Cerca nel quotidiano:


Un flash mob per dire “no” al femminicidio

Sullo striscione appeso sulla grande "A" in piazza Attias la scritta: "Francesca è mia madre. Francesca è mia sorella. Francesca è mia figlia... Francesca sono io"

Domenica 18 Febbraio 2018 — 10:53

Mediagallery

La pioggia non ha scoraggiato le circa cento persone che nel pomeriggio di sabato 17 febbraio, intorno alle 17,30, si sono date appuntamento in piazza Attias, alla grande “A” dello scultore Spagnoli, per dire “basta” al femminicidio. Un luogo non casuale quello scelto dai manifestanti per questo flash mob che ha preso il nome di “A come Amore e non Morte”. Proprio a poche decine di metri infatti, lo scorso martedì 13 febbraio, si era consumato il terribile delitto nei confronti di Francesca Citi, 45enne, uccisa dall’ex marito poi suicidatosi a seguito del delitto (clicca qui per leggere la notizia).
Uno striscione bianco vergato di nero e sottolineato con il verde e il rosso. “Francesca è mia madre. Francesca è mia sorella. Francesca è mia figlia… Francesca sono io”. Una frase esemplificativa che dal pomeriggio di sabato campeggia sopra il monumento della piazza a monito di quanto accaduto, affinché simili episodi non si verifichino mai più

Riproduzione riservata ©