Cerca nel quotidiano:


Uccisione di Snoopy, processo sospeso. Risarcimento ai padroni e servizi sociali per l’imputato

Delusi gli animalisti. L'onorevole Michela Vittoria Brambilla: "Non si è resa giustizia ad un essere vivente eliminato come fosse un oggetto"

Martedì 19 Settembre 2017 — 12:57

Mediagallery

Processo sospeso a fronte dell’accettazione del giudice del tribunale di Livorno della richiesta difensiva dell’imputato, reo confesso di aver ucciso nel 2015 il cane Snoopy con un colpo di carabina, della “messa alla prova”. In sostanza il procedimento penale che ha visto alla sbarra Massimiliano Giunta, 39 anni, processato per il capo d’accusa relativo a “uccisione di animali” secondo l’articolo 544 bis del codice penale (che nello specifico recita: chiunque, per crudeltà o senza necessità, cagiona la morte di un animale è punito con la reclusione da quattro mesi a due anni) si è concluso con una decisione che vedrà Giunta affrontare qualche ora di lavoro di pubblica utilità durante la settimana (per un periodo totale di otto mesi) e un risarcimento nei confronti dei padroni dell’animale ucciso pari a 15mila euro. Al Comune di Livorno invece, parte civile nel processo insieme alle altre associazioni a difesa degli animali, una cifra di 500 euro da versare come donazione al canile.
Molte le polemiche in ambito animalista per l’esito del procedimento penale iniziato lo scorso maggio e terminato in questa prima metà di settembre.
“Sono particolarmente delusa da questa decisione del giudice di Livorno- afferma Piera Rosati presidente Lega Nazionale Difesa del Cane –  In questo caso il magistrato aveva la possibilità di scegliere e purtroppo ha scelto di non dare la giusta importanza a un gesto grave come quello di imbracciare un fucile e sparare contro esseri viventi senza colpa come Snoopy e un piccione, entrambi uccisi a poca distanza l’uno dall’altro dalla stessa persona”.
“La decisione del giudice di Livorno – scrive l’onorevole Michela Vittoria Brambilla, presidente di LeidaaLega Italiana Difesa Animali e Ambiente scendendo in campo in questa questione – rafforza la nostra determinazione nel sollecitare modifiche al codice penale che portino in carcere chi uccide o maltratta un animale. Non soltanto non si è resa giustizia ad un essere vivente eliminato come fosse un oggetto, ma c’è una grave ed evidente sottovalutazione della pericolosità dell’autore del fatto. Per questo è necessario dare un segnale di tolleranza zero e punire severamente chi si macchia di questi reati. Invece si sceglie di liquidare la questione con poche ore settimanali di lavori di pubblica utilità”.
Il presidente di Animalisti Italiani OnlusWalter Caporale aggiunge: “Questo provvedimento è vergognoso. La giustizia italiana aveva la possibilità di dar vita ad una svolta epocale in merito alle pene da infliggere a chi uccide animali innocenti, e invece ci troviamo di fronte all’ennesimo assassino che rimarrà a piede libero, che non farà un giorno di carcere, che non ha subìto nemmeno un processo. Snoopy era sul balcone della sua casa ed è stato ucciso senza pietà. Il suo assassino continuerà a vivere come se nulla fosse accaduto. E’ un oltraggio alla famiglia di Snoopy e alla sua memoria”.
La battaglia delle associazioni, si legge sulla pagina facebook di Animalisti Italiani Livorno, non si fermerà qui e verrà tentata ogni strada perseguibile per ottenere giustizia per Snoopy e la sua famiglia, continuando al tempo stesso a lottare nelle sedi istituzionali per un inasprimento delle pene.

Riproduzione riservata ©

34 commenti

 
  1. # enrico

    15.000 euro mi sembrano una penalità più che ragionevole perchè di fatto scoraggia comportamenti analoghi in futuro.

  2. # Piratatirreno

    Pace alla povera bestiola, però devo puntualizzare una cosa…… veramente credevate che il colpevole facesse qualche giorno di carcere?
    Ma se il carcere vero non lo fa chi uccide le persone, chi violenta, ecc….
    Ma per piacere……
    Ultima puntualizzazione: giusto punire chi commette reati come quello subito da Snoopy, come è anche giusto che le bestiole devono permettere alle persone di vivere in santa pace (come, ad esempio, un povero cristo che smonta dal turno di notte e non può dormire a causa di bestiole abbandonate tutto il giorno su terrazze o giardini e che, ovviamente, abbaiano fino a quando il padrone non rientra in casa dal lavoro).

