Cerca nel quotidiano:


Tre detenuti realizzano tre violini

Ottantatre detenuti partecipano a quattro laboratori musicali all'interno del carcere e tre di loro realizzano a mano tre violini grazie all’aiuto del liutaio Giovanni Pasquali

venerdì 05 Luglio 2019 09:34

di Giulia Bellaveglia

Mediagallery

Pomeriggio speciale alle Sughere quello di venerdì 5 luglio alle 14 negli spazi della struttura. Ben ottantatre detenuti in regime di massima sicurezza hanno preso parte ai quattro laboratori musicali realizzati all’interno del carcere grazie al progetto Musica, arte, scienza finanziato dal Miur. “Quando sono arrivato ho trovato questo splendido progetto già avviato – ha spiegato Carlo Mazzerbo, direttore della casa circondariale – Ragion per cui non ho potuto far altro che supportarlo”.
In particolare, tre delle ottantatre persone hanno realizzato a mano grazie all’aiuto del liutaio Giovanni Pasquali tre violini, uno dei quali sarà suonato al concerto in programma dal Duo Baldo composto dai musicisti Aldo Gentileschi e Brad Repp.
“L’idea della costruzione dei violini è partita da una serie di modellini in legno realizzati dai detenuti in passato” ha affermato Marta Lotti, musicista e referente del progetto.  Presenti alla conferenza di presentazione dell’iniziativa Girolamo Deraco, compositore del laboratorio, Marco Garghella, commissario coordinatore, Alfredo Villano, responsabile reparto alta sicurezza e Salvatore Giffoni, viceispettore.
“Grazie a questo progetto è nata una logica di lavoro comune – ha concluso Giovanni De Peppo, garante dei detenuti per il Comune – Le carceri fanno sicurezza e la sicurezza dipende anche dal sentirsi parte di una comunità per provare ad uscire da queste strutture come una persona migliore”.

Riproduzione riservata ©

2 commenti

 
  1. # ugo

    complimenti ragazzi

  2. # StefanoL

    Bravi ragazzi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dichiaro di aver letto, ai sensi dell'art. 13 D.Lgs 196/2003 e degli art. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679, l'Informativa sulla Privacy e di autorizzare il trattamento dei miei dati personali.
Il commento e il nick name da lei inseriti potranno essere pubblicati solo previa lettura da parte della redazione. La redazione si riserva il diritto di non pubblicare o pubblicare moderandolo sia il commento che il nick name. Se acconsente prema il bottone qui sotto “commenta l’articolo”.