Cerca nel quotidiano:


Torna per il secondo anno “Un bosco per la città”

Venerdì 25 Novembre 2016 — 15:17

Mediagallery

Dopo la piantumazione dei 100 alberi a Villa Regina, avvenuta lo scorso anno da parte dei bambini del circolo Brin, del Sacro Cuore e delle scuole medie Micali, torna anche quest’anno “Un bosco per la città”. E’ stata infatti approvata nei giorni scorsi in Giunta l’adesione anche per il 2016 a questa iniziativa, frutto della collaborazione con l’associazione “Un Punto Macrobiotico” di Livorno, che vedrà mercoledì 7 dicembre la “messa a dimora” di circa 400 nuovi alberelli nel parco della Cocchella di via Sicilia.
Le piante, che ora sono tutte tra gli 80 e i 120 cm di altezza, ma che diventeranno di alto fusto, sono state donate in parte dal Corpo Forestale dello Stato e per il resto dal Vivaio Barbini di Grosseto. La loro piantumazione sarà fatta ancora dai bambini, le buche invece saranno predisposte prima dai volontari del Punto Macrobiotico. “Valorizzare e tutelare l’ambiente insieme alle nuove generazioni – dichiara l’assessore Aurigi -, sviluppando la cultura del rispetto e la cura per i beni comuni è un obiettivo che l’Amministrazione Comunale cerca di perseguire con tutte le sue energie. E dare spazio e concretezza a iniziative come questa è certamente un metodo vincente e di buon auspicio per i risultati futuri”. L’adesione di quest’anno nasce anche dal’intenzione dell’Amministrazione di replicare il successo che ha riscosso la prima edizione a Villa Regina.
Infatti dopo un anno il “boschetto” della villa gode ottima salute. Qui i bambini non solo hanno piantato i 100 alberi, donati dall’Amministrazione Comunale, ma nel corso dei mesi se ne sono anche presi cura con un progetto didattico di vera e propria “adozione” dell’area. Le insegnati riferiscono che i bambini ne parlano ancora definendoli “i nostri alberi”. L’intero progetto è stato gestito da “Un Punto Macrobiotico” di Livorno, ma un particolare ringraziamento va anche ai Volontari della Associazione San Benedetto, Associazione Un Ulivo, Associazione Un Melo e la UEPE di Livorno, che hanno contribuito pazientemente ogni giorno da maggio ad ottobre, alla manutenzione dell’alberi.

Riproduzione riservata ©

4 commenti

 
  1. # Franco Franco

    Bellissima iniziativa bravi

    1. # nedo

      Concordo. Non si tratta solo di alberi ma anche dell’educazione dei nostri figli. E’ un’iniziativa in controtendenza con la quotidianità della società di oggi che premia solo l’ignoranza, l’apparenza e l’egoismo. I nostri bambini sono sempre più attratti dai supporti tecnologici e non imparano nulla dell’ambiente in cui vivono.
      Ci vorrebbero più boschi per la città e meno black friday

  2. # Marco

    Peccato che molti alberi siano morti e che anche nel recinto dei cani tre alberi siano morti e mai sostituiti …

  3. # maria elena moretti

    Bella iniziativa.
    Spero che si possa fare anche nei giardini delle scuole di Livorno.
    In molte c’è l’iniziativa dell'”orto in condotta”, ma il resto del giardino (es. scuola Banditella) sembra il deserto dei tartari e non c’è ombra, infatti nella bella stagione viene richiesto l’uso del cappellino. I bambini durante l’intervallo devono poter correre sul prato e non inciampare nelle radici e nel fango!