Cerca nel quotidiano:


Terme del Corallo: 180mila euro per il tetto degli ex alloggi

L’intervento, che rientra nel programma triennale dei lavori pubblici 2018-2019, è finalizzato alla manutenzione straordinaria dell’antico stabilimento termale  delle "Acque della Salute"

giovedì 30 agosto 2018 16:55

Mediagallery

La Giunta Municipale nella sua ultima seduta ha approvato il progetto definitivo per il rifacimento della copertura degli ex alloggi delle Terme del Corallo. Ammonta a 180mila euro la cifra impegnata per i lavori che consentiranno di mettere in sicurezza nello specifico la parte del tetto dell’edificio collocato sulla sinistra  del complesso termale , un tempo adibito ad ambulatori ed alloggi di servizio.
I lavori prevedono lo smontaggio completo del tetto e la ricostruzione di una nuova copertura a tegole con sostituzione di docce, discendenti e converse. Saranno realizzati anche nuovi controsoffitti coibentati.

L’intervento, che rientra nel programma triennale dei lavori pubblici 2018-2019, è finalizzato alla manutenzione straordinaria dell’importante edificio della Terme del Corallo, l’antico stabilimento termale  delle “Acque della Salute”.

Il grande complesso monumentale viene infatti costantemente monitorato per preservarne la bellezza architettonica che lo contraddistingue.

“La nostra attenzione sulle Terme è sempre costante – afferma l’assessore ai Lavori pubblici Alessandro Aurigi – e in attesa di aggiornamenti sui fondi del bando Periferie vogliamo comunque proseguire  nel  percorso di recupero e conservazione della struttura per una sua progressiva fruizione”.

Riproduzione riservata ©

33 commenti

 
  1. # Fabio

    Con la speranza che non diventi il tetto di qualche delinquente. Spero ci sia un controllo da parte delle autorità competenti.

  2. # Carlotta Monarotta

    Ma vendete tutto a qualche privato invece di buttarci soldi pubblici senza alcun ritorno economico!

    1. # Gino

      Commento intelligente e lungimirante. Considerato che pochi privati comprerebbero una struttura affogata dal cavalcaferrovia, io la regalerei in cambio di un impegno di ristrutturazione, partendo da una base d’asta di un euro, e quei soldi li metterei da parte per la demolizione del ponte.

    2. # Federico

      Deh, infatti ce la fila fuori della porta del Comune, per comprarle: ma in che mondo vivi?!?

  3. # TEX WILLER

    E’ giusto ristrutturare quella bellezza ma io riaprirei anche le terme perché cosi facendo sia le bellezze della ristrutturazione che il beneficio delle terme se ne potrebbe godere sia noi Livornesi e non con un ritorno economico.

    1. # buttare giuù

      Con le terme che ci sono in giro per l’italia…la gente dovrebbe venire sotto il cavalcavia …

      1. # Ilenia

        Le acque nin erano per fare i bagni…per bere come cura….che ci vorrebbe per tutti quei livornesi ( pisani) che le vorrebbero abbattere!

    2. # Dubbioso

      …. le acque termali sono esaurite…

    3. # 0586

      si peccato che è tutto pericolante e voglio vedere chi si prende responsabilità se viene in testa qualcosa a qualche turista o a qualche livornese……bisogna essere realistici non sognatori TEX!!

      1. # TEX WILLER

        Scusami 0586 ma se viene tutto restaurato come fa a caderti qualcosa in testa?
        E poi bisogna essere anche un po’ ottimisti …… l’importante e’ fare…………..

        1. # 0586

          Tex continua a sognare se sei giovane o giovanissimo che magari fra qualche decennio qualche alieno arriva anche a Livorno!

    4. # tiziana

      Pienamente d’accordo . E’ un pezzo di storia italiana…se il Colosseo cede non viene sempre ristrutturato?

  4. # Walty

    Fate a chi la spara piu grossa. A parte che le terme del corallo non sono vendibili. Ricordo che e’ sotto i beni culturali. Ma poi chi e’ che si prenderebbe a 1 euro una ristrutturazione complessa e onerosa sotto a un ponte?
    Fanno bene a investire se tirano giu anche il ponte e ridanno dignita’ a piazza dante, quindi puoi successivamente ragionare con un privato.
    Al contrario demolire.
    Ragazzi su. Ora riprendete a spararle…hahaha

  5. # Vinny

    Spese inutili, o recuperi tutto oppure lascia perdere. Cosi come proseguire la pista ciclabile in via magri che non ci passa nessuno.

  6. # BUTTATE GIU' IL CAVALCAVIA

    E quando hanno rifatto il tetto cosa ci fanno? Lo rimettono in funzione? Buttano giù il cavalcavia e ripristinano l’area? BEI MI VAINI !!!. Come se spendessi migliaia di euro per riverniciare di un rosso fiammante una vecchia auto senza motore ho buttato via soldi se non ce ne spendo altrettanti per rifarla funzionare!

  7. # Roby

    Vendere

  8. # Andrea

    Ma quale attenzione costante!!! AURIGI è tutto in abbandono e ci buttate 180000 euro???

