Cerca nel quotidiano:

Condividi:

Termovalorizzatore, gli esiti dell’incontro tecnico regionale

Sabato 19 Novembre 2022 — 09:17

Riunione tra ATO, AAMPS/RetiAmbiente e la Regione Toscana. Entro il 30 di novembre Aamps dovrà presentare la documentazione richiesta dalla Regione Toscana e proseguirà il lavoro di studio sugli investimenti. Le dichiarazioni nel merito di Alessandro Mazzei, Direttore Generale ATO Toscana Costa

Nel percorso di valutazione delle prospettive e delle tempistiche per lo spegnimento dell’inceneritore di Livorno il 18 novembre si è svolta a livello regionale la riunione tecnica -presenti l’ATO, AAMPS/RetiAmbiente e la Regione Toscana – sulla procedura di riesame dell’AIA (Autorizzazione Integrata Ambientale). L’incontro era stato richiesto da AAMPS per avere un quadro preciso sia delle procedure sia dei passaggi necessari ad acquisire tutte le garanzie richieste in termini ambientali, occupazionali, di prospettiva impiantistica e, complessivamente, economico finanziarie. La riunione ha consentito di definire i passaggi e di avere più tempo a disposizione, in accordo con la Regione Toscana, per le scelte migliori da compiere sia in relazione agli eventuali investimenti per la messa a norma dell’impianti sia per la loro compatibilità economica sulla tariffa e in stretto collegamento con i piani impiantistici redatti da RetiAmbiente per tutto il territorio e in grado di sostituire il TVR del Picchianti. In tal senso sarà presentata entro il 30 di novembre la documentazione richiesta dalla Regione Toscana e proseguirà il lavoro di studio sugli investimenti.

Nell’incontro si sono affrontate le seguenti tematiche:

1. Necessità per AAMPS di presentare entro il 30 novembre la documentazione sull’impianto richiesta dalla Regione Toscana;

2. Sull’aspetto più rilevante (adeguamento alle BAT) su 37 elementi presenti nel documento dell’unione europea, l’impianto presenta 8 conformità parziali e 3 non conformità totali, la più importante delle quali è quella relativa alle emissioni di NOx. Su quest’ultimo aspetto l’accordo con la Regione Toscana prevede la presentazione di un quadro tecnico ed economico che dia gli elementi di ammortamento degli investimenti e dei limiti temporali di ritorno degli stessi, per consentire di valutare tutte le opzioni possibili, precisando, comunque, che attualmente la pianificazione regionale prevede l’entrata in funzione degli impianti di trattamento finale dei rifiuti (ossicombustore, etc.) al 2026;

3. Poiché serviranno anche investimenti sull’impianto per riportarlo ad un’efficienza standard, l’importo complessivo, i tempi di realizzazione e il quadro ambientale saranno oggetto di approfondimento fra tutti gli enti interessati nei prossimi mesi. Certamente in caso di assenza di capacità di ritorno di investimento la procedura di riesame terminerà e si procederà ad attivare la fase di dismissione.

4. Il clima dell’incontro è stato di grande attenzione e collaborazione e consentirà di poter sviluppare un’analisi completa delle complesse questioni, costruendo un quadro dell’impianto chiaro e preciso.

Le dichiarazioni nel merito di Alessandro Mazzei, Direttore Generale ATO Toscana Costa: “E’ iniziata stamani una positiva e proficua interlocuzione con gli uffici della Regione Toscana, che consentirà di avere il tempo e di raccogliere tutti gli elementi di valutazione in merito all’impianto di termovalorizzazione di Livorno. Tali elementi consentiranno al sistema del gestore unico dei rifiuti, Retiambiente e la sua società operativa AAMPS, e all’ATO Toscana Costa di portare a termine la valutazione tecnico-economica prevista negli strumenti di pianificazione vigenti. Tutti i soggetti coinvolti hanno condiviso l’obiettivo di avere sul territorio dell’ATO Costa un sistema impiantistico pienamente rispondente ai più avanzati requisiti ambientali, che consenta la chiusura del ciclo dei rifiuti e che preveda, secondo le normative europee, la costante diminuzione del ricorso allo smaltimento in discarica”.

Condividi:

Riproduzione riservata ©