Cerca nel quotidiano:


Torre della Cigna, il tribunale dice “sì” allo sgombero

Salvetti e Raspanti unanimi: "Serve tempo e gradualità di intervento per far fronte all'emergenza"

venerdì 09 Agosto 2019 16:04

Mediagallery

Nel corso del Comitato di Ordine e Sicurezza Pubblica (Cosp) che si è svolto ieri mattina, giovedì 8 agosto in Prefettura, il sindaco di Livorno Luca Salvetti e l’assessore al sociale e alle politiche abitative Andrea Raspanti sono stati informati della decisione del tribunale di accogliere la richiesta dei legali della società San Teodoro, titolare di una importante porzione della Torre della Cigna, di un’istanza cautelare di immediato abbandono dell’immobile da parte delle famiglie che lo occupano.
“Abbiamo espresso con forza la nostra preoccupazione per una situazione che, per tutelare gli interessi di un grande soggetto privato, espone la città a una vera emergenza sociale – ha dichiarato l’assessore Raspanti – Nel corso del precedente Cosp avevamo avanzato la richiesta della convocazione della Cabina di Regia per definire un programma graduale che permettesse all’amministrazione comunale di far fronte all’esigenza di gestire un progressivo rientro della situazione cittadina nella normalità, mettendo bene in chiaro che gli sforzi dell’Ente sono al momento concentrati sulla liberazione della Chiccaia, che molte delle famiglie sgomberate dal Picchetto sono ancora senza una soluzione alloggiativa stabile e che il Comune non è in grado al momento di far fronte ad altre emergenze”.
“Nella seduta di giovedì 8 agosto – continua l’assessore Andrea Raspanti – abbiamo rinnovato la richiesta della Cabina di regia e chiesto alla proprietà di procedere immediatamente alla messa in sicurezza dei rivestimenti esterni dell’immobile, dal momento che il provvedimento del tribunale è motivato da questioni legate alla tutela dell’incolumità degli occupanti. Abbiamo inoltre ribadito con convinzione che il Comune non è al momento in condizione di garantire una risposta sociale all’altezza della situazione, laddove un programma di più ampio respiro permetterebbe una gestione pacifica del processo di rientro nella legalità che è incluso nelle linee di mandato dell’Amministrazione. La situazione abitativa livornese – conclude Raspanti – è complicata ed estremamente precaria: non può rimettersi in sesto se subisce colpi che farebbero vacillare anche assetti sociali molto più solidi. È nostra intenzione affrontare ogni situazione, ma con i tempi e i modi migliori nell’interesse della città che siamo chiamati a rappresentare. Gli interessi privati, per quanto legittimi, devono essere armonizzati con l’esigenza prioritaria di tutelare la coesione sociale della comunità, secondo quanto previsto anche dalla nostra Costituzione”.

Riproduzione riservata ©

18 commenti

 
  1. # Dove sei tengoilconto

    Le priorità sono la rotonda intitolata a Ciampi,la facciata dello stadio,il Caprilli,il super manager da 400mila euro l’anno,il Campo scuola,100 assunzioni in Comune etc, etc…

    1. # luca

      Sei talmente ripetitivo che non vale la pena risponderti.
      Beato te che passi tutto il giorno a commentare…..

      1. # israel hands

        sì è vero è ripetitivo però ha parecchia ragione

    2. # ZenEros anche lui tiene il conto

      Te lo ribadisco anch’io: non saranno priorità ma comunque cose che vanno fatte, caro NOgariniano…. e vanno fatte subito: così che centra TENGOILCONTO?

    3. # Fabio1

      deduco che in tanti non abbiate letto l’articolo.
      Ci sono già da sistemare chi era al palazzo del Picchetto che è stato fatto sgombrare senza alcuna altra alternativa.

  2. # Marco975

    Decisione giudiziaria grave, cervellotica e profondamente ingiusta.
    C’è il serio rischio che molte famiglie – già disperate o comunque in seria difficolta’- si trovino per strada: occorre garantire il loro diritto ad un’abitazione dignitosa e non le speculazioni immobiliari.
    Tutta la mia vicinanza e solidarietà agli occupanti.
    Ps Questa è una vera emergenza: altro che sicurezza ed immigrati…

    1. # bobstell

      il primo discorso di Salvetti, fu fatto sulla disonibilità di accogliere nel porto di Livorno una nave carica di nostri fratelli africani. Primo, l’accesso al porto, non è proprio competenza del Signor Sindaco… secondo, sarebbe doveroso che il Signor Sindaco, informasse i cittadini , dove avrebbe collocato i profughi, perchè alla luce del sole posti disponibili non si vedono, quindi, di due ,una. O Salvetti ha qualche posto segreto idoneo a ricevere un centinaio di esseri umani, oppure, il Signor Sindaco apre bocca e li da fiato.