  9. # Emme

    Prima pensare ad una viabilitá alternativa e buttare giù il ponte. Poi vendere la struttura. Anche perchè altrimenti
    non la comprerebbe nessuno

  10. # mind

    …mi immagino che essendo bene sotto tutela ci sia un nulla osta da parte della sovrintendenza alle belle arti di Pisa e che il progetto della nuova copertura sia in tema con la storicità del monumento?

  11. # Mario Pieri

    SOLDI BUTTATI VIA! come quelli spesi fin’ora. NON E’ UNA PRIORITA’ di pubblico interesse, inutile insistere.
    Così come è inutile pensare di abbattere il cavalcavia che invece andrebbe raddoppiato.
    Rassegnatevi le cure Termali sono ovunque anacronistiche e la struttura, pur bella che sia, non si presta a investimenti economici: dovrebbe essere messa in vendita, senza troppi vincoli, e chissà forse qualcuno potrebbe inventarsi una Casa di Riposo o altro….

  12. # Davide

    ..ma buttate giù tutto…..

  13. # walty

    forse non avete ancora capito…

    le terme non sono vendibili, è come vendere il duomo o la fortezza vecchia, si può solo dare in gestione i locali se e quando saranno agibili e se avranno un interesse imprenditoriale
    Addirittura c’e’ quello che dice che i turisti non ci possono andare perchè è tutto pericolante.
    Ma dico? ma come si fanno a scrivere commenti così banali?

    Per quanto, abbattere le terme sarebbe uno scempio classico da livornese gnorante che non sa nemmeno qual’è la storia della sua città…

  14. # elisa

    Che commenti deprimenti specialmente se fatti da Livornesi.
    Le Terme del Corallo sono di una bellezza unica, l’intero complesso ha un architettura bellissima e c’è gente che vuole abbatterle ma che vi dice il cervello!!!

    1. # Fabio1

      Che siamo (sono) stati bravi a ridurla così e basta vedere lo stato in cui si trova per capire che c’è ben poco da fare.
      C’è altro da salvare. Dobbiamo aspettare che queste strutture raggiungano lo stesso stato delle Terme?

  15. # Fabio1

    Attendiamo che anche barriera margherita faccia la stessa fine per poi chiedere e ricevere delle briciole di finanziamento per tamponare. Dirottare ora, su questa struttura, questi euro, potrebbe giovare alla città ed avere un ritorno con il turismo.
    180.000 euro alle terme è come quello che la fece in mare.

  16. # mauro

    Il tetto ex alloggi è crollato nei primi giorni dell’amministrazione Nogarin a causa di un incendio e da allora niente è stato fatto per limitare i danni; in questo lasso di tempo una parte relativamente sana della sottostante struttura è andata in decadimento, uniformandosi quasi alle condizioni del padiglione centrale. Un’analoga somma era stata stanziata e spesa negli ultimi giorni dell’amministrazione precedente per rifare il tetto del padiglione speculare.

  17. # Giuliettalapa

    Con tutti i problemi che ci sono a Livorno si pensa al corallo

  18. # Sorgentiii

    Soldi buttati via inutilmente. È inutile spendere soldi a macchia di leopardo, senza che la città abbia un tornaconto.
    O si fa un investimento con un progetto in mano, o si trova una soluzione al fine di non spendere dei soldi inutilmente.
    Fare lavori ogni tanto, non porta utilità per nessuno.
    Un progetto serio sul dafarsi, in sindaco ce l’ha?

  19. # Il vacanziero

    Ma perché non investire in quello che abbiamo già? Tipo fortezza nuova, fortezza vecchia e altro..Non capisco questa fissa per il corallo, che non porterà mai ingressi nelle casse comunali anche se rimesso a nuovo perché nessuno (a parte il comune) ci spnderebbe i soldi.
    Poi ci sono le scuole che fanno schifo. Maaaaaa

  20. # mario

    non investireiun euro se prima non si sa cosa farci, altrimenti sono soldi buttati….., o si cerca di fare un piacere a qualcuno e magari inventargli un posto di lavoro!

  21. # Sorgentiiiiiii

    Dalle Terme del Corallo, è possibile trarre un profitto per la Città?
    Oppure, via via si aggiusta, poi si incendia, poi crolla, poi si riaggiusta, e così via…
    Progetto serio, soldi spesi bene, lustro per la Città di Livorno.
    Il ponte, lo buttiamo giù?!

  22. # Anna

    Ristrutturare e farci un complesso scolastico no?…ci sono strutture scolastiche che fanno pena a livorno

  23. # mario

    le scuole devono essere antisismiche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dichiaro di aver letto, ai sensi dell'art. 13 D.Lgs 196/2003 e degli art. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679, l'Informativa sulla Privacy e di autorizzare il trattamento dei miei dati personali.
Il commento e il nick name da lei inseriti potranno essere pubblicati solo previa lettura da parte della redazione. La redazione si riserva il diritto di non pubblicare o pubblicare moderandolo sia il commento che il nick name. Se acconsente prema il bottone qui sotto “commenta l’articolo”.

Passa alla versione desktop Torna alla versione responsive