Cerca nel quotidiano:


Un giovane livornese (asintomatico) in isolamento

Il sindaco ha predisposto un'ordinanza per l’isolamento domiciliare di un ventunenne livornese che ha avuto contatti diretti con una persona positiva al Coronavirus

Giovedì 27 Febbraio 2020 — 14:53

Mediagallery

Il 21enne che attualmente non ha sintomi quali raffreddore, tosse, febbre, appena appreso che un compagno della squadra di calcio (non di Livorno) con la quale gioca, è positivo al virus ha subito telefonato ai numeri indicati dall'Asl seguendo la procedura per prevenire i contagi

Il sindaco di Livorno Luca Salvetti ha comunicato durante la seduta del Consiglio Comunale che sta predisponendo un’ordinanza, quale massima autorità sanitaria sul territorio, per l’isolamento domiciliare di un ventunenne livornese che ha avuto contatti diretti con una persona positiva al Coronavirus. La notizia è arrivata dall’Asl e precisamente dall’Ufficio Igiene e Sanità Pubblica di Borgo San Jacopo.
Il giovane, che attualmente è asintomatico (non ha sintomi quali raffreddore, tosse, febbre), appena appreso che un compagno della squadra di calcio (non di Livorno) con la quale gioca, è appunto positivo al virus ed è ricoverato all’ospedale di Siena, ha subito telefonato ai numeri indicati dall’Asl Toscana nord ovest, seguendo la procedura per prevenire i contagi. Ha informato del contatto avuto, attivando quindi spontaneamente la procedura per l’autoisolamento. L’intera squadra (non livornese) è stata poi messa in quarantena.
“Questa notizia – ha detto il sindaco – dimostra da un lato il corretto funzionamento della macchina di prevenzione, dall’altro e lo spirito collaborativo dei cittadini e in particolare il grande senso civico di questo giovane livornese”.

IL PRIMARIO DI MALATTIE INFETTIVE SPARTACO SANI

IL PRIMARIO DI MALATTIE INFETTIVE SPARTACO SANI

La comunicazione del sindaco è avvenuta poche ore dopo l’intervento in Consiglio Comunale del primario del reparto di Malattie Infettive dell’ospedale di Livorno Spartaco Sani, invitato a illustrare ai consiglieri l’attuale situazione relativa al Coronavirus, le modalità di prevenzione attuate dalle autorità sanitarie nazionali, regionali e locali e I corretti comportamenti raccomandati ai cittadini.
Il dottor Sani ha precisato che allo stadio attuale sono corrette le misure stabilite per la Regione Toscana e per Livorno poiché non è in atto una epidemia. Ha ricordato tra l’altro che il tampone viene fatto solo se il paziente è sintomatico e che in ospedale devono essere ricoverati solo pazienti gravi. “Gli altri si curano a casa, anche perchè è importante tutelare al massimo i presidi sanitari”.
Tra le altre cose chiarite dal medico è che non c’è alcun motivo, a Livorno e in Toscana, di non stare in luoghi affollati, e che le mascherine non servono in alcun modo a chi non è malato. L’intervento del dottor Spartaco Sani si può ascoltare interamente sul sito del Comune www.comune.livorno.it > https://bit.ly/3cfPsXK

Si ricordano i numeri utili per avere informazioni o per segnalare eventuali contatti avuti con persone contagiate:

NUMERI UTILI

Numero attivato dalla Asl Toscana nord ovest 050-954444 (attivo dalle 8 alle 20 con personale e dalle 20 alle 8 con segreteria telefonica) a cui rispondono medici della sanità pubblica. Questo numero è dedicato solo per la segnalazione obbligatoria di contatti con eventuali casi confermati di Covid-19 e rientri dalle aree a rischio negli ultimi 14 giorni.  Per informazioni e chiarimenti si può far riferimento al numero verde istituito dalla Regione: 800.556060, opzione 1, attivo dal lunedì al venerdì, dalle ore 9 alle ore 15. A questo numero rispondono operatori adeguatamente formati a fornire orientamento e indicazioni sui percorsi e le iniziative individuate dalla Regione sul tema del Coronavirus. Tutti gli approfondimenti si possono trovare sul sito della Regione Toscana: https://www.regione.toscana.it/-/coronavirus. Sempre per avere informazioni, i cittadini possono rivolgersi al numero verde istituito dal Ministero: 1500, attivo 24 ore su 24. A questo numero rispondono anche mediatori culturali che dialogano con i cittadini cinesi che si rivolgono al servizio.

Riproduzione riservata ©