Cerca nel quotidiano:


Vernacoliere contro Charlie Hebdo. VIDEO

La televisione "La 7" bussa alla porta del mensile satirico livornese dove Cardinali, Marmugi ed Eppesteingher rispondono a suon di vignette a quella sul "Sisma all'italiana" del giornale satirico francese

Mercoledì 7 Settembre 2016 — 18:14

Mediagallery

Non si ferma la reazione di critiche a catena innescate dalla vignetta di Charlie Hebdo sul “Sisma all’italiana” dove i vignettisti francesi ironizzavano sulle vittime del terremoto che ha colpito il Centro Italia cercando di far capire come le costruzioni e le case italiane fossero tutte in mano alla mafia.
Una vignetta che ha sollevato non poche polemiche anche dure e aspre. E anche chi sta dalla stessa parte, quella della satira, non ha ben gradito la “pennellata” transalpina sulle nostre disgrazie.
Così ecco che la redazione de “Il Vernacoliere”, unico mensile satirico italiano nato nel 1982 nella nostra città,  si scaglia contro i cugini francesi con una “contro-vignetta”.
A bussare alla porta di Mario Cardinali and Co. è stata proprio la redazione de “La 7” (clicca qui per vedere il servizio andato in onda in televisione) che ha voluto intervistate il direttore del giornale e due storici collaboratori e autori: Claudio Marmugi e Tommy Eppesteingher. Al riguardo il giudizio è unanime: vignetta “sbagliata”.
“La satira deve sempre rispondere all’intelligenza– spiega Marmugi ai microfoni de “La 7″ – Se il cervello non riesce a decodificare il messaggio, significa che il messaggio è sbagliato”.
“Ci hanno voluto dipingere come i classici mafiosi e mangiaspaghetti. Mi è parsa subito come un’espressione un po’ razzista contro i soliti italiani”, chiude Cardinali.

Riproduzione riservata ©

25 commenti

 
  1. # Trollo

    Cosa non si farebbe per della pubblicità gratuita!

  2. # Tommy

    Bel modo di farsi pubblicità su chi la satira la fa davvero!

  3. # Benito

    …da che pulpito viene la messa.
    Si sono dimenticati al vernacoliere delle vignette che fecero sulla tragedia del Moby Prince?

    1. # Paolo

      Io vado ancora un po più indietro nel tempo e ci metto anche la vignetta sulla strage di Ramstein in Germania (‘scusi per il camposanto? Segua le frecce!’. Davvero cencio che dice male di straccio!

  4. # PaoloNe

    E quando il Vernacoliere in occasione della tragedia del Moby Prince nel 1992 fece una vignetta in cui i passeggeri bruciati erano rappresentati come wurstel arrostiti ?
    Anche qui 2 pesi e 2 misure !!!

    PaoloNe

    1. # paolino

      Forse il sindaco Nogarin non lo sapeva quando ha deciso di dargli l’onoreficenza della Canaviglia !

    2. # Luca

      E quando nell’89 il Vernacoliere fece la vignetta con i cinesi “spiaccicati in piazza Tienanmen quella invece andava bene?

  5. # Ale66

    Eppure mi ricordo uno scivolone del Vernacoliere con un disgustoso numero sulla tragedia del Moby Prince…

  6. # unsenepolepiù

    I morti vanno rispettati sempre e comunque. Rimane il fatto che quando accadono disgrazie del genere oppure alluvioni e frane durante le piogge autunnali, vengono aperte inchieste su costruzioni fatte male, denari dispersi, ecc ecc ecc.

  7. # Pino

    In Italia le case non saranno tutte costruite dalla mafia, ma molte non sono costruite a “regola d ‘arte” come prescrive la legge.Ci sono troppe speculazioni e le ditte edili falliscono una dietro l’altra riaprendo sotto altro nome, come il recente scandalo di borgo di magrignano. Perchè? Sarebbe bene che si indagasse meglio per vedere cosa c’è dietro così non si darebbe adito al sarcasmo della satira d’oltralpe

    1. # bob

      Purtroppo in Italia si può metter su una SRL con 10.000 €, fare danni per milioni e chi si è visto si è visto.

