane Denny Magina, poi il rogo ai danni di due autoveicoli parcheggiati e il culmine, con il lancio di una bomba carta in strada. A seguito di questi episodi, che scuotono una città già fortemente colpita dal tema della sicurezza e che toccano un quartiere fortemente provato da spaccio e degrado, il deputato Francesco Berti ha deciso di portare il caso in parlamento con un’interrogazione rivolta alla ministra dell’interno Luciana Lamorgese.

“Ho depositato al Ministero degli Interni una interrogazione per chiedere massima attenzione nazionale sulla faccenda – dichiara Berti – I nostri quartieri, dove viviamo, non possono essere terra di nessuno dove vige la legge del più forte. Sono in contatto con la questura per aggiornamenti costanti. Chi ha a cuore la vivibilità e la pacifica convivenza civile, ha il dovere morale di indignarsi e chiedere che lo Stato sia presente e risolva i problemi. Non ci possono essere margini per una giustizia privata o vendette personali”, ha commentato il deputato.
Poi ha ricordato altri episodi di violenza occorsi a Livorno nel recente passato e che hanno coinvolto alcune bande criminali, questo ennesimo episodio lo ha spinto, spiega, a chiedere aiuto alla ministra: “La città non è nuova a episodi simili, Livorno è un centro di smistamento della droga d’interesse nazionale, per questo la criminalità pullula. Non possiamo più accettare questi episodi, dobbiamo intervenire in maniera drastica, io sto provando a fare la mia parte, adesso il ministero ci ascolti”, conclude l’onorevole livornese.

Condividi:

Riproduzione riservata ©