      1. # 0586

        Una cosa è far “transitare” una nave e accogliere temporaneamente 100 immigrati, un altra è dare sistemazione “definitiva” a 200 “disperati” occupanti una struttura privata!!

        1. # bobstell

          Per 0586….. TEMPORANEAMENTE ?????.

  3. # Elisa

    Sarà anche ripetitivo ma ha detto la sacrosanta verità. Queste dovrebbero essere le priorità assolute, prima si pensa alle emergenze poi se si ha tempo si gigioneggia!!!

    1. # amaranthus99

      ma l’articolo l’avete letto tutto o vi siete fermati al titolo? In primis è stato il tribunale a decidere e non il comune, il comune mi sembra di capire che si è già attivato ma che al momento, essendosi accumulate altre situazioni simili, non ha, al momento, soluzioni. E’ stato detto da Raspanti che hanno chiesto questa “cabina di regia” alla proprietà ma che non si è fatta vedere … Bisogna anche vedere quanto tempo è stato dato agli occupanti per lasciare gli appartamenti e quali sono le modalità.
      Tengoilconto faceva la lista delle promesse e annotava se erano state ottemperate o meno, non mi sembra questo il caso.
      D’accordo con Marco975

    2. # luca

      tanto per chiarire,
      che la situazione abitativa è grave e che ci sono famiglie alla disperazione o quasi è più che evidente.
      Resta il fatto che per far girare più o meno bene una città ci sono anche cose più semplici che possono essere fatte in contemporanea a quelle più gravi.
      In base al tuo commento in un reparto ospedaliero viene curato solo quello più grave( cosa che non viene fatta nemmeno al pronto soccorso).
      Perchè alla fine , si trova sempre una cosa più grave e la possibilità di poter scrivere “””” invece di pensare a questo, pensa a quello che è più grave””.
      Poi probabilmente si parla di questo avendo l abbonamento a tal bagno, commentando da uno smatphone e la sera via con l aperitivo e un bel film a porta a terra.
      Oltre al fatto che chi commenta invocando “tengo il conto” lo fa per una ripicca politica, come ad essere onesti, veniva fatto prima.
      Siamo la città e i cittadinni della campagna elettorale permanente, dove tutto viene promesso…..
      P.S: se la rotonda non venisse intotalata a nessuno, il problema della Cigna sparirebbe??

      1. # Devil

        Certamente, però con i soldi che dai ad un dirigente ci paghi l affitto a cinque famiglie e forse più.
        L’unico problema è che loro non li voteranno mai

  4. # Dove sei tengoilconto

    Con 16000 euro dei fuochi d’artificio qualche camera in albergo per questa gente la pagavi…

  5. # roby

    non fate di tutta l’erba un fascio, aiuti e alloggi solo a chi ne ha veramente bisogno

  6. # Arconada

    Intanto andrebbe fatta una scrematura perché sono venuti da fuori Livorno ad occupare La Cigna e ex ATL quindi vedere i veri residenti a Livorno e sistemare loro ma non a scapito di chi invalido cerca un cambio per uscire di casa o chi legalmente è anni che aspetta una casa. Qui sfondano ci rimangano e cambiano anche casa spesso.

  7. # Luigib

    Ma se ad un abusivo casca un pezzo di rivestimento in testa e va all ospedale, la ditta proprietaria viene denunciata e l abusivo può richiedere danni?

  8. # Nedo

    Sarebbe bene verificare VERAMENTE chi sono i bisognosi: ci sono “occupanti” al palazzo ex Enel (via Cadorna-Via Crispi) che escono per andare a fare l’aperitivo al Vinaino e rientrano, che tornano con 3-4 pacchetti di sigarette in mano, e tutti, TUTTI con lo smartphone in mano. Ma sarà il caso che questa gente se ne vada e paghi un affitto da qualche parte? Dato che, oltretutto, buttano la spazzatura fuori dai cassonetti di vetro/organico in via crispi? Vergogna di un comune civile, vergogna verso tutti i cittadini onesti tartassati di tasse utili a mantenere questa gente e chi siede in poltrona al comune o in parlamento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dichiaro di aver letto, ai sensi dell'art. 13 D.Lgs 196/2003 e degli art. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679, l'Informativa sulla Privacy e di autorizzare il trattamento dei miei dati personali.
Il commento e il nick name da lei inseriti potranno essere pubblicati solo previa lettura da parte della redazione. La redazione si riserva il diritto di non pubblicare o pubblicare moderandolo sia il commento che il nick name. Se acconsente prema il bottone qui sotto “commenta l’articolo”.