  8. # Dubbioso

    Vi siete dimenticati della vignetta del vernacoliere dopo la tragedia del Moby Prince? Non valevano anche allora le argomentazioni di oggi?

  9. # Esse89

    “Se il cervello non riesce a decodificare il messaggio, significa che il messaggio è sbagliato”. In generale è un ragionamento giusto, ma se si va nello specifico allora bisognà dì che c’è cervelli e cervelli è. Che siamo tutti intelligenti è un bel mito, niente di più.
    Ci siamo capiti.

  10. # Luchino Chessa

    Certo, il Vernacoliere avev fatto una storia proprio brutta sulla vicenda del Moby Primce e noi come familiari delle vittime, in preda alla rabbia, li avevamo citati. Ad onor del vero vi devo dire che avevano ritirato tutto dopo aver avuto modo di incontrarci con il direttore del giornale che ci ha chiesto scusa per una infinita’ di volte,

  11. # Armando De Ratto

    La satira sulle disgrazie e tragedie di qualsiasi popolo o religione e da qualsiasi parte giunge e di cattivissimo gusto si dovrebbero solo vergognare.

  12. # Dredd

    Ci hanno dipinto come siamo.

    1. # unsenepolepiu

      E’ quello che ho voluto dire anch’io con il mio commento. Che poi abbiano usato levittime del terremoto quello è un altro discorso…

      1. # Dredd

        Noi ci sentiamo in diritto di prendere in giro tutto e tutti. Poi però se ci dicono italiani mafiosi spaghetti ce la prendiamo

  13. # John

    Come se i francesi non avessero ragione.

    Sarà pure satira, ma che abbiamo case abusive e costruite con materiali di risparmio non è certamente un’invenzione dei francesi. O volete farci credere che lo sia dopo tutto quello che si vede ai tg??

  14. # Nonnotto

    Ma quanti di voi che commentano hanno visto il servizio? La vignetta finale di Tommy&Claudio dà dei mafiosi agli italiani pure (Vous etes mafiosi…”, “Francese, ridillo e ti sciolgo nell’acido”). Quanto a Cardinali e alla Moby, penso che si possa cambiare opinione nell’arco di 25 anni, no?

  15. # Morchia

    Se il Vernacoliere in passato ha fatto degli sbagli non significa che oggi altri siano autorizzati a fare altrettanto e che si debba stare zitti. Anzi, forse è proprio sulla base di errori fatti in passato, penso in buona fede, che oggi il Vernacoliere può permettersi di dire la sua. D’altra parte chi è che non sbaglia mai? L’importante è chiedere scusa e imparare dai propri errori.
    Forse dice bene chi sostiene che su certe tragedie bisognerebbe proprio evitare l’argomento…

    1. # Pino

      Ma perchè il vernacoliere ha chiesto scusa? Si vuole difendere gli indifendibili?

      1. # Morchiamorchiad

        Mi risulta di si, magari leggi anche gli altri commenti. Mi fa impressione per non dire schifo che ci siano più commenti contro il Vernacoliere per cose passate che contro questa nuova vignetta che obiettivamente offende tutti gli italiani.

  16. # duda55

    Domandatevi questo:Chi li conosceva prima di quella “vignetta”?C’è gente che non aspetta altro!Occhio:Portano male!!!!!

  17. # Roby

    La satira non può essere limitata,altrimenti non è più satira,ma intrattenimento.a chi non garba non la compra,ma non si può dire che deve limitarsi e non deve esagerare,chi lo fa semplicemente non ha capito di cosa parla. Sul caso di CH ho letto commenti deliranti; gente che se la prendeva con la Francia è che forse poco tempo fa aveva cambiato il profilo fb con je suis Charlie….hanno provato a cavalcare la tigre e poi si sono indignati quando la tigre ha iniziato a mangiarli….