    1. # Fulvio

      Se fosse come tu dici, allora autorizziamo una carneficina perché non esiste cane che non abbaia…ma cosa dici?

      1. # amaranto67©

        no, ma magari si può regolamentare la detenzione di un animale cosi come si regolamentano tanti aspetti della vita in Comune, ad esempio stabilendo che non si può detenere un dobermann in un appartamento del 4 piano, stabilendo che in un ascensore ci sia l’obbligo di museruola, o che sopra una certa taglia si debba avere un giardino o che , cosi come i minori, non li si possa abbandonare per un periodo di tempo troppo lungo… etc etc

        1. # fabio1

          Concordo appieno. E’ diventato di moda avere un cane; pare non se ne possa più fare a meno. (Come per le auto: più costano a comprarli e più ne vanno fieri…. )

      2. # Livornese tranquillo a bestia

        Travisato il senso….appunto se non ci sei tutto il giorno non te lo prendere……

    2. # "L.P.B"

      Le bestiole più delle volte sono più umane di noi e comunque se abbaia che facciamo ? Spariamogli no? Ma che discorsi …. Che le pene non sono scontate a chi uccide l’uomo sono d’accordo ma mi sembra giusto che anche lui paghi per aver ucciso una povero cane innocente . Ritengo giusto i 15 mila €

  3. # elit

    mi sembra che 15000 euro siano un’enormità. Ma come mai chi ammazza e stupra è in giro senza pena pecuniaria e spesso senza galera? In italia la giustizia è a due velocità. Gli animalisti non sono contenti? Cosa volevano 10 anni di galera per la persona che ha ucciso il cane? Ma per favore!

    1. # cappuccino

      No, secondo loro dovevano dargli l’ergastolo! Certamente una pena superiore a quella inflitta ai padroni di cani che azzannano i cristiani. L’affetto per gli animali è un bel sentimento, ma da questo a umanizzarli, beh…ho qualche remora.

    2. # floyd

      Concordo.

  4. # Amaranto67®

    La Brambilla la paghiamo profumatamente per occuparsi dei problemi dei cristiani…l’animalista la faccia coi propri soldi non coi miei…

  5. # Pina bellato

    avrei optato per una pena ” socialmente utile” ( tipo lavorare gratis tre mesi in una strutturia sanitaria ) perché mettendola sul piano pecuniario per chi la subisce può essere una sciocchezza o un debito insormontabile…….e quindi non avendo lo stesso effetto per chi la subisce, la pena non e’ equilibrata.

    Comunque , pur amando gli animali, da quando quella del piano di sopra a noi si è’ trasferita altrove col cane ( che abbiava sempre), noi viviamo meglio e ci si sveglia quando ci pare a noi e non al cane!!!!!

    Sarebbe perfetto se questi 15.000 fossero devoluti agli alluvionati di Livorno

  6. # Trollolo

    Ma fatela finita per dio. Mi sembra una condanna più che consona, impegnatevi così tanto per chiedere giustizia per cose più serie. Qui tra l’altro la giustizia ha agito a tempo record, al contrario di altri casi ben più importanti.

    1. # Karl

      I processi non sono tutti uguali. In quelli più importanti come dice lei, ci sono molte case da vagliare . Decine di testimoni di parte e controparte magari anche periti da ascoltare, decine di fascicoli da esaminare che determinano anche rinvii di udienza. Sono questi i motivi dei tempi lunghi nei processi.

      1. # elit

        i processi non sono tutti uguali e’ vero ma la legge e’ uguale per tutti o no? E’ per questo motivo che in Italia la giustizia intesa come apparato burocratico deve essere riformata.

  7. # Utilitarista

    sai che ti dico? Adesso mi compro un cane, lo chiudo sul terrazzo e me ne vado….

    1. # Fabrizio

      Che bel commento…

    2. # Franco zaff

      Così ti fai dei bei soldi

  8. # Ioannis

    SCUSATE, MA TUTTI QUESTI ANIMALISTI COMPRESO IL LORO PRESIDENTE. RACCOLGONO TUTTI LE DEIEZIONI CANINE? DA QUANDO SI PUÒ VEDERE IN OGNI ANGOLO DI TUTTA LA CITTÀ SEMBRA PROPRIO DI NO, ALLORA DIAMO ANCHE A QUESTI PADRONI DI CANI UNA CONDANNA ESEMPLARE, SICURAMENTE ANCHE TRA QUELLI CHE PROTESTANO LASCIANO LE DEIEZIONI PER TERRA SENZA RACCOGLIERLE. ALLORA FATE UN PO’ DI MEA CULPA MA TANTA.

