Cerca nel quotidiano:


Test sierologici gratuiti ad Effetto Venezia

All'interno della kermesse estiva, venerdì 28 e sabato 29 agosto, coloro che lo desiderano potranno sottoporsi, gratuitamente e su base volontaria, al test sierologico per verificare la positività al Covid-19

Giovedì 27 Agosto 2020 — 15:04

Mediagallery

Gli operatori, in caso di positività al test, daranno indicazioni sui successivi passaggi per lo svolgimento del tampone molecolare necessario per verificare se l'infezione si trova ancora nella fase acuta

A “Effetto Venezia e dintorni”, venerdì 28 e sabato 29 agosto, coloro che lo desiderano potranno sottoporsi, gratuitamente e su base volontaria, al test sierologico (con prelievo di sangue dal dito) per verificare la positività al Covid-19.
In piazza dei Domenicani nell’ultimo week-end della festa, sarà infatti allestita, dalle 21 alle una di notte, una postazione di “Movida si…cura “, la campagna di prevenzione per il Coronavirus, promossa dall’assessorato regionale al Diritto alla salute.
Vi sarà un gazebo così come mezzi mobili del volontariato sociale (Misericordie, Anpas, Croce Rossa italiana), cui rivolgersi per effettuare il test sierologico gratuito e avere tutte le informazioni necessarie.
Gli operatori, in caso di positività al test, daranno indicazioni sui successivi passaggi per lo svolgimento del tampone molecolare necessario per verificare se l’infezione si trova ancora nella fase acuta.
Sarà anche possibile effettuare l’alcool test, sempre su richiesta degli interessati.
“Livorno ha già ospitato l’iniziativa più volte a cavallo tra luglio e agosto – spiega l’assessore al sociale Raspanti – ma abbiamo chiesto all’assessore Saccardi di prevedere due date supplementari in occasione di Effetto Venezia. Vogliamo ringraziare la Regione per aver accolto la nostra richiesta e i volontari per il prezioso lavoro svolto in questa importante iniziativa di screening e prevenzione. La strategia tesa ad evitare una eventuale seconda ondata pandemica si basa, tra l’altro, sull’esecuzione di test su larga scala e sulla sensibilizzazione al rispetto di tre regole fondamentali: distanza di sicurezza, igiene delle mani e utilizzo delle mascherine quando necessario”.

 

Riproduzione riservata ©