    1. # Andrew

      Hai proprio ragione.

  9. # Marco

    Concordo pienamente con il commento scritto da “TROLLOLO”, non vengono punite le persone che uccidono gli umani…….e vi indignate perche la condanna non è sufficiente ???…….meditate gente, ci sono problemi molto piu’ importanti da affrontare…

    1. # ARCA

      ECCO BRAVO….DAI IL BUON ESEMPIO E RACCONTACI QUANTO HAI FATTO !!! (escluso lo spala-mota che abbiamo fatto tutti !!!)

  10. # Andrea

    Ad oggi chi uccide o stupra non fa nemmeno un giorno di galera…ma dove si vuole andare…

  11. # Tiziano

    Amico mio so per certo che sai di aver fatto una cavolata…ma per quanto ti conosco e sono parecchi anni….ti sono vicino… Tiziano Camus

  12. # fedex

    mi sembra troppo 15000€.va bene il servizio sociale, magari il triplo del tempo ma la multa non deve esistere.

    1. # Camallo genovese

      Caro fedez dei poveri ma che tu dici prestali te i 15 mila……

  13. # Morchia

    Scusate ma perdete anche del tempo a commentare uno che parla di assassini e di oltraggio alla famiglia del cane?
    Qui si è superato da tempo ogni limite. Vediamo quanto pagheranno i responsabili della morte di quella disgraziata nella torre della stazione o dei 9 morti per l’alluvione…

  14. # Sergio

    Reclusione da 4 mesi a 2 anni (sarebbe la legge, giusto?) finito tutto in una buffonata….ma allora cambiatele ste leggi, tanto in galera…diciamocela tutta…NON CI VA PIU’ NESSUNO!!! Non e’ che si da lo zuccherino e poi ci si dimentica rimborsando alle famiglie come in questo caso.

  15. # ste

    Mi sembra che qui ci siano solo commenti non inerenti ,
    1 era meglio anziche fare la multa cosi alta avessero fatto fare un po di galera,
    2 cosi chi è ricco si potrà permettere di uccidere senza di fatto sentirne la pena,
    3 che caxxo di commenti sono quelli che dicono che non vengono puniti coloro che uccidono uomini quindi figuriamoci per un cane……se la legge è sbagliata è sbagliata e dovremmo inneggiare per cambiarla non fare commenti deficenti.
    4 in questo caso andava punito il fatto di aver preso un fucile (in città da balcone a balcone)e sparato per uccidere poi chi e cosa ci fosse non importa……e se sbagliava e uccideva il bambino del balcone accanto?Già in questo caso non avrebbero dovuto fargli addirittura nulla perchè era stato solo un errore……
    Il mio parere comunque è che andava punito più severamente e chiarisco non metto sullo stesso piano cani e persone…

  16. # Ercole Labrone

    Non è stata data la giusta importanza al gesto???
    Cavolo, 15mila euro di sanzione ti sembra poco??
    In un paese come questo, dove chi commette reati come stupri o omicidi se va bene si fa 2 anni di galera, mi sembra una pena più che severa

    1. # ste

      il mio commento è stato moderato , comunque si, per chi fa gesti del genere la legge dovrebbe essere molto piu severa e nel caso di un coinvolgimento di persone dovremmo fare come in alcuni stati americani…..altro che galera

  17. # antonio t.

    Colpire nel portafoglio è, tutto sommato, la cosa più efficace; in galera non ci va più nessuno, e svolgere un po’ di lavoro utile gli farà bene; quello che stona è che in effetti la sentenza pare equiparare la vita del cane a un danno ad una cosa materiale. Quanto a chi parla di “problemi più importanti”, bè, è tutto relativo.

  18. # Paceco11

    No ci posso credere e stato massi che pena non immaginavo che il gesto l,avesse compiuto proprio lui mi dispiace di tutto!

  19. # Enzino

    Peccato mi dispiace di quando ho appreso la notizia che era Massi e un ragazzo dolce equilibrato sensibile e timido non alza mai la voce volenteroso e altruista un ragazzo